Dopo 32 anni l'ordine di demolire |Ma il Tar dà torto al Comune - Live Sicilia

Dopo 32 anni l’ordine di demolire |Ma il Tar dà torto al Comune

L'ordinanza riguardava un magazzino e una tettoia per cui nel 1986 fu chiesta una sanatoria rimasta senza risposta

4 Commenti Condividi

PALERMO – Per il Comune di Palermo, un piccolo magazzino per gli attrezzi risalente al 1925 e una tettoia per le auto degli anni 60 andavano demolite, anche se la Soprintendenza ha dato il suo parere favorevole e il proprietario ha presentato nel 1986 una richiesta di sanatoria a cui gli uffici del Comune non mai hanno dato una risposta definitiva.

La storia si legge fra le ultime decisioni del Tar Sicilia che ha annullato l’ordinanza di demolizione emessa dall’Ufficio Condono Edilizio di Palermo verso i proprietari di un immobile a cui si accede da via Libertà. La decisione del Comune è arrivata dopo oltre 32 anni dalla richiesta di sanatoria e senza che l’ufficio rispondesse all’istanza.

Così i giudici amministrativi hanno annullato l’atto amministrativo per molte ragioni. La prima ha a che fare con l’istanza di sanatoria presentata dalla proprietà dell’immobile dopo la legge regionale del 1985. Già negli anni ’90 la Commissione per il recupero edilizio aveva richiesto un’integrazione per sanare la tettoia oltre al magazzino. Il parere allora era stato positivo a patto che i proprietari integrassero il pagamento della sanatoria.

Poi però la richiesta è rimasta senza esito tanto che “l’Ufficio Condono del Comune di Palermo – così si legge in sentenza – ha confermato che ‘…l’Ufficio non ha ancora emesso il provvedimento concessorio’”. La conseguenza è stata così chiara: non si può ordinare la demolizione di un edificio se prima non si dà riscontro alla richiesta di sanatoria.

Mentre l‘atto viene annullato, così dopo 33 anni da Palazzo delle Aquile dovrebbe arrivare una risposta. Una tappa obbligata che però, secondo la difesa degli avvocati Salvatore e Luigi Raimondi e Beatrice Miceli, è stata superata dal silenzio assenso formatosi dopo due anni del parere positivo della soprintendenza dei Beni culturali di Palermo.

Il 4 gennaio del 2000 infatti gli uffici regionali per la tutela dei Beni culturali hanno dato parere favorevole alle opere in quanto sono state realizzate prima dell’apposizione del vincolo di tutela sull’edificio principale e senza alterarne l’interesse storico con “interventi distruttivi”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Che strano però… trent’anni per una tettoia… (sa di chi era…) e sei mesi soli per un cancelletto… ! … e le ville abusive con piscina abusiva di funzionari abusivi che si auto-autorizzavano i lotti abusivi a mondello, quando le demoliscono??

    Individuare e responsabilità degli uffici e delle persone e consentire la richiesta di un risarcimento per colpa.
    Sarebbe un metodo per smuovere la burocrazia melmosa che ha ucciso Palermo, la Sicilia e l’Italia onesta.

    Non c’è nulla di strano in questo episodio, è la normalità di un’amministrazione inattiva in tante problematiche; qui c’è negligenza e ignoranza delle leggi di chi ha operato; prima di emettere l’ordinanza di demolizione, dovevano consultare chi di legge ne capisce e agire secondo il suo parere. C’è anche mancaza di dignità da parte dell’amministrazione che ha torto marcio, e mancanza di rispetto verso i cittadini che operano secondo la legge, perché se non avessero richiesto la sanatoria, nulla sarebbe accaduto: niente ordinanza di demolizione. In merito al “cancelletto”, come lo definisce lei, la questione è altra cosa, perché quel semplice cancelletto toglieva il diritto di poterci entrare, pur essendo pubblico: ben venga questa solerzia, perché un atto positivo.

    a Redazione non piace che sia prolisso, ma in poche parole visto che sto trattando un caso simile e faccio ricerche da ben 4 mesi, posso dire che vi sono tante di quelle disposizioni, leggi, pareri dal 1925 ad oggi, compreso genio civile, dipartimento urbanistica della Regione Siciliana, Leggi Nazionali e Leggi Regionali, che proprio quel fabbricato e quella tettoia se costruite in quegli anni non solo non avrebbe dovuto fare la sanatoria, ma non dovevano neanche notificargli nessun ordine di demolizione, il Proprietario era solo in obbligo di Catastarli all’Urbano e pagare le relative tasse, STOP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *