Sospesa, ma solo sulla carta | La Rocca, vita da grillina a metà - Live Sicilia

Sospesa, ma solo sulla carta | La Rocca, vita da grillina a metà

Claudia La Rocca

Autosospesa, resta nel gruppo M5s all'Ars. Alcuni attivisti: fai un passo indietro. Lei replica.

Il caso firme false
di
14 Commenti Condividi

PALERMO – Sospesa ma non troppo. Sono passati quindici giorni da quella mail inviata allo staff nazionale del Movimento cinque stelle, naturale conseguenza delle ammissioni fatte ai magistrati che indagano sul caso firme false, ma di fatto Claudia La Rocca, parlamentare regionale eletta nelle file pentastellate e autosospesasi insieme con il collega Giorgio Ciaccio, continua la sua vita da grillina dentro e fuori Palazzo dei Normanni. La sospensione, infatti, prevederebbe soltanto l’impossibilità di parlare a nome del Movimento o di rappresentarlo in situazioni pubbliche. Nessuna espulsione dal gruppo parlamentare all’Ars per la Rocca che resta, inoltre, un’attivista a tutti gli effetti.

Nel corso delle tormentate sedute che Sala d’Ercole ha dedicato fino a ieri all’assestamento di bilancio, infatti, la parlamentare ha continuato a svolgere il suo lavoro gomito a gomito con i compagni d’avventura di sempre. Nessuna presa di posizione da parte del gruppo M5s in conseguenza della sua autosospensione, come conferma l’attuale guida della pattuglia pentastellata a Palazzo dei Normanni Matteo Mangiacavallo: “Claudia è stata sospesa dall’utilizzo del simbolo e del nome M5s – spiega -. Al di là di quanto accaduto quattro anni fa – prosegue – con lei si è creato un rapporto di stima e amicizia che prescinde dal suo ruolo di deputata. Una eventuale espulsione dal gruppo? E’ una persona di buonsenso, ha fatto le scelte giuste e continuerà a farle in base all’evoluzione della vicenda che la riguarda. Per il resto – conclude Mangiacavallo – siamo in rispettosa attesa degli esiti del lavoro dei magistrati”.

Nessuna voce contraria a Palazzo dei Normanni, ma così non è sul web, dove nei giorni scorsi alcuni attivisti hanno alzato più di una obiezione rispetto all’attività della deputata palermitana nel recinto del Movimento cinque stelle. Il palcoscenico è quello del forum dei grillini di Palermo, su cui sono attive diverse discussioni anche in vista della stesura di un programma di massima e su cui è comparso un post relativo a uno dei tavoli tematici a cui lavorano iscritti e simpatizzanti: si tratta del tavolo Turismo, coordinato finora dalla deputata che davanti ai magistrati ha fatto alcune ammissioni rispetto alla vicenda firme false. Il post porta proprio la sua firma e fissa una riunione con l’obiettivo di tracciare un bilancio del lavoro svolto negli ultimi mesi. Parole che hanno suscitato la reazione di alcuni iscritti al forum. Toni composti ma fermi nel chiedere a La Rocca un passo indietro netto e soprattutto comportamenti “coerenti” con la scelta di autosospendersi dal Movimento. Contestazioni a cui la diretta interessata ha risposto ricordando l’intenzione di passare la mano come coordinatrice del gruppo e svelando un risvolto inedito: la sospensione dal Movimento “non vieta” la possibilità di partecipare “a qualsiasi iniziativa in quanto attivista”.

Sul fronte delle indagini, intanto, la Procura di Palermo ha aggiunto un nuovo tassello al puzzle, acquisendo alcuni documenti firmati dagli indagati che si sono opposti alla prova del saggio grafico. Tutto questo mentre nel Pd Renzi continua a battere sul ferro delle firme false: “Parlavano di trasparenza ma sono andati in Procura e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere”, sono state le parole del premier a Palermo mentre i senatori dem sono tornati a sottolineare il silenzio dei deputati Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita davanti ai magistrati. La risposta del Movimento cinque stelle è arrivata tramite il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, che commentando l’autosospensione del vicepresidente del Consiglio comunale di Bologna, Marco Piazza, per l’inchiesta sulle firme irregolari nella città emiliana ha ribattuto: “Adesso aspettiamo l’autosospensione di tutti quelli degli altri partiti coinvolti in queste cose”.

Aggiornamento
“Sono in contatto giornalmente con gli attivisti, so perfettamente che non vogliono nessun mio passo indietro”. E’ quanto fa sapere la deputata regionale Claudia La Rocca, in replica a quanto scritto da LiveSicilia


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    la poltrona è bellissima…..si un passo indietro AHAHAHAHAAHAHAHAH…..ridicoli

    Non conosco La Rocca ma il suo resta un gesto straordinario e unico in un Isola di omertosi, dove riconoscere un errore e soprattutto dichiararlo al magistrato è un tradimento alla morale comune.

    Cari grillini ormai vi vanno appresso solo quelli che come voi hanno la puzza sotto al naso. La gente comune che contrariamente a quello che credete ha un cervello per pensare ed occhi per vedere ha già scelto di votare SI al referendum e la governabilità certa e comprovata offerta dal PD di Matteo Renzi. Voi potete vendere fumo solo nei circoli altolocati, la vita di tutti i giorni dei cittadini che stringono la cinghia è ben altra cosa.

    Storia di una pantomima infinita.
    A quando l’ulteriore farsa delle comunarie e sindacarie?
    Cugini, zii, nipoti, figli, mariti o cos’altro?
    Il primo partito politico a conduzione familiare!
    Alla fine anche la vostra debacle sarà clamorosa!
    Quindi, cari stellini e stelline, ci risentiamo dopo le elezioni!
    (mi dispiace soltanto per quei 4 attivisti che pensavano davvero di poter cambiare il mondo)

    TEATRINO DI PARROCCHIA DI PERIFERIA, MI AUTOSOSPENDO, MI RITIRO, FACCIO UN PASSO INDIETRO, MA QUESTE FRASI LE DICEVANO I POLITICANTI DELLA PRIMA REPUBBLICA! QUAL’E’ LA DIFFERENZA TRA QUESTI GRILLINI E IL PASSATO ???? QUELLI ERANO DIVENTATI MARCI CON GLI ANNI QUESTI NASCONO MARCI. (POLITICALMENTE PARLANDO). SCHIFIUUUUUU.

    Penso che il capitolo M5S sia ormai chiuso….!! Ci hanno raccontato tante belle frottole, gli abbiamo dato fiducia, ma i risultati sono stati a dir poco vergognosi ( oltre che dal punto di vista politico, anche da quello prettamente umano ).
    Non sono altro che dei poveri ragazzi in cerca di “sbarcare il lunario” in qualche modo.
    La politica ed il governare è un’altra cosa.

    Lasciamo la politica a crocetta e faraone che del governare sono maestri.

    La deputata regionale La Rocca sa bene che la sua carriera politica è finita. Alle prossime elezioni si dovrà cercare un lavoro “vero”, cosa non facile nella nostra terra, soprattutto se non hai i titoli. Lasciamo tranquilla la nostra deputata per questi ultimi scorci di legislatura. Almeno, rispetto a Nuti , Di Vita e Mannino, ha avuto il coraggio di autodenunciarsi. Per tale motivo la rispetto.

    Oltre il ridicolo…

    Lasciamola ai grillini che per esperienza, oneestà e curriculum ( il più istruito ha il diploma ) non li bette nessuno

    Oltre al curriculum e all’onestà non dimentichiamo il grande impegno per la “famiglia” ( vedi Cancelleri….la prima cosa che ha fatto è stata sistemare la sorella )

    Matteo Mangiacavallo ricordo male o è il capogruppo M5S? perchè per un attimo mi è sembrato il capogruppo dell’UDC ai tempi di Cuffaro visto il suo garantismo.
    Viva l’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.