Esordio con disagi per il Brt |Ma tempi di marcia rispettati - Live Sicilia

Esordio con disagi per il Brt |Ma tempi di marcia rispettati

È un primo giorno con polemiche quello della nuova linea di bus veloce che collega il parcheggio Due Obelischi di Barriera con piazza Stesicoro. Disagi normali, secondo l’amministrazione che risponde: “Anche nel momento critico dell’ora di punta, l’autobus ha rispettato i tempi previsti, riuscendo a completare l’intero percorso in 50 minuti”.

bus veloce
di
20 Commenti Condividi

CATANIA – Partenza con caos per il Brt. L’esordio dell’autobus veloce di stamani, infatti, è stato accompagnato da lunghe code di automobili, in particolare lungo la via Due Obelischi e dalla scia di polemiche che, sin dall’inizio, hanno caratterizzato il progetto. Ad essere lamentate, in particolare, alcune scelte: il doppio senso di circolazione in alcuni tratti di strada, il caos relativo alla segnaletica e altri dettagli precedentemente concordati dall’amministrazione con il comitato dei residenti di Barriera che sembrerebbero essere stati disattesi. “Stamattina la via Due Obelischi era completamente paralizzata, insieme a tutto l’asse viario – afferma Romi Crocitti, del comitato dei residenti nella zona. Avevamo chiesto alcune garanzie, ma allo stato attuale non vediamo rispettati gli accordi e speriamo che, quanto prima, vengano apportati alcuni correttivi, ad esempio relativamente al doppio senso di via Due Obelischi”.

Un battesimo positivo e rispondente al progetto, invece, per Giacomo Guglielmo, l’esperto del sindaco in materia di mobilità che, stamattina, era su uno dei mezzo veloci dell’Amt per verificare che tutto stesse procedendo secondo i piani. “La cosa più importante – spiega Guglielmo a LivesiciliaCatania – è che, anche nel momento critico dell’ora di punta, l’autobus ha rispettato i tempi previsti, riuscendo a completare l’intero percorso in 50 minuti. C’è qualche problema nelle zone in cui manca il cordolo e il bus deve camminare insieme alle automobili, ma siamo in fase di rodaggio fino a domenica – aggiunge – e interverremo dove possibile per limitare i disagi”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

20 Commenti Condividi

Commenti

    L’importante era rispettare i tempi per completare il percorso…
    Gli autobus viaggiano completamente vuoti!
    La fila delle auto arrivava a San Paolo.

    A regime potrebbe essere una vera svolta per Catania, ma come ogni nuova cosa ci vuole un pò di tempo perchè la gente si abitui a lasciare la macchina e scendere con i mezzi pubblichi.

    Per chi non lo sapesse,una volta quando si avvicinavano le amministrative ,la vecchia “DC” ,quelle opere pubbliche o modifica di riassetto urbano,insomma tutto quello che riguardava la città nelle sue migliorie,prendevano corpo un mese prima delle elezioni,si innauguravano piazze,così come per statue e qunt’altro…ecco, la stessa cosa mi sta sembrando che stia facendo il sig. Stancanelli…solo che questa del “BRT”..mi sembra che abbia bisogna di molto tempo affinchè i cittadini possano cambiare le loro abitudini.E quindi carissimo sindaco,era meglio che questa del bus veloce non si facesse proprio,perchè proprio stamattina sono rimasto impelegato a Barriera.
    Le rammento che a Catania come in tutto il resto del paese,c’è bisogno di lavoro,c’è gente che sciopera,c’è bisogno del suo impegno per quanto riguarda le partecipate,in particolare di quelle che Lei con un colpo di mano sta mettendo in vendita….potrei elencare mille altre cose,ma mi fermo quì,buon lavoro carissimo sindaco sperando che il Signore illumini la sua coscenza.

    Fabio, prendi l’autobus come faresti se vivessi in un posto civile, prova a fare il cittadino normale e non il catanese.

    In una città civile oggi i cittadini avrebbero apprezzato lasciando le auto nel parcheggio e avrebbero usato questo nuovo servizio. Io domani comincio. Che le file di auto possano arrivare sino a Mascalucia….

    I tempi sono stati comunque rispettati,il parcheggio scambiatore aveva un buon numero di vetture,la fila arrivava a San Paolo..come sempre o quasi..

    A Catania manca un minimo di piano serio della viabilità e questi per un semplice bus su una ( dico una, e neanche su tutto il percorso) corsia riservata per un bus stanno gridando al miracolo. Sembra che hanno costruito la metropolitana londinese.

    veramente la confusione di oggi a san paolo e dintorni non era la solita ma era la stessa che hanno creato sin da quando hanno deciso di creare questa Brt… speriamo per tutti possa funzionare certamente proveremo a fare del nostro meglio, certo se i signori vigili piuttosto di fare le statue facessero anche il loro lavoro sarebbe utile…

    Scusate ma evidentemente per alcuni di voi la benzina ad 1,80 euro non è un problema e quindi poco importa se si tenta di incentivare il servizio pubblico. Io invece sarei ben felice di poter fare a meno dell’auto e spero che a regime il BRT centri l’obiettivo per cui è stato creato portando nelle mie tasche qualcosa come 200 euro al mese (pari ai 50 euro a settimana di carburante che metto!!). Per voi ricconi il problema non sussiste, anzi un mezzo pubblico efficace toglie di mezzo le auto dei poveretti come me così potete sfrecciare con i vostri SUV!!

    a me il servizio sembra ottimo, affidabile e veloce, gli autobus passavano veramente ogni 7 minuti.
    Il traffico delle macchine secondo me è dovuto alla novità dei cambi sulla rotatoria di due obelischi ed alla rotatoria di passo gravina. comunque nel momento di massimo traffico ho preso il bus e ci ha impiegato 23 minuti, di cui 9 nel tratto tra due obelischi e via carrubbella, dopo, un favola, veloce e senza intoppi.

    Se la gente la smettesse di usare l’auto e prendesse i mezzi pubblici tutto sarebbe quasi certamente migliore. In questo periodo odio tutti gli automobilisti a prescindere… perché? Beh parcheggiano sui marciapiedi in primis, corrono come matti e non so quante volte ho rischiato, dovendo camminare al limite tra marciapiede e strada, di essere investito da sta gente incivile, per non parlare del fatto che basta un niente e si usa il clacson, alle strisce pedonali non si ferma quasi nessuno per farti passare a meno che non ti imponi piazzandoti sopra di esse… ovviamente sempre rischiando di essere investito… poi gente che mentre uno ti fa passare sorpassa a destra o a sinistra, a catania è indifferente, questo santo che ha deciso di farti passare… bah non c’è limite al peggio… sarei felice se si vietasse l’uso delle auto dal centro fino al borgo almeno…
    poi dico io… non ci sono manco i posti dove parcheggiare… che spacchio vi comprate a fare le macchine?!

    Nessuno ha inventano nulla di particolare. Non si è fatta nemmeno la metropolitana di Londra, caro concittadino Antonio. Semplicemente hanno cercato di rendere meno caotico il centro della nostra città. Nessuna amministrazione precedente aveva avuto questa idea. Adesso dipende da noi cittadini catanesi utilizzare con intelligenza questa opportunità. Proviamo a lasciare le auto nel parcheggio appositamente realizzato nella periferia ed utilizziamo il mezzo pubblico. Sicuramente ne guadagnerà la città, i nostri monumenti, la nostra salute. Certo le innovazioni sono difficoltose digerirle, ma una volta constatata la bontà ci viene difficile tornare indietro. Ricordo per tutti la chiusura di piazza Duomo. Oggi sarebbe impensabile pensare alla riapertura, eppure all’inizio ci sono state tante polemiche.

    Orazio, sei banale
    perchè non provi a passare per piazza due obelischi e vedi cosa hanno combinato.
    invece di dire le solite banalità, fatti una passeggiata fuori.
    non si contesta la scelta di incentivare il servizio pubblico ma le soluzione tecniche devono essere calate nel territorio.
    non si puo chiudere una strada a due corsie per fare passare l’autobus in una zona nevrralgica della città.
    ricordo a tutti, soprattutto alla dormiente protezione civile, che queste strade erano state spacciate per “vie di fuga”!!
    fuga da cosa?
    forse era meglio affidare la realizzazione del progetto ad un ingegnere, magari ad uno che aveva sentito parlare, anche lontanamente, di tecnica del traffico.

    bello e funzionale, l’ho provato, per una volta bravi!

    le vie di fuga servono ai mezzi di soccorso, le strade non sono chiuse, ma utilizzabili in caso di emergenza, ne è solo disciplinato l’uso. Anzi le corsie protette servono proprio ai mezzi di soccorso, i cordoli sono sormontabili….ma cosa dici?
    O forse pensate che le vie di fuga sono altre cose, pensate che si possa scappare da un terremoto? o servano per facilitare l’accesso dei mezzi di soccorso.
    Certo in caso di attacco dei marziani si potrebbero usare come vie di fuga….

    Antonio io ricordo Catania come la Milano del sud, tu concepisci Catania come una Palagonia dell’est, questa è la differenza tra noi due.

    Vie di fuga? Sai che ostacolo un cordolo di gomma 8 cm… ahahah ma finiscila.

    Oggi 11 Aprile…. arrivo in parcheggio alle 7 e 32… partenza bus ore 7 e 38…. arrivo in Piazza Cavour alle 7 e 50….. due passi a piedi con il piacere di camminare in Città ed alle 8 e 5 minuti sono in ufficio…. soddisfatto a mille….. Questa è civiltà…. Provare per credere

    Ahahahaha la gente vuole le vie di fuga per poter usare la corsia dedicata ai bus per sorpassare tutti gli altri! XD
    Comunque il prossimo passo che l’amministrazione comunale dovrebbe fare è multe a go-go per i trasgressori delle principali norme del codice della strada.
    Almeno l’uso delle corsie dedicate ai bus e il parcheggio su marciapiedi… così si inizia a fare un po’ d’ordine.
    Altro problema di inciviltà a Catania ma che non c’azzecca nulla con l’articolo è la cacca di cane sui marciapiedi… spero che un giorno Catania diventi anche meglio della Milano del Nord! Perché ne avremmo tutte le capacità… e per colpa di pochi abbiamo il niente tra le mani…
    Il successo del BRT, se arriva, è solo un passo che si dovrebbe fare e che finalmente si è fatto.

    Appunto!! Le vie di fuga ci sono ancora, mica le strade sono chiuse!! Sono solo state assegnate ai bus invece che al promiscuo!! E’ OVVIO che nello sciagurato caso di calamità quelle strade saranno usate dai mezzi di soccorso perchè appunto vie di fuga!! O pensi che è come la formula 1 e la via di fuga serve per non sbattere contro i muri quando fai il fuori pista?? POVERA ITALIA!!

    Applausi!!!!!Soprattutto per la frase relativa alla chiusura del centro alle auto. Questa cosa la spero da una vita. Le pecore si ammazzerebbero.. meglio!!!Più posto per i cittadini pronti al buon cambiamento e meno spazio per le macchine e le loro pecore al volante!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.