Fava: "Razza non è più moralmente l'assessore alla Salute" - Live Sicilia

Fava: “Razza non è più moralmente l’assessore alla Salute”

Il commento del presidente dell'Antimafia regionale
L'INCHIESTA SUI DATI COVID
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – “Al di là del rilievo penale, sul quale altri giudici dovranno pronunciarsi,
le accuse della Procura della Repubblica di Palermo nei confronti dell’assessore Razza e dei suoi più stretti collaboratori confermano il fatto, in sé moralmente più grave dell’ipotesi di reato: sulle piattaforme informatiche del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità furono caricati dati falsi sul Covid”. Lo rileva il presidente della commissione Antimafia dell’Ars, Claudio Fava, a seguito dell’avviso di conclusione delle indagini nell’inchiesta sui dati Covid.

“Di fronte a questa certezza, perfino più che il ‘disegno criminoso’ di cui parla la Procura indigna l’aver tradito un patto di lealtà con i siciliani sulla loro salute – aggiunge -. Qualunque cosa decisa di fare Razza, da oggi moralmente non è più l’assessore alla salute di nessuno”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    E la sua, di morale, quale sarebbe? Condannare senza che manco la magistratura (non i PM…) sia sia minimamente espressa? Lei è un giacobino della peggior fatta. Ed un giacobino non può parlare di morale. Ci stiamo rendendo conto che i suoi commenti servano a fare conoscere che lei è ancora in vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.