Figuccia: "Privilegi all'Amat | Cellulari pure per i sindacalisti" - Live Sicilia

Figuccia: “Privilegi all’Amat | Cellulari pure per i sindacalisti”

"Numerosi privilegi caratterizzano la casta dell’Amat, a cominciare dai 332 telefoni di servizio in dotazione a tutti i funzionari e dirigenti dal 4° livello in poi, inclusi 14 sindacalisti".

Palermo - L'attacco del consigliere azzurro
di
14 Commenti Condividi

PALERMO – “E’ davvero arduo scovare i privilegi della casta, eliminarli poi è quasi un’impresa titanica”. Lo afferma il consigliere comunale di Forza Italia, Angelo Figuccia, che prosegue: “Dopo innumerevoli richieste e solleciti, finalmente siamo riusciti a scoprire alcuni dei numerosi privilegi che caratterizzano la casta dell’Amat, a cominciare dai 332 telefoni cellulari di servizio in dotazione a tutti i funzionari e dirigenti dal 4° livello in poi, inclusi 14 sindacalisti: in virtù di un accordo, infatti, l’azienda ha concesso ai 7 sindacati rappresentati 2 cellulari ciascuno. Per quale utilizzo, è un bel mistero tutto da scoprire. Ma il dato più sorprendente è che tra coloro che hanno ricevuto dall’azienda i 332 telefonini di servizio, di cui abbiamo anche l’elenco nominativo che non è divulgabile per motivi di privacy, non c’è neanche un autista, probabilmente coloro che ne avrebbero più necessità considerato che sono in giro per tutta la città, correndo pure il rischio di essere vittime di aggressioni o atti di vandalismo. Ha, invece, a disposizione il cellulare chi svolge esclusivamente attività d’ufficio, e che quindi potrebbe essere rintracciato al numero fisso. Resta ancora da chiarire la cifra complessiva che annualmente l’azienda spende per questo servizio, ma che sicuramente ammonta a centinaia di migliaia di euro: infatti, se molti telefonini sono abilitati soltanto alle chiamate aziendali, magari per raccontarsi anche fatti prettamente privati, da tanti altri è possibile chiamare qualunque numero esterno. Insomma – conclude Figuccia -, in tempi di spending review, di risorse ridotte all’osso, queste spese non hanno alcun ragione d’essere. Chiediamo quindi al sindaco Orlando, all’assessore Catania e ai vertici aziendali dell’Amat di mettere fine a questo spreco di denaro pubblico e di fare in modo che dirigenti e funzionari passino meno tempo al telefono e dedichino più attenzione al trasporto pubblico dei cittadini palermitani”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    e noi cittadini aspettiamo alla fermata mentre i dirigenti parlano al telefono

    Caro consigliere,
    questa è soltanto la punta di un iceberg sul quale vagano, negli oceani dei favoritismi e clientelismi, tutte le partecipate del comune. Proprio sul tema qualcuno potrebbe sollevare eccezioni sul fatto che i telefonini sono in uso agli autisti e pertanto utili ad assolvere a compiti di segnalazione di guasti e/o intralci del traffico. In una città che funziona, con dei servizi che funzionano, affidati ad un’azienda sana e gestita da manager (e non da pseudo tali nominati dalla politica) i mezzi pubblici che si muovono nel traffico avrebbero in dotazione sei segnalatori gps. Poi sfruttando le risorse umane, un apposito ufficio di controllo e gestione della movimentazione sarebbe in grado di conoscere in tempo reale flussi di traffico, posizione dei mezzi, guasti e quanto altro. Ma a quel punto nascerebbe il problema: di chi sono gli uomini che controllano? Altri favoritismi!!! Altri clientelismi!!!
    Forse è meglio lasciare il mondo come si trova. Ogni tanto sollevare, in perfetto stile campagna elettorale, qualche polverone giusto per farsi ricordare e frattanto fare pagare il conto a quelli della gesip.
    Buon pomeriggio, Pietro dipendente gesip.

    Paventato danno erariale se viene dimostrata nulla l’utilità dell’utenza telefonica concessa ai soggetti beneficiari.

    L’azienda AMAT, nelle more,potrebbe provvedere in autotutela.

    E nelle altre ex municipalizzate ?

    Ma è uno scherzo? Voglio dire, in un momento di crisi economica come quella che sta attraversando il Paese (Palermo compresa) leggo di telefonini a volontà? E nel frattempo, i cumuli di spazzatura maleodoranti che in alcuni casi si possono ammirare anche in composizioni variopinte di svariati metri di lunghezza, vengono immortalati dai turisti i quali si trovano in vacanza a Palermo all’interno dei loro scatti fotografici e nei loro video a mo di souvenir.
    Incredibile.

    Livio

    Consigliere Figuccia e pregato di restituire il telefonino fornito dal comune. Figuccia non perde mai un’occasione ri stari zittu

    Perché chiedere al sindaco Orlando, all’assessore Catania e ai vertici aziendali dell’Amat di mettere fine a questo spreco di denaro pubblico e non alla Procura della Corte dei Conti?

    I cellulari dei consiglieri comunali non sono abilitati al traffico in uscita

    Figuccia a consegnato indietro il telefono del comune ?

    ho un sogno fare l’ autista all’ amat ma so che tale resterà ho speso tanti soldi in patenti nella speranza di un concorso ma so che mai potrò accadere in una città dove giovani come me non sanno cosa fare cosa inventare per crearsi una famiglia un sogno impossibile

    Invece di parlare assai, bisognerebbe sentire l’altra campana per capire le motivazioni di concessione di questi telefonini. Motivazioni, che devono esistere. Lo prevede ogni azienda, per regolamento. Non credete?
    Ma siccome Figucvia, che non prende ma l’autobus, evidentemente ha bisogno di fare struscio, parla, parla parla.

    Più che sogno mi sembra un incubo…

    motivazioni o no sono solo gli autisi che devono avere il cell sapete come fa’ un’ autista a segnalare che e’ fermo x guasto da il pizzino ad un altro bus di transito fino a farlo arrivare a destinazione mentre la vettura sta ferma x ore ore

    SAPETE COME UN AUTISTA SEGNALA IL GUASTO DEL BUS CHE RIMANE FERMO X STRADA ???? DA UN BIGLIETTO AD UN ALTRO COLLEGA IN TRANSITO X FARLO ARRIVARE A DESTINAZIONE E SAPETE XCHE’ …. XCHE’ NON DEVE AVERE IL CELLULARE AZIENDALE E LE CHIAMATE INERENTI AL SERVIZIO MENTRE MOLTI IN AZIENDA LO USANO CHISSA’ X QUALI TELEFONATE FIGUCCIA HA RAGIONE BASTA COI SPRECHI INUTILI QUESTI SOLDI POTREBBERO SERVIRE E AUMENTARE X ESEMPIO UN INDENNITA’ MENSA FERMA A 50 CENTESIMI AL GIORNO E NON HO SBAGLIATO A SCRIVERE SOLTANTO 50 MESCHINI CENTESIMI AL GIORNO E QUI MI FERMO XCHE’ CE NE SAREBBERO COSE DA RECRIMINARE MA NON IN QUESTA SEDE MA AL TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA E CHISSA’ …..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *