Dai premi ai permessi dei regionali | Tutti i dubbi della Corte dei conti - Live Sicilia

Dai premi ai permessi dei regionali | Tutti i dubbi della Corte dei conti

Nei giorni scorsi è giunto il via libera al rinnovo atteso da anni. Ma qualcosa non torna ancora. E i magistrati contabili lo mettono nero su bianco.

IL NUOVO CONTRATTO
di
26 Commenti Condividi

PALERMO – Nei giorni scorsi è arrivato l’ok della Corte dei conti all’ipotesi di contratto per gli oltre 13mila regionali a cui l’Aran Sicilia ha lavorato in un confronto serrato con le organizzazioni sindacali. Ma da via Notarbartolo l’ok al contratto non è stato senza “ma” e così l’agenzia per la contrattazione dovrà riscrivere alcune parti dell’accordo rispettando le osservazioni dei magistrati contabili, per poi ripresentare il contratto “emendato” nuovamente ai sindacati.

I rilievi della Corte

Molti dei dubbi della Corte dei conti riguardano le regole sui premi fissi attribuiti ai titolari di uffici per il solo fatto di ricoprire quel determinato incarico. I giudici, ad esempio, contestano così la previsione di “un’indennità per prioritarie funzioni istituzionali”. Sarebbe cioè previsto che ai dipendenti di alcuni uffici vadano dei premi per il solo fatto d’appartenere a quegli uffici. Si tratterebbe dei dipendenti delle Ragionerie centrali del dipartimento del Bilancio, dell’Aran Sicilia e dell’Ufficio speciale per il Settore bonifiche. Il premio sarebbe anche legato a particolari mansioni o a condizioni di reperibilità ma la previsione, per i magistrati, è “incongrua”.

Nella relazione è criticato anche il conferimento dell’indennità fissa di 2500 euro a chi riveste una posizione organizzativa nelle strutture regionali. Anche in questo caso per i giudici la clausola contrattuale sarebbe“incongrua” perché non sarebbe adeguata rispetto alle diverse responsabilità e alle diverse professionalità da remunerare.

Quanto alle posizioni organizzative i magistrati hanno espresso perplessità sulla norma che attribuirebbe al personale di categoria C che guida un ufficio, lo stipendio che si dovrebbe alla categoria superiore. Per i giudici infatti dovrebbe essere erogata solamente la retribuzione in più per l’incarico specifico.

Le performance dei dipendenti

La questione della performance dei dipendenti emerge anche da altri punti del documento dei magistrati contabili. Anzitutto, dal punto di vista economico i giudici della Corte dei conti hanno contestato che il contratto non fissa la quota di risorse per i premi in modo da porre un limite alla futura contrattazione integrativa. Il dipartimento alla Funzione pubblica si sarebbe così impegnato a quantificare i fondi per i trattamenti premiali prima dell’entrata in vigore dell’accordo. Sul punto, così, la Corte dei conti si è riservata di fare un successivo approfondimento.

I premi

A non convincere i giudici ci sarebbe, poi, il meccanismo con cui la Regione dà i premi ai propri dipendenti. La mancanza di buoni strumenti di valutazione della performance fino ad ora, avrebbero impedito “di quantificare in termini di miglioramento economico il ‘valore aggiunto’ della realizzazione degli obiettivi”. Così, il ciclo della performance nel 2017 si sarebbe “tradotto – queste le parole della Corte dei conti – in un adempimento burocratico, che non ha realmente condotto ad un incremento dell’efficacia e dell’efficienza dell’Amministrazione regionale”. Il presidente della Regione ha però di recente adottato un nuovo sistema di valutazione in cui i giudici contabili ripongono la loro fiducia.

I dubbi della Corte dei conti non si fermano qui. Non sono state giudicate positivamente tutte le indennità riconosciute ai dipendenti in caso di permessi e congedi. I giudici hanno manifestato la propria “perplessità sul riconoscimento del beneficio economico in assenza dell’effettiva prestazione lavorativa, in contrasto con la specifica natura dell’indennità”. Un “ma” arriva anche sulle assenze “per malattia per gravi patologie richiedenti terapie salvavita”. Per i magistrati infatti andrebbe aggiunto un tetto massimo di giornate. La Corte dei conti infine segnala che non va bene la concessione di 12 ore di assemblea sindacale piuttosto che 10 come fissato in altri accordi e che non si capisce perché dovrebbe nascere un “organismo paritetico per l’innovazione” quando il Comitato unico di Garanzia svolge funzioni simili. I dubbi, insomma, non mancano ma il contratto ha già il visto contabile e così, fatte le correzioni,il rinnovo si avvicina.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

26 Commenti Condividi

Commenti

    E il contratto dei dirigenti regionali scaduto nel 2006? Un D6 con questo contratto si avvicina al contratto dei dirigenti responsabili di unità operative. Dal 2006 non vi è stato un aumento del costo della vita?Gaspare Barraco (ing) Marsala.

    —-I dubbi, insomma, non mancano ma il contratto ha già il visto contabile e così, fatte le correzioni,il rinnovo si avvicina.——-
    Pure le elezioni si avvicinano, eccome se si avvicinano, ci armeremo di matita e di scheda elettorale.

    C’è da dire che una speciale indennità che viene riconosciuta ai dipendenti regionali per il solo fatto di esser assegnati ad un ufficio piuttosto che ad un altro esiste già, essendo stata prevista dalla famigerata l.r 19/2000 all’art.16.
    Riguarda il personale della Segreteria Generale, della Giunta, dell’Ufficio Legislativo e Legale, dell’Assessorato Economia (Ragionerie varie distaccate comprese), Autorità di certificazione e Audit.
    Con questo nuovo CCRL si intende estendere tale beneficio anche ad altri: l’Aran (che finora, in assenza di contrattazione da 12 anni, ha avuto ben poco da fare e, in una prospettiva futura, ancora meno ne avrà), un nuovo Ufficio Speciale in cui non vuole andare nessun dipendente (e questo potrebbe essere un buon incentivo per reperirlo) e, di nuovo, le Ragionerie, il cui personale arriverebbe addirittura a sommare le due indennità.
    Questo perché alla Regione ci sono figli e figliastri e, soprattutto, diffusa incapacità ad amministrare bene.

    Chiaramente questi rilievi solo e solamente per i disgraziati dipendenti del comparto per avere 85 euro di aumenti mensili. Invece per i dirigenti regionali che prendono al mese netto 5.500 euro minimo senza far nulla la maggior parte di loro e senza responsabilità, la corte e nessuno dice niente. Vogliamo una sicilia uguale al resto d’Italia. È possibile? Contratto ministeriali e una gestione fatta a Roma. Basta con questa finta autonomia gestita a convenienza di pochi.

    La realtà infatti è tutta un’altra cosa. Assolutamente un’altra cosa…

    la corte dei conti farebbe bene a fare le pulci ai propri stipendi e a quelli dei parlamentari, invece di sottilizzare su un contratto fermo da 12 anni, e un misero aumento di 80 euro, siamo proprio alla frutta!

    Mi piacerebbe sapere come vengono valutate le performance del personale della Corte dei Conti…

    Stipendio minimo dei dirigenti 5.500 euro.!!! Ma io firmo subito!!! Sono dirigente da 29 anni, ma quello stipendio me lo sogno… Ma Franca dove prende queste notizie o ignora la realtà??? Si è confusa, tutti i dirigenti (esclusi i 30 direttori generali) hanno uno stipendio BEN INFERIORE a 5.500 euro. E aspettiamo il rinnovo da SEDICI anni, aumenti che nel resto d’Italia tutti i dirigenti hanno avuto!!!

    Si informi meglio perchè non è affatto così.

    Aldila’ di tutte le valutazioni, giudizi, commenti sulla bontà del contratto, degli aumenti, dell’impegno, dell’onerosita’ …..spiace evidenziare che i sommi magistrati si siano soffermati sulle assenze per potere beneficiare sulleterapiesalvavita ed abbiano obiettatoche occorrerebbe regolamentare la cosa con un tetto alleassenze…..In parole povere. …. un dipendente affetto da leucemia….dovrebbeavere un tetto massimo di permessi per curarsi …..Evito di aggiungere altro

    Se le faccio vedere la mia busta paga mi dà Lei la differenza fino ad arrivare a 5.500 euro netti? Attenzione che la differenza è molta. Dirigente regionale di un Ufficio Speciale.

    Sono solo invidiosi della nostra posizione gerarchica perchè in quanto agli emolumenti veniamo trattati da morti di fame in considerazione delle grandi responsabilità che ci prendiamo abbiamo e che non ci vengono riconosciute, tranne quando sbagliamo per causa altrui. La gente le sa queste cose?

    Magari guadagnassi 5500 euro al mese. Il mio stipendio è neanche la metà…in quanto a non fare nulla io non so cosa stia facendo la signora.ra franca…io so che è sabato pomeriggio e sto lavorando da casa per la nostra lalnostra Amministrazione.io ci credo ancora… nonostante i 31 anni di onesto servizio

    Il fatto che Lei sia costretto a lavorare, il sabato pomeriggio, a casa per l’Amministrazione si spiega in 2 modi: o non è stato capace di organizzare il lavoro del Suo ufficio in modo efficiente (ed è la Sua prima responsabilità da dirigente), oppure non ha personale adesguato e/o a sufficienza per farlo (e allora la responsabilità è del Suo dirigente generale, che non sa programmare l’attività e le risorse complessive del proprio dipartimento). In entrambi i casi, converrà che il personale del comparto non dirigenziale c’entra ben poco. Provi invece a “motivarlo”, almeno quello che non ha ancora perso completamente la voglia di lavorare nonostante le delusioni patite (carriera effettiva negata, riconoscimento nullo del merito) e vedrà che sarà meglio per tutti. Anche per Lei, che potrà finalmente godersi i weekend tranquillo e sereno.

    Sgomberiamo una volta per tutte il campo da equivoci (più o meno interessati). Vero è che lo “stipendio” mensile di un dirigente regionale è inferiore a quella cifra, ma la sua retribuzione complessiva annua è composta da tre voci: trattamento di base (dipende dall’anzianità di servizio, circa 60.000 euro lordi l’anno) + indennità di posizione (dipende dall’ufficio a cui sono destinati e dalla sua “importanza”, da 6000 a 23.000 euro lordi l’anno) + indennità di risultato (che è il 30% dell’indennità di posizione che, pur soggetta a “valutazione” finora è sempre stata positiva tanto che la Corte dei Conti ha sollevato più volte rilievi fino a quando, dopo infinite polemiche, l’Amministrazione regionale, con la complicità dei sindacati, ha stabilito l’estensione della valutazione per obiettivi anche al personale del comparto non dirigenziale). Insomma, il dirigente più scarso (o sfortunato perché non ha le giuste amicizie…) porta a casa ogni anno almeno 75.000 euro: mi sembra che non se la passi proprio tanto male….

    si aggiunga anche il neonato Ufficio speciale per la progettazione che ad oggi non solo non ha progettato nulla ma i funzionari in organico passeggiano perchè non hanno le postazioni. Grazie Nullo.

    La guerra tra poveri non è mai una buona cosa ma visto che qualche collaboratore si sente Bill Gates o più bravo del governatore della Banca d’Italia, bisogna dire che già oggi ci sono dipendenti del comparto che prendono quanto e più dei dirigenti, con poche responsabilità e stando attenti a non fare sapere quanto prendono. Non sono tantissimi, ma neanche pochissimi, a occhio dell’ordine almeno di qualche centinaio. Io auguro al comparto di prendere sempre di più, ma di avere almeno un minimo (poco poco) di senso della realtà e di non sfogare le proprie frustrazioni sulla classe dirigente, anche se è inevitabile e comprensibile.

    ritengo che prima di parlare di premi in denaro e posizioni organizzative etc. bigogna procedere ad un piano di riqualificazione e formazione aggiornamento del cpersonaLle del comparto perchè si assicuri che sia effettivamente in grado di assumere l’incarico e le responsabilità connesse, che vanno dettagliatamente individuate a giustificazione delle indennità da attribuire.non compete ai dirigenti formare il personale che invece deve essere già in grado di adempiere ai propri compiti.Ciò anche quando si sposta da un dipartimento all’altro o da un ufficio all’altro.inoltre bisogna applicare la delibera di giunta che consente al personale rispondente agli atti d’interpello p,es.del dipartimento finanze di essesre trasferito senza la necessità del nulla osta del dipartimento di provenienza.altrimenti le delibere di giunta perchè le fanno

    @resto, magari non saranno 5500 euri ma adesso che mi viene pure a piangere miseria, le lo sa quando guadagna un B o C del comparto? forse è meglio che non lo sappia, se no forse si pentirebbe di scrivere certi commenti…….

    @Enjoy si ma le postazioni chi gliele fornisce? Sicilia digitale? (Alias Sicilia e Servizi) ma se quelli a malapena di danno dei pc base per giunta superbloccati e visionati permanentemente cone memoria e caratteristiche scarse, come gli chiedi dei software che in teoria dovrebbero servire all’Ufficio speciale Progettazione, o vanno in blocco oppure saranno piu’ lenti delle tartarughe delle galapagos, Musumeci basta che ha istituito l’Ufficio speciale di Progettazione, ci ha messo le persone (brave oppure non so) e non li ha forniti di niente, bel modo di risolvere i problemi.

    bene che va non è come dice Cico, perche accanto alla cifra 75.000 DEVE scrivere LORDI, e 75.000 lordi meno il 45 per cento fa al NETTO fa 41.250, questo nel MiGLIORE dei casi !!! i dirigenti dello Stato. delle (soppresse ?) Province, dei Comuni., dell’Inps Inail etc guadagnano i 5.500… informarsi prima di emettere giudizi.

    Perchè non dice che non esiste la pianta organica (o anche la sola dotazione organica) del personale alla Regione, in cui ogni ufficio ha la giusta dotazione di personale, alla Regione si conosce solo il numero dei dipendenti, tutti quelli che si dovrebbero e devono occupare di questo fanno altro, mi riferisco ai politici, organi di controllo, sindacati a tutti i livelli. A ciò si aggiunga che quando si risponde ad un atto per un posto dirigenziale quasi mai … stranamente …. si sa qual’è l’indennità per l’incarico, quanto è il personale assegnato e altro ancora, ma mancano (di sicuro) anche le risorse per MOTIVARE il personale, considerato che non ci sono fondi per straordinario , ma neanche per libri o documenti per aggiornamenti tecnici, per corsi specialistici (se non quelli organizzati dalla Regione stessa) e non parliamo di acquistare libri e poi cento altri problemi….informarsi prima di giudicare.

    Sindacati e Amm.ne firmano un contratto che prevede “Indennità per prioritarie funzioni istituzionali” guarda caso favoriti ass.to Bilancio, Aran, Bonifiche. Sorvolo sulle quote di straordinario riservate all’ass.to Bilancio, per non angustiare ancora di più chi lavora altrove, ma l’aran scherziamo. E’ evidente che si tratta di un regalo ai sindacati. Posizione organizzativa ” con una pletora di dirigenti abbiamo pure bisogno delle posizioni organizzative, per pochi eletti o raccomandati, ritengo sia inverosimile ma comprendo che anche i sindacati tengono famiglia.Se il contratto 10/2000 ha rovinato l’amm.ne questo finirà per distruggerla.Basta leggere i commenti per capire del cortocircuito esistente tra comparto e dirigenza che continua a essere irrisolto. Forse volutamente.

    Alla signorina “Sonny88” o al sig. “Leone” ed altri … li vorrei invitare ad avere un minimo di dignità e rispetto per le persone (in siciliano “aviti russurri nà faccia”) Già il fatto stesso di essere inquadrati come dirigenti della Regione siciliana ed esserlo solo e unicamente per clientelismo molti di voi e senza un regolare concorso pubblico per dirigenti, vi dovrebbe fare stare zitti. Piangete miseria?, ma non vi vergognate davanti a tanti giovani laureati disoccupati. Non guadagnate euro 5.500 mensili? Sicuramente allora contate meno di tutti perchè un dirigente della Regione siciliana per i grandi impegni e responsabilità che ha (??? ), tra stipendio mensile + indennità accessorie+ premio annuale arriva a euro 5500 mensili circa e non mettiamoci qualche gettone di presenza di qualcuno. Abbiate il coraggio di tacere.

    Salvatore, definire i nostri stipendi (non sono dirigente ma un funzionario D6) da morti di fame mi sembra proprio uno schiaffo dato a tutte quelle persone che vivono con molto meno di noi, compresi i giovani, super titolati e sicuramente più preparati e motivati di noi, che non riescono a trovare una sistemazione decente e minimamente, dico minimamente remunerata. Io mi
    sento, oggi, molto fortunata.

    @Franca hai sbagliato bersaglio, non sono un dirigente, leggi bene il mio commento, nella foga hai preso fischi per fiaschi………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.