La carriera criminale di Brusca | "Così morì il piccolo Di Matteo" - Live Sicilia

La carriera criminale di Brusca | “Così morì il piccolo Di Matteo”

Il piccolo Giuseppe Di Matteo

Mentre si discute dei domiciliari al boss, ecco una pagina orribile di storia.

ORRORE MAFIOSO
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Era l’11 gennaio 1996, il piccolo Giuseppe Di Matteo fu strangolato dopo 779 giorni di prigionia e il suo corpo sciolto nell’acido. Avrebbe compiuto quindici anni otto giorni dopo.

I boss volevano zittire il padre del bambino, il collaboratore di giustizia Santino Di Matteo. “Liberatevi del cagnolino”, ordinò Giovanni Brusca, che ha rinnovato la richiesta di concessione degli arresti domiciliari.

È una delle pagine più orribili della barbarie mafiosa. Il pentito Vincenzo Chiodo, ascoltato il 28 luglio del 1998, ha ricostruito gli ultimi istanti di vita del bambino.

AVVERTENZA: I CONTENUTI DI QUESTA PAGINA SONO MOLTO CRUDI E POTREBBERO URTARE LA SENSIBILITA’ DI CHI LEGGE.

LEGGI

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *