Sanità, Dipasquale: "In Sicilia è a pezzi, Schifani come interverrà?"

Dipasquale: “Sanità pubblica a pezzi, Schifani come interverrà?”

Le parole del deputato ragusano del Pd all'Ars
REGIONE
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – “Sessanta ore di attesa al pronto soccorso prima di trovare un posto letto: è questa la sanità ereditata da cinque anni di governo del centrodestra in Sicilia, una sanità a pezzi e che i siciliani non meritano”. Lo dice il parlamentare regionale del Partito Democratico, Nello Dipasquale, commentando la notizia riguardante una donna che ha dovuto attendere due giorni e mezzo al pronto soccorso dell’ospedale di Modica (Ragusa) prima che le venisse assegnato un posto letto.

“Ritardi e disservizi nella sanità regionale”

“La sanità siciliana è fatta di ritardi, disservizi e lunghe liste d’attesa per gli accertamenti diagnostici – evidenzia Dipasquale – ma le responsabilità non sono dei medici né degli altri lavoratori del settore: la verità è che negli ultimi cinque anni abbiamo assistito all’uomo solo al comando e a una serie di spot su una sanità che in realtà non ha alcuna organizzazione né qualità dei servizi. Ho scritto al nuovo assessore Giovanna Volo per segnalare l’episodio di Modica e per chiedere su quali linee il nuovo governo regionale intenda muoversi. Sappia il governo Schifani – conclude – che il Pd intende difendere la sanità pubblica, non accetteremo nuovi passi indietro in favore dei privati e siamo pronti alla mobilitazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    semplice , date la sanita’ a gente onesta seria che vuole veramente fare funzionare la sanita’ e non farla gestire ai politici che mettono nei vari presidi ospedalieri gente inqualificata che sta li per raccomandazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *