Dirigente di Forza Nuova pestato | Scarcerati i due militanti di sinistra - Live Sicilia

Dirigente di Forza Nuova pestato | Scarcerati i due militanti di sinistra

Il luogo del pestaggio

Carlo Mancuso e Gianmarco Codraro hanno il solo divieto di soggiorno a Palermo.

9 Commenti Condividi

PALERMO – Scarcerati Gianmarco Codraro e Carlo Mancuso, i due militanti del centro sociale Anomalia accusati di avere pestato il dirigente di Forza Nuova, Massimo Ursino. Il giudice per le indagini preliminari Roberto Riggio ha convalidato il fermo chiesto dalla Procura, ma ha imposto ai due indagati il solo divieto di dimora lontano dalla provincia di Palermo, con l’obbligo di presentarsi tre volte alla settimana alla polizia giudiziaria.

Tutto farebbe ipotizzare che davanti al Gip non ha retto l’ipotesi del tentato omicidio che potrebbe essere stato riqualificato in lesioni aggravate. Le motivazioni del provvedimento si conosceranno nelle prossime ore. Nel frattempo il legale dei due indagati, l’avvocato Giorgio Bisagna, si dice “soddisfatto per una decisione che sta nelle cose”.

Subito dopo l’iniziale fermo lo stesso Bisagna aveva parlato di provvedimento punitivo e sproporzionato rispetto a quanto accaduto. Di avviso opposto la Procura, secondo cui, il pestaggio di martedì scorso in via Dante era stata un’azione premeditata. Ursino fu legato e preso a calci e pugni per strada da otto persone, riportando ferite alla testa e la frattura del naso. Solo l’intervento di alcuni passanti e di una guardia giurata armata, secondo i pm, frenò il raid punitivo che avrebbe potuto culminare nell’omicidio di Ursino.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Se fosse successo il contrario ai 2 li sbattevano in carcere x sempre. La solita vergogna!

    Anche in questo tipo di vicende avere i soldi fa la differenza, infatti chi non ne ha non può permettersi come difensore un bravissimo avvocato oppure un principe del foro. Per i poveracci esistono solo avvocati nominati d’ufficio dal tribunale, possibilmente neo-laureati alla loro prima esperienza.

    Niente, abbiamo scherzato. Screzi tra ragazzi.

    provvedimento giusto.

    È successo il contrario a Perugia la stessa sera ma nn erano botte era un accoltellamento . E ieri notte è stato appiccato il fuoco in un centro sociale.. azione di estrema destra . Però non solo non arrestano nessuno . Nemmeno nessuno ne parla. Si vuole portare a vittime chi promuove il razzismo e la discriminazione di genere . Contro la nostra costituzione e contro le nostre leggi .

    Bastava che da giovane anzicchè essere democristiano vicino alla corrente andreottiana mi fossi dichiarato sin da subito un antifascista comunista militante vicino ai centri sociali avrei potuto avere davvero tutto ciò che si desidera nella vita, molto più che il denaro, le donne, la felicità interiore ed esteriore e così via con una lungissima lista. Ma purtroppo non è stato così e adesso me ne pento amaramente…..

    quindi era un fan di salvo lima?

    Forte questa motivazione….mai sentita prima d ora…chissà se i mafiosi stragisti certe cose nn le hanno fatte solo per spririto dimostrativo….chissà cosa ne penserebbero i giudici di una volta..

    Stai parlando forse di un bernoccolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *