Di Maio: "Il sindaco Cinque? | Non è del movimento" - Live Sicilia

Di Maio: “Il sindaco Cinque? | Non è del movimento”

Patrizio Cinque.

Il capo politico dei grillini e l'indagine che coinvolge il primo cittadino bagherese. Il Pd attacca

Il caso Bagheria
di
27 Commenti Condividi

PALERMO – Una sola frase pronunciata uscendo da teatro Biondo di Palermo, dove aveva appena concluso la convention con i candidati alle Politiche: “Non è un sindaco del movimento”. Le parole sono del capo politico del Movimento cinque stelle, Luigi Di Maio, e il destinatario è Patrizio Cinque, sindaco di Bagheria per il quale la procura di Termini Imerese ha chiesto il rinvio a giudizio con sei capi d’accusa: turbativa d’asta, turbata libertà nella scelta del contraente, falso, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio e omissione di atti d’ufficio. Cinque, all’indomani dello scoppio dell’inchiesta, si autosospese dal Movimento cinque stelle.

Le parole pronunciate ieri sera da Di Maio e riportate da un video di Repubblica, tuttavia, riaprono lo scontro politico con il Pd bagherese che attacca: “Dopo la scomunica da parte di Luigi Di Maio ci aspettiamo che anche il M5s di Bagheria prenda ufficialmente le distanze dal sindaco Patrizio Cinque – sono le parole di Daniele Vella, sfidante di Cinque al ballottaggio -. Al di la delle vicende giudiziarie – aggiunge -, che sembrano gravissime, la sindacatura di Cinque è fallimentare. Lo sanno bene i cittadini bagheresi che ogni giorno vivono sulla loro pelle l’incapacità amministrativa di questo sindaco. Le forze politiche – conclude – hanno il dovere di creare un’alternativa al malgoverno pentastellato che ridia una prospettiva di buon governo a questa città. Bagheria ha bisogno di amministratori che abbiano la testa proiettata alle cose da fare per il territorio e non in altre vicende”.

“Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque abbia un sussulto di dignità e dimostri un minimo di amore per la città: dia subito le dimissioni. Di motivi per farlo ve ne sono tantissimi: amministrazione a dir poco fallimentare, una situazione giudiziaria imbarazzante, anche se noi siamo sempre e comunque garantisti, la cacciata dal Movimento al quale appartiene, con la pubblica sconfessione che ne ha fatto il candidato premier Luigi Di Maio che non lo considera più un sindaco pentastellato”. Così Maurizio Lo Galbo, vicepresidente del Consiglio comunale di Bagheria, commentando la grave situazione politica che si e’ venuta a creare con il rinvio a giudizio del primo cittadino grillino, scaricato dal M5S. “Comprendiamo bene le ragioni vere della defenestrazione di Cinque a pochi giorni dal voto per il rinnovo del Parlamento – commenta Lo Galbo – con l’esigenza del M5S di apparire immacolato ma pensiamo che Bagheria e i bagheresi meritino maggiore rispetto e considerazione, e per questo crediamo che gli elettori debbano riflettere bene su ciò che significherebbe affidare il governo del Paese a un personale politico che ogni giorno da’ dimostrazioni di qualunquismo e di incompetenza”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

27 Commenti Condividi

Commenti

    Scusate non ho capito ma allora si era candidato con forza Italia o con il pd e nessuno ci aveva detto niente

    Quelli che sbagliano sono da condannare, senza appello.
    Se per caso sono dei 5Stelle, non li conosco, chi li ha mai visto ? ….

    E’ mai credibile un signore tanto disinvolto ? … Insisto: chi vota per i 5 Stelle dovrebbe riflettere … Non vale sempre dire: gli altri sono peggio.

    quando vengono sgamati allora non sono piu del movimento,sei grande di maio ma come sola.

    Caro di maio il vostro modo di fare non è corretto adesso inizia a non convincere più. Voi mettete la gente in lista, la scegliete la fate eleggere e poi al minimo problema la espellete. Troppo facile! Inoltre rimangono in carica lo stesso

    Le persone per entrare nel movimento devo presentare documentazione tra i quali il certificato penale . È il requisito richiesto al contrario di tutti gli altri schieramenti dove il requisito è essere un pregiudicato . È ovvio che se nel movimento succede qualcosa viene allontanato perché è giusto. Inoltre le persone rimangono in carica perché lo prevede la legge . Di certo non formulata dal movimento 5 stelle che se sale al governo tutte porcate di corrotti collusi hanno finito.

    Ma per favore!!! Ma la smetta!! Ma ci prende per fessi?? Io me lo ricordo Cancelleri ‘coprire’ Cinque durante la campagna elettorale per le regionali…basta farsi un giro nell’archivio di Livesicilia… Io me lo ricordo l’ “abusivismo di necessità”, esaltato da Cinque, difeso nel programma elettorale del M5s per le regionali. Basta farsi un giro nell’archivio di livesicilia. Io me li ricordo Di Maio & Cancelleri girarsi insieme in lungo e largo la Sicilia durante le Regionali: li ho visti. Ed ora scaricano Cinque? Solo ora? Ma mi faccia il piacere! E’ più dei loro Cinque di chiunque altro, anche se si è ‘dimesso’ dal partito quando ha ricevuto l’avviso di garanzia. Da sindaco però non si è dimesso.. Sai che gliene frega al cittadino di Bagheria che non è più nella banca dati della Casaleggio associati..

    concordo totalmente, questo e’ un modo di fare politica troppo semplicistico. Anzi ritengo che visto tutte le selezioni alle quali partecipano solo quelli del loro mondo, hanno ancora piu’ responsabilita’ degli altri

    È un tipo senza spessore. I competitor in confronto hanno almeno personalità.

    A me sembra una torre di babele- Ognuno dice e smentisce

    Tanta pena.

    E pensare che tanta gente voterà per questi per disperazione.

    Ma come si fa???

    Scusa Di Maio ma dire che Cinque non è del movimento è troppo facile dopo che è stato portato dal movimento e votato nelle vostre file dagli elettori . .E’ come una madre che fa nascere un figlio e poi questo la disconosce. Auguri e buon proseguimento ai senza stelle.

    la vedo un pò confusa e molto ma molto disinformata. Ma va bene uguale, continui a votare 5stelle e tanti auguri.

    X GIGGINO e CANCELLERI ” OPPORTUNISTI ” Al foro italico di Palermo il Sindaco di BAGHERIA PATRIZIO CINQUE del Movimento 5S, è stato presentato come fiore all’occhiello per le sue capacità amministrative. Ora dite che non fà più parte del M5S è FALSO . Il Patrizio Cinque attualmente è in campagna elettorale per la candidata Vittoria CASA del M5S

    Un bel trucchetto: mi indagano, mi autosospendo, il movimento si chiama fuori,io continuo a fare quello che facevo prima (sindaco, deputato, consigliere etc.) e siamo tutti contenti. Ci vuole una gran faccia tosta

    Scusa caro Di Maio, ma ti sei accorto che questo sindaco da te disconosciuto pubblicamente viene mantenuto interno dal m5s in consiglio? Oppure disconosci pure tutti i componenti del consiglio comunale di Bagheria? bhooo

    allora caro signorino di maio,visto che avete portato e state continuando a portare gente poco seria in parlamento e nell’amministrazione,considerato che gli stipendi vengono pagati dal popolo italiano,voi cosidetti onesti del movimento rinunciate alla totalita’dei vostri compensi e pagateli di tasca vostra.

    propongo al signor gigetto di maio di pagare di tasca sua gli stipendi a tutti i pentastellati che sono stati eletti in vari posti ed espulsi,se avesse fatto una selezione seria a monte,gli italiani non dovrebbero buttare i loro soldi per foraggiare questa gentaglia,che mi rispondi?

    Si chiama Cinque ed è fuori dal Movimento??????

    Troppo scarsi, serie D retrocessione!!

    Non sono elettore del m5s ma Di Maio ha perfettamente ragione.

    Di quale pd bagherese stiamo parlando??? Quello che quando ha saputo che i loro vecchi leader siciliani sono stati posati giustamente da Matteo Renzi si sono dichiarati partigiani delle poltrone????
    Bagheria o non Bagheria una cosa è certa il pd siciliano è morto.

    5 stelle. Ogni volta che Di Maio e company si trovano ad affrontare una querelle se la cavano sempre col pregiudizio e si vestono del velo bianco della purezza. Sbrigativo anche questa volta Di Maio. Spiace che l’opposizione cavalca l’argomento opportunamente x scopi elettorali. Non voto 5 stelle ne conosco il sindaco ma invito a fare una riflessione oggettiva ai lettori. I fatti di cui al rinvio a giudizio sono banalissimi in tema di vere fonti di prova di reato. Si dimentica un fatto importante. Un pentito intercettato ebbe a dire e poi confermare che il sindaco non era avvicinabile e che non erano in condizioni di condizionare gli appalti. Scusate , ma conta o no questo. Lumia e crocetta lo avrebbero proposto ministro…

    Giggino e Giancarlino pari sono.

    ma che commenti inutili,avete visto quanti sindaci del pd e fi sono indagati per fatti gravissimi? ma fatemi in piacere di tacere.

    adesso votiamo M5S..

    tranquillo tra non molto anche Cinque sarà un sindaco del PD e così ne potrai aggiungere un’altro all’elenco. Mi raccomando non dimenticare di votare 5stelle loro sono onesti, a limite se qualcosa non va basta rinnegarli ed è tutto apposto.

    e perchè di maio invece di difenderlo lo rinnega? ma che razza di uomo è, come si fa a trattare così quello che per lui è stato un amico, un sostenitore un grande Sindaco. La verità è che questo signorino pur di arrivare al suo scopo rinnegherebbe pure sua madre. Un piccolo, piccolissimo uomo tutto chiacchiera, poltrona e rimborsi. VERGOGNOSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.