Ex Provincia di Enna |Dipendenti sul tetto per protesta - Live Sicilia

Ex Provincia di Enna |Dipendenti sul tetto per protesta

Lavoratori senza stipendio ed ente a un passo dal dissesto.

Liberi consorzi
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Protesta disperata dei dipendenti del Libero consorzio di Enna. Un gruppo di precari dell’ex Provincia regionale è salito sul tetto di un edificio, in pieno centro storico, in piazza VI Dicembre, per protestare contro il mancato rinnovo del contratto scaduto il 1 settembre. Protestano anche i dipendenti a tempo indeterminato che temono l’imminente dichiarazione di dissesto dell’ente. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra Mobile, i vigili urbani e i vigili del fuoco.

I lavoratori della ex Provincia stanno consegnando una lettera al prefetto chiedendo un incontro d’urgenza con il presidente Crocetta e gli assessori Baccei e Lantieri. L’ex Provincia ha poco meno di 300 dipendenti tra precari e lavoratori a tempo indeterminato.

La situazione finanziaria dell’Ente è drammatica, dopo il lungo e travagliato corso della riforma all’Ars e il mancato trasferimento da parte dello Stato dei fondi destinati ai liberi consorzi, che sono commissariati da anni. Che versano tutti più o meno in gravissime condizioni finanziarie. Anche a Siracusa e Ragusa la situazione è molto seria. A Enna gli effetti del disastro finanziario si stanno ripercuotendo sulle scuole superiori, con difficoltà nel pagare le bollette, e sulle strade provinciali, alcune chiuse.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Resistere, resistere, resistere. Crocetta oramai è chiaro è un mistificatore, ma gli altri?

    In tutte le nove province la situazione è drammatica con migliaia di dipendenti allo sbando e senza prospettive future.Crocetta cincischia e la barca affonda.Ma lo Stato perchè non interviene per fermare questo massacro?Questa riforma è una schifezza,inadeguata e inutile.Tutti i dipendenti delle 9 province dovrebbero stabilmente assediare l’ARS e non abdicare finchè non ci sia chiarezza e sicurezza sul futuro,ad oggi nerissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.