"Diffido del politico antimafioso" |Su I love Sicilia parla Agueci - Live Sicilia

“Diffido del politico antimafioso” |Su I love Sicilia parla Agueci

Il procuratore aggiunto di Palermo si racconta sul nuovo numero del mensile. ON LINE LA VERSIONE PER TABLET E SMARTPHONE. ACQUISTA IL NUMERO

On line il nuovo numero
di
21 Commenti Condividi

PALERMO – “Diffido del politico che si proclama antimafioso. Non significa niente”. Così Leonardo Agueci, procuratore aggiunto di Palermo e titolare delle più delicate inchieste della procura sui colletti bianchi, protagonista della copertina del nuovo numero di I love Sicilia. “Il mondo della politica crede di avere risolto i problemi creandosi un’immagine pubblica di lotta alla mafia – dice il magistrato -. L’antimafia di facciata c’è sempre stata, la gente però ora ha imparato a riconoscerla. Basta leggere i commenti sul vostro giornale on line (il riferimento è a livesicilia.it, ndr). Sono una cosa meravigliosa. Spesso non li condivido, a volte sono ingenerosi nei nostri confronti ma capisci lo spirito della città”.

Intervistato da Riccardo Lo Verso, Agueci parla delle sue passioni private (l’Inter su tutte) e della Sicilia di ieri e di oggi. “Dalle indagini ho capito che certi meccanismi del potere resistevano. Il vecchio non se n’è mai andato. Il rapporto fra il cittadino, le istituzioni e la politica non è che sia cambiato un granché. Fortunatamente è cresciuta anche la Palermo che si ribella”.

Tra gli altri protagonisti del nuovo numero di I love Sicilia, il vincitore del Tour de France Vincenzo Nibali e l’attore catanese Leo Gullotta. E poi un viaggio in 14 cantine siciliane alla scoperta del Cerasuolo di Vittoria, una delle 73 Docg del vino italiano.

Il numero sarà in edicola nei prossimi giorni e già da oggi si può acquistare on line (QUI IL LINK) e scaricare anche per tablet e smartphone (LINK APPLE STORE, LINK GOOGLE PLAY, LINK WINDOWS STORE).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    Dr.Agueci l’ho sempre stimato per il suo comportamento di uomo delle istituzioni che non ama il protagonismo dopo aver letto quanto sopra lo stimo ancora di più. Avanti così.

    Grande Agueci! Parole verissime.

    ma perché allora dinnanzi a conclamati casi di nomine illegittime di soggetti senza titoli competenze ed esperienza la magistratura fa nulla? ribellarsi d’accordo ma ci vuole un aiuto anche da parte delle istituzioni sane…

    Scommetto che stiamo pensando tutti quanti, a quei politici ,che non perdono mai l’occasione per professarsi paladini dell’antimafia, salvo a lasciare intatto il sistema e gli uomini che hanno generato il mostro “mafia” o non hanno fatto nulla per combatterlo!!!

    L’antimafia di facciata ha un nome un cognome ed un indirizzo. Si sono fatti conoscere prima (con la pretesa di assicurare illusionistiche coperture..!) con il Governo del Presidente Lombardo, ora cimentandosi con il governo della rivoluzione parolaia. Mi auguro che la ventata liberal attraversi lo Stretto e metta fine a questa grottesca farsa politica che ha arrecato danni alla Sicilia e sfigurato (non poco!) anche al partito dei democratici siciliani.
    Un grazie sentito al dottor Agueci per la semplicità delle parole usate e di non aver fatto uso di proclami su una questione così delicata e sentita. La necessario di tagliare l’erba ai pascoli abusivi praticati, da troppi anni, nella terra di mezzo tra la politica e la serena e puntuale opera condotta dagli organismi preposti all’azione giudiziaria. Parimenti va prestata attenzione al rinnovamento della politica e del fare politica in Sicilia – che ancora deve avere inizio – imposta dalla necessità di tornare a vivere rinnovandosi o di continuare a morire ogni giorno.

    Avercene di AGUECI!!! Grande!!!

    Egregio Dott. Agueci ha perfettamente ragione, con la scusa della mafia e dell’antimafia
    hanno depredato e continuano a depredare il popolo siciliano di tutti i suoi beni tanto che ci hanno resi poverissimi.Ma la cosa più impressionante che si fa poco per fermare questi predoni.

    Sono assolutamente d’accordo.
    Purtroppo siamo circondati da antimafiosi i quali, indossando ogni giorno il vestitino buono, fanno di tutto e di più.
    Una cosa sola mi dispiace che tifa Inter.

    Ha la mia stima, ma sulla formazione professionale, siamo al limite della resistenza! La gente non capisce perchè il trio, politica-burocrazia-sindacati continuino a violare le leggi con una arroganza disarmante. Vogliamo il ripristino di un minimo di legalità. Abbiamo informato e delegato, attraverso le nostre numerose denunce, la Magistratura inquirente e la Corte dei Conti per sbarrare il passo a banditi e faccendieri. Attendiamo fiduciosi l’esito delle indagini con ogni residua resistenza, anche nei confronti di chi ci deride ogni giorno violando e offendendo le leggi e le ISTITUZIONI.

    Buon lavoro!

    Mario Mirabile

    La Sicilia, oggi più che mai, ha bisogno di uomini “guida” – punti di riferimento -, come è, tra i pochi, il Dott. Agueci. Immaginate in che stato di confusione e disordine potremmo trovarci, con l’attuale classe politica e dirigente siciliana, e non avere questi simboli a rappresentare lo Stato e le Istituzioni.
    Purtroppo non tutte le Istituzioni oggi godono dello stesso rispetto, credibilità e stima come quella rappresentata dal Dott. Agueci.
    Sono gli uomini che stanno dentro (politici e non) che delegittimano l’Istituzione.
    Stiamo con lei e con tutti gli uomini di buona volontà.

    L’aeroporto di Catania è uno di questi casi clamorosi di nomine illegittime di soggetti senza competenza ed esperienza.Figuratevi che l’Ad è un ing idraulico specializzato in fognature circondato da moltrissimi consulenti.E il popolo siciliano paga.Cosa fa la magistratura?

    La mia foto sulla copertina patinata di “I Love Sicilia”.
    Il mio sogno nel cassetto. Non riuscirò mai a realizzarlo.
    Non conduco inchieste.
    Ennio Tinaglia

    Io diffido anche di quei magistrati antimafiosi che ad un certo punto della loro carriera diventano…politici! …..scusate.

    Che non gli piacessero i politicanti antimafia è notizia che mi sorprende piacevolmente, quindi mi aspetto che le “denunce ” fantastiche di crocetta siano tenute nella considerazione che meritano. Ci conto da ora in poi. Non sembrava la pensasse in tal modo, tutt’altro.

    Parole sante quelle del dott Agueci.
    L’antimafia dovrebbe poter essere la soluzione a tutti i problemi della nostra terra.
    La civiltà di un popolo e’ strettamente legata alla quotidianita’, quindi il lavoro e’ lo strumento di dignita’ di ogni soggetto.
    Basta fare chiacchiere, ormai questa maschera e’ diventata il segreto di pulcinella.

    Finalmente una bella notizia.
    Bravissimo Dott. Agueci.
    Lei da fiducia nella magistratura. Fatta di uomini obiettivi, intelligenti e imparziali.
    L’antimafia, così com’è concepita dal ns. governo regionale, (ipocrita, parolaia,propagandista) è condizione d’obbligo per accedere a posti di potere, sottogoverni, consulenze & incarichi .
    Anche privi di competenze (nelly!)
    Chi non la pratica è un infedele !
    Non merita di stare nel cerchio magico

    Sig . Procuratore cOme dice
    Bene lei alcuni si sono creati sventolando.bandiere oppure gridando più degli altri la facciata non riusciamo a capirepperò perché la magistratura li continua a farli lavorare indisturbati.
    Poi lei.dice alcuni commenti ingenerosi ma come puoi credere nella giustizia quando una cosa fatta da alcuni pesa zero la stessa cosa pesa 100 chili?
    La bilancia deve essere uguale.

    Di grazia, Signor ianoscopio, ci dica chi sono stati ad eleggere “questi predoni”!
    O che per caso Lei preferisce farfallare all’infinito sui mille ‘effetti’, per evitare, appunto, di andare alla CAUSA che sono i Siciliani che si fanno “li affaruzzi soi”???

    un antico proverbio siciliano recita: ciumi ki grira passaci sicuru. Be sorvolando sul senso letterannlen (vista la tragedia genovese) la saggezza popolare ci mette in guardia contro ki spesso usa solo latrare. Il minimo ke puo capitare e il vuoto ke cerca nascondere quando non addirittura la collusione. D altro canto sulla sponda avversa la mafia ssuccede la stessa cosa: il peggior mafioso quello “serio” non lo vedi mai skiamazzare.

    stimo Agueci.Ricordiamoci dei professionisti dell’ antimafia e il fatto che sia interista è un merito in piu’

    Dott. Agueci la ringraziamo prima di tutto per il suo lavoro volto anche a “ripulire” questa nostra amata Sicilia e soprattutto per queste, seppure scarne, esternazioni che ci rassicurano tanto.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.