Ex Pip incatenati in assessorato| "Sciopero della fame ad oltranza" - Live Sicilia

Ex Pip incatenati in assessorato| “Sciopero della fame ad oltranza”

Gli ex Pip visitati dal 118

Più di cento ex Pip esclusi dal bacino "Emergenza Palermo" si trovano da stamattina davanti all'assessorato al Lavoro. Chiedono di incontrare la dirigente Anna Rosa Corsello.

Palermo, via Imperatore Federico
di
19 Commenti Condividi

PALERMO – Non si muoveranno da lì fino a quando non avranno delle risposte. Lo giurano gli ex Pip che si trovano da stamattina davanti all’assessorato al Lavoro di via Imperatore Federico. Sono più di cento, alcuni di loro si sono incatenati alle ringhiere all’ingresso dell’edificio ed hanno deciso di avviare lo sciopero della fame. Una decina di lavoratori si sono inoltre introdotti nell’edificio annunciando un’occupazione.

Chiedono di parlare con la dirigente Anna Rosa Corsello e se non ci riusciranno “resteremo qui ad oltranza”, dicono. I manifestanti sono gli espulsi dal bacino “Emergenza Palermo”: “Siamo tutti padri di famiglia, con mogli e bambini a carico – spiegano – come potremo andare avanti?”.

“Siamo in questa situazione ormai da otto mesi – aggiunge Maurizio Dentici – siamo disperati. Dobbiamo sostenere spese, impegni economici, ma nessuno vuole darci risposte concrete, né speranze”. Fino ad oggi, infatti, i lavoratori non sono stati ricevuti e restano in attesa di stipendi arretrati: “Crocetta ci prende in giro – proseguono – ma qui c’è in gioco la vita di centinaia di famiglie”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    “….come potremo andare avanti?”

    Andatevene VIA da Palermo come migliaia di giovani che, a differenza vostra, hanno STUDIATO e non possono lavorare nella propria città a causa di baracconi come il vostro.

    E’ molto facile fare queste scene, dimostrare, protestare e reclamare!

    Come si dice a Napoli nessuno vuole più faticare ! ( a Napoli vuol dire lavorare)

    Ma con gli incentivi per l’agricoltura come siamo messi?

    La notizia non spiega chi sono questi ex Pip esclusi dai benefici del bacino ” EMERGENZA PALERMO”. Se non erro sono quei precari che non avevano i requisiti economici e morali per poter accedere a tale fondo. In parole povere avevano un reddito personale superiore di 20000 euro o di 40000 se il reddito era familiare. Inoltre furono esclusi chi aveva precedenti penali o avevano omesso di riportare alcune condanne penali.

    No, credo che questi siano quelli dei carichi penali

    non temete adesso con qualche minaccia ai dirigenti o con qualche cassonetto a terra, tutto si risolve. i politici nn ascoltano chi manifesta con discrezione mentre di questa gente hanno paura.
    fra qualche giorno mi darete ragione w palermo e santa rosalia

    Soliriadeta a questa povera gente consiglio da cittadino protestate x non fate danno a noi cittadini che non abbiamo colpa ansi solidierita x le vostre famiglie dovete colpire chi vi a rubato il voto e questo governo pazzo auguri in bocca a lupo.

    Sono la vergogna della città di Palermo. Questi signori insieme ad altri 2700 ricevono denaro pubblico senza nessun titolo. Non hanno partecipato a nessuna pubblica selezione. Inoltre, circa 600 di questi signori sono a casa perchè nessuna pubblica amministrazione li vuole, (e questo nessuno lo dice)..
    Devono andare a casa e lasciare i soldi alla missione speranza e carità di Biagio Conte…

    Ma per andare via ci vuole denaro. Lo spazio è finito, ma la stupidità della gente è infinita (Albert Einstein).

    Ma perchè non vanno dal loro referente politico.

    e cosa gli devono dire….viva croceta…….erano pure contenti hanno festeggiato , ed il referente sindacalista che aveva festeggiato non si era accorto del’art 43

    espulso per un reato del 1978 nel 1999 faccio domanda x cantieri lavoro vengo avviato come ex detenuto emergenza palermo nel 2000.dopo 14 vengo espulso per la perpetua RIPETO ULTIMO REATO 1978.

    Si vergogni lei e coloro che prendono 26 mila euro al mese alla Regione Siciliana (più del Presidente degli Stati Uniti d’America). Si vergogni quando afferma su illazioni. A che cosa impreca se in un Assessorato alla Famiglia vengono stanziati soldi per ex detenuti, ex alcolisti intervenendo nelle zone calde e portando un pò di sollievo a dei svantaggiati. Se questo modo di agire per lei è deplorevole, con quale titolo allora la Caritas da sollievo a dei disgraziati. A no, la Caritas deve dare i soldi a gente come lei. E lei cosa farebbe dei soldi dei ex pip e della Caritas??? Si vergogni lei, prima vengono le persone svantaggiate, grazie a Dio, e poi forse verrà lei con i suoi perché senza senso. Quindi per lei ad un concorso pubblico non dovrebbero passare gli svantaggiati????? Si vergogni lei e chi la pensa come lei.

    Senta, guardi che da Biagio Conte ci stanno pure gli ex detenuti, ex alcolisti e gente che la pensa come lei (dei svantaggiati psichici).

    Noto che molti dei commenti qui fatti sono di gente che ha avuto la pappa sempre pronta o un ineferrabile odio verso le catagorie di precari non essendo loro stessi riusciti a farne parte?

    egregio “perbenista” e fine “moralista” mi consenta:
    nell’amministrazione regionale così come in altri settori della P.A. vi sono parecchie categorie di lavoratori che sono stati assunti senza mai avere fatto concorso, e te ne rammento alcuni: le liste giovanile ,le cooperative, gli ex articolo 23 , Asu ecc. Mi auguro che tu non sia uno di questi…… ci sono centinaia di ex PIP che svolgo un lavoro all’interno delle amministrazioni con dignità e diligenza. Sparare nel mucchio non è onesto e corretto.
    I contributi alla missione di Biagio Conte è corretto che vengano chiesti ai signori politici ed ai dirigenti delle amminsitrazioni, specie quella regionale, dove una mensilità stipendiale equivale alla mensilità di sette PIP e ti assicuro che sono veramente pochi i dirigenti che sono entrati alla regione avendo fatto e superato un concorso ( e mi auguro che tu, moralista, non sia uno si questi …..se no….” da quale pulpito viene la predica”…) E’ giusto però che gli ex PIP per le indennità percepite svolgano una attività e non vengano pagati standosene a casa.

    Renato gli ex detenuti cioè art 15 e una legge regionale che viene attuata in tutte le regioni questa gente che erano 1024 x sono avviati con i cantieri scuola e poi qualche sapiente a aggiunto 2200 ex pip sono xsone che non li prende nessuno xc hanno le carte macchiate che colpa anno, sapete che questa gente facevano i marciapiedi poverini a mano senza mezzi e prendevano 500 euro xc sparare sempre su questa povera gente ma siete malvagi sono italiani paesani nostri ma avete invidia gente che a fatto 10 di galera e ora si sono sistemati grazie a questo lavoro che schifo di mondo.

    Nessuna delle due caro cippalippa…sei fuori strada…dai che ce la fai

    Ecco il futuro della Sicilia ” ex pip gesip e forestali” sempre a parlare di queste categorie basta non se ne può più.. basta tra 20 anni ancora a parlare di ste cose mi auguro di no e spero che qualcuno metta fine a tutto ciò per il bene di Palermo e della Sicilia la dobbiamo smettere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.