Miccoli, l'estorsione: il figlio del boss Lauricella va in carcere - Live Sicilia

Miccoli, l’estorsione: il figlio del boss Lauricella va in carcere

La Cassazione rende definitiva la condanna
LA SENTENZA
di
0 Commenti Condividi

La Cassazione rende definitiva la condanna e nelle prossime ore Mauro Lauricella andrà in carcere.
I supremi giudici hanno rigettato il ricorso della difesa. Quella di Mauro Lauricella fu un’estorsione aggravata dal metodo mafioso. Da qui la condanna a sette anni.

Diventa definitivo il verdetto di appello che fu molto più pesante del primo grado – un anno e pena sospesa – quando il fatto fu derubricato in violenza privata. L’avvocato Giovanni Castronovo, che assisteva l’imputato assieme ad Angelo Barone, dice: “Rispettiamo il verdetto anche se lo riteniamo profondamente ingiusto e continueremo a batterci per far emergere la verità. Valuteremo il ricorso davanti alla Corte di giustizia europea”.

La vicenda

La vicenda è la stessa che ha portato alla condanna di Fabrizio Miccoli, ex calciatore rosanero, a tre anni mezzo per il medesimo reato. Per Miccoli si attende ancora il giudizio della Cassazione, ma la sentenza di oggi pesa come un macigno.

Il mandante dell’estorsione, secondo l’accusa, è stato proprio Lauricella. La vicenda inizia quando l’ex fisioterapista Giorgio Gasparini cerca di riavere da Andrea Graffagnini i venti mila euro investiti nella discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine. Le difficoltà a tornare in possesso dei soldi lo spingono a rivolgersi a un altro giocatore per avere un consiglio e poi a Miccoli. Gli investigatori davano la caccia al padre di Lauricella, Antonino, boss della Kalsa allora latitante, e si imbatterono in una conversazione del figlio con Miccoli.

“Senti una cosa Mauro – diceva Miccoli a Lauricella – eh… i primi di luglio poi quando vengo, dobbiamo andare a parlare con sto qua. Eh, andiamo io, tu e lui andiamo, ci andiamo a mangiare una cosa a cena e poi… poi quando ci vediamo… capito parliamo un attimo. Va bene? Allora io appena scendo a Palermo ti chiamo, noi ci vediamo da soli io e te, ti spiego un po’ come è la situazione, perché non dobbiamo parlare solo della situazione mia, c’è un’altra cosa, poi ne parliamo di persona… poi andiamo a cena con questo qua e, gli diciamo le cose come stanno. Va boh?”. “Va bene – gli rispondeva Lauricella – te la sbrigo io appena scendi, capito?”.

“Non sapevo dove andare perché io non ho mai frequentato discoteche… il primo a cui ho pensato è stato Mauro”; così si era difeso Miccoli interrogato dai pm. Tra luglio e ottobre del 2010 Lauricella tentò di recuperare le somme. Non riuscendoci avrebbe chiamato in causa gli “amici di papà”. Ci fu una riunione in una trattoria alla Kalsa, nel 2011, dove fu deciso che in occasione della partita in trasferta contro il Milan Miccoli avrebbe consegnato a Gasparini una busta con tre assegni per complessivi sette mila euro. Solo che gli assegni restarono insoluti. Gasparini incassò solo duemila euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.