Formazione, l'indagine "Corsi d'oro" | Sequestro d'immobili a Genovese - Live Sicilia

Formazione, l’indagine “Corsi d’oro” | Sequestro d’immobili a Genovese

La guardia di finanza ha effettuato un sequestro per equivalente per un valore di 5 milioni di euro nei confronti degli indagati. Sigilli anche a due immobili di Franco Rinaldi.

messina
di
7 Commenti Condividi

MESSINA – La Guardia di finanza di Messina ha effettuato un sequestro per equivalente per un valore di 5 milioni di euro nei confronti degli indagati dell’operazione “Corsi d’oro” (tra questi il deputato nazionale del Pd Francantonio Genovese) su disposizione del Gip di Messina Giovanni De Marco. Sigilli sono stati apposti a 41 immobili nella disponibilità degli imputati, accusati associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, erogazioni pubbliche destinate al finanziamento di progetti tenuti da centri di formazione professionale.

A Genovese sono stati sequestrati due immobili del valore di 630 mila euro; al cognato, il deputato regionale del Pd Franco Rinaldi, altri due valutati 243 mila euro; alla cognata Giovanna Schirò un immobile di 67 mila euro; alla moglie di Genovese, Chiara Schiro, 3 immobili per 499 mila euro. Altri sequestri hanno riguardato proprietà di Elio Sauta, 12 immobili per un milione e 160 mila euro; Graziella Feliciotto (2 immobili per 4.600 euro); Stefano Galletti (500 mila euro); Roberto Giunta (117 mila euro); Natale Lo Presti (9.300 euro); Giuseppina Pozzi (25 mila euro); Concetta Cannavò (165 mila euro); Natale Capone (37 mila euro). Per quanto concerne le società utilizzate per far lievitare i costi rimborsati dalla Regione, alla Calaservice srl sono stati sequestrati 5 immobili per 227 mila euro; alla Centro servizi 2000 srl 3 immobili per 225 mila euro e alla Napi service srl beni per un milione e seicento mila euro. Genovese è attualmente agli arresti domiciliari, anche se il Riesame ha chiesto il suo trasferimento in carcere e al riguardo si attende la decisione della Cassazione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    ma una indagine della finanza x verificare se vi e’ una sproporzione tra quando guadagnato e quanto posseduto?

    andrebbe fatta, una indagine del genere, a tutti gli amministratori pubblici

    Bene adesso che la magistratura è intervenuta sull’ assist genovese-crocetta e sull’ assist partecipate corsi inutili del Ciapi – sistema Giacchetto, continuiamo a fare formazione professionale come sempre seriamente e mandiamo a casa subito scilabra prima che la magistratura intervenga anche sull’ assist scilabra-crocetta. Ps ci dispiace per ivan lo bello che vuole rinascere utilizzando i finanziamenti della formazione, CONFINDUSTRIA non fa formazione ma dovrebbe dare lavoro, cosa mai fatta almeno in Sicilia. Se avete fallito e rischiate di scomparire è solo colpa della vostra cattiva gestione, non cercate di “rubare” quello che appartiene ad altri e state attenti perchè l’assist crocetta-lo bello-montante… non so magari potrebbe incuriosire la magistratura. La gente è esasperata e non si fa più ricattare e finalmente denuncia

    Chi ti ha detto che Confindustria non fa Formazione?
    La fa eccome, una Formazione di eccellenza nel settore edile – informati meglio quando parli di qualcosa.
    E dà, anzi dava prima della crisi, parecchia occupazione ai suoi formati.

    Penso alla scarcerazione di Genovese decisa da un magistrato e rabbrividisco. Se fosse stato del centrodestra avrebbero buttato la chiave. Questa è una Nazione seria o il regno dell’ingiustizia? Uno che traffica in modo sconcertante denaro pubblico per milioni di euro e lo utilizza chissà come, si rimette in libertà? A Corona hanno dato 7 anni di carcere per sciocchezze, tutto sommato. Una disparità di trattamento inquietante e che finirà solo con una stratosferica riforma delle istituzioni!

    Confindustria attinge a piene mani ai finanziamenti della formazione.
    Per la precisione ai finanziamenti di fondimpresa, di cui è parte costituente.
    Lo fa ufficiosamente, in quanto da regolamento le parti sociali (CGIL,CISL e UIL) e datoriali che costituiscono il fondo, non possono partecipare ai bandi, salvo costituire apposite società, che vincono puntualmente bandi per centinaia di migliaia di euro tre- quattro volte l’anno.
    Tra queste anche enti che poi sono stati coinvolti in scandali con revoche di accreditamento.

    x Roberto
    condivido e aggiungo che tutto il pd sia nazionale che regionale crocetta in testa hanno fortemente difeso genovese non possono dimenticare le centinaia di migliaia di voti che genovese ha portato nel pd grazie alla enorme rete di clientele che si era creato usando a suo piacimento milioni di euro di denaro pubblico destinato ai corsi di formazione . Queste sono i reati che gli vengono contestati ma vedrete che le toghe rosse useranno nei suoi confronti uno sguardo benevolo e comprensivo il soccorso rosso non manca mai e già lo si è visto con la concessione dei domiciliari in una lussuosa villa con tutti i confort mentre un ladro di polli finirebbe subito in galera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *