Enna, trent'anni per mafia - Live Sicilia

Enna, trent’anni per mafia

Cosa nostra Ennese, processo Fiume Vecchio. Trent'anni di galera complessivi, secondo le pene inflitte dai tribunali.

Il tribunale
di
0 Commenti Condividi

ENNA- Un rinvio a giudizio e sei condanne per associazione mafiosa, con una pena complessiva di trent’anni di galera. Con la sentenza di oggi inflitta, dal tribunale di Caltanissetta, si chiude il troncone principale del processo Fiume Vecchio in cui erano imputati rappresentanti di Cosa Nostra e del clan Cappello di Catenanuova. Il gup David Salvucci ha condannato a 7 anni, 6 mesi e 20 giorni di reclusione Prospero Riccombeni; 6 anni e 2 mesi Agata Cicero, moglie del presunto capo clan Salvatore Leonardi che invece sarà giudicato il prossimo 4 ottobre; 4 anni e 8 mesi ciascuno per Giuseppe Pecorino di Agira e Massimo Grasso di Catenanuova; 3 anni e 8 mesi per Maurizio Prestifilippo Cirimbolo; e 2 anni – in continuazione con una precedente condanna per estorsione aggravata – per Antonino Mavica, l’ultimo dei pentiti di Cosa Nostra ennese, che ha ottenuto un’attenuante specifica per aver intrapreso la collaborazione con la giustizia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *