Giovani, donne e big |Ok Culotta, D'Antoni out - Live Sicilia

Giovani, donne e big |Ok Culotta, D’Antoni out

Affluenza attorno ai 60mila votanti. Il baby sindaco di Pollina di misura su Davide Faraone. Nel capoluogo bene anche Piccione, Ribaudo e Siragusa. Risultati plebiscitari per gli uscenti Crisafulli, Papania e Capodicasa. Genovese da record, trionfa a Messina, Zappulla a Siracusa. Testa a testa a Caltanissetta, la spunta la Cardinale su Lillo Speziale.

I verdetti delle primarie Pd
di
67 Commenti Condividi

PALERMO – Sono stati più o meno la metà di coloro i quali si erano recati alle urne per scegliere il premier i votanti alle primarie per i parlamentari del Pd. Si parla di oltre 60mila votanti, anche se il dato non è ufficiale. L’affermazione più netta è quella di Francantonio Genovese nella sua Messina, dove ottiene una percentuale bulgara: 19.360 sui circa 24mila votanti, quasi l’80 per cento dunque. Dietro due personalità comunque vicine all’area Innovazioni, la nebroidea Maria Tindara Gullo e la messinese Liliana Modica, responsabile organizzativa del Pd in Sicilia.

A Palermo hanno votato circa diecimila persone, anche se il dato della città è parecchio deludente, complice anche la scelta di allestire un unico gazebo a piazza Castelnuovo. Sono appena 3624 i residenti nel comune di Palermo che si sono presentati ai seggi. Durante la notte ha preso corpo un tirato testa a testa fra il sindaco di Pollina Magda Culotta ed il renziano Davide Faraone. A spuntarla al fotofinish è stata la prima, vicina ad Antonello Cracolici, così come Franco Ribaudo, piazzatosi quarto. Al terzo posto invece la consigliera comunale Teresa Piccione, che con ogni probabilità abbandonerà dunque lo scranno di Sala delle Lapidi per sedere in Parlamento. Quinta l’uscente Alessandra Siragusa, unica fra i deputati della precedente legislatura che dovrebbe salvare il seggio a Palermo. Il sesto in graduatoria è Pino Apprendi, ex deputato regionale. Più staccati i grandi delusi, gli uscenti Sergio D’Antoni e Tonino Russo.

A Palermo non sono mancate le polemiche, visto che alcuni elettori che avevano votato alle precedenti primarie non hanno potuto esprimere la propria preferenza. È il caso di alcuni studenti fuori sede, i cui nominativi non sono stati comunicati allo staff locale. Già fuori dal novero degli elettori invece gli iscritti al Pd che non avevano scelto il premier, a causa di un scelta della commissione nazionale di garanzia.

Situazione più distesa nelle altre province. Massiccia la partecipazione a Enna e provincia, dove hanno votato 7266 persone, il doppio rispetto alla città di Palermo. A far la voce grossa l’uscente Vladimiro Crisafulli, che colleziona 6348 preferenze. Dietro di lui Maria Greco (2569), Katia Rapè (1588) e Fabio Arena (629).

Netta affermazione di un altro uscente a Trapani, ovvero Nino Papania. Il senatore alcamese ottiene 6165 voti, quasi il 70 per cento dei consensi. Dietro Papania si piazza Pamela Orrù (2420), seguita da Dario Safina (1700). “Il nostro dato è senz’altro brillante – afferma il responsabile organizzativo Mimmo Venuti –, c’è grande soddisfazione per la maturità degli elettori della provincia”:

Ad Agrigento affermazione di un altro uscente, Angelo Capodicasa che raccoglie 3014 voti, seguito ad un’incollatura da Tonino Moscatt, che si ferma a 2789 preferenze. Sul podio Maria Iacono, con 1449 voti.

Siracusa vede un successo piuttosto rotondo di Giuseppe Zappulla, che ottieme 3005 preferenze in tutta la provincia. Dietro di lui Sofia Amoddio (2568) e Giovanni Cafeo (2338). Più lontana Nunzia La Rosa (1435).

Pochi dubbi sulla forza elettorale di Francantonio Genovese a Messina, dove hanno votato circa 24mila persone. Dietro il leader di Innovazioni si piazza la pattese Maria Tindara Gullo (11365) In terza posizione Liliana Modica (6529). Seguono Antonio Saitta (4026), Lucia Tarro (2438) e Lucia Intilisano (2202).

Nella provincia iblea hanno votato 3500 elettori. La spunta l’ex consigliera provinciale Venerina Padua, con 1164 voti, staccando il comisano Gigi Bellassai, fermo a quota 1029. Terza Angela Barone (974) seguita da Gianni Battaglia (785) e Giuseppe Roccuzzo (713).

A Caltanissetta testa a testa fra Daniela Cardinale e Lillo Speziale, con la prima che riesce a sopravanzare il secondo per 65 voti (3488 rispetto a 3423). Nettamente più staccati gli altri candidati. Buona la partecipazione con quasi 5mila votanti.

A Catania i primi sono l’uscente Giuseppe Berretta (4774) e la sindacalista Cgil Luisella Albanella (4539). Più staccato l’altro Giovanni Burtone, che comunque è il terzo con 3507 voti. L’ex deputato regionale Giovanni Barbagallo (2892) supera invece la deputata nazionale Maria Samperi (2408), che rischia pertanto di rimaner fuori dai posti che contano nelle liste del Partito Democratico.

Positive le reazioni da parte del segretario regionale Giuseppe Lupo: “Ancora una volta il partito ha voluto dare la parola agli elettori senza imporre decisioni calate dall’alto ed è stata una grande prova di democrazia partecipata con la quale gli iscritti e gli elettori del Pd hanno scelto i propri candidati”. Lo stesso Lupo sottolinea come ci sia stata “una straordinaria affermazione delle donne, che potranno certamente offrire un contributo determinante per il cambiamento del Paese e della nostra Regione”.

 

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

67 Commenti Condividi

Commenti

    Mai più il voto a questa gente, a loro interessa solo il posto in parlamento, lo dimostra il fatto che sono al potere da almeno 30 anni ed il risultato è sotto gli occhi di tutti. SIETE DEI FALLITI COLLUSI e basta.
    Parola d’ordine: CAMBIAMENTO.

    C’è poco da scegliere : i “vecchi” politicanti , dell’area Bersani, vinceranno queste primarie, il cui risultato appare scontato.

    “SI PUTIINU RISPARMIARI SU TRAFFICU” !!!!!

    Primarie PD : Un solo seggio a Palermo, mi sembra una beffa. E con tutti i soldi che hanno i partiti, che ci voleva a fare una votazione on line ?

    Sono andato al seggio alle 12,30 e ho fatto tutto entro 1/4 d’ora.

    Stamattina mi sono recato a p.zza Politeama per votare. Portavo con me un documento, il certificato elettorale ed il cedolino attestante la mia partecipazione ai due turni delle primarie per la selezione del candidato premier della coalizione di centrosinistra. Eppure non mi è stato permesso di votare. Il motivo è che nella prima consultazione avevo votato (come da statuto di Italiabenecomune) da fuorisede a Roma, accollandomi due ore di fila per la preregistrazione che paradossalmente doveva servire, mi avevano detto, ad evitare che io, dopo aver votato a Roma, scendessi a votare in città, grazie alla “tempestiva” trasmissione degli elenchi dei fuorisede alla federazione di appartenenza. Oggi invece scopro che quegli elenchi non sono mai arrivati e io, e come me, immagino, tanti giovani fuorisede in città per le feste, mi trovo privato del mio diritto di decidere la composizione delle liste del Partito Democratico. In compenso ho notato tante ordinate file di “truppe cammellate” (soprattutto anziani), auguri.

    Siciliani sveglia ,,, il Pd e’ stato responsabile dello sfascio dell ultimo governo regionale ricordiamoci nel segreto dell urna attenxione

    @Fabrizio Pedone. Non si preoccupi. Non si è perso niente.

    Sono stato per 15 anni un amministratore locale dei Ds e del Pd e (obtorto collo) uno dei cofondatori di tale non-partito.

    L’ultima tessera l’ho presa nel 2010.

    Da allora non ho più rinovato l’adesione.

    Dopo 25 anni, nel novembre del 2011 ho smesso di leggere La Repubblica (dopo l’endorsment pro Monti), ho iniziato a odiare Napolitano (per lo stesso motivo) e disprezzare Bersani (idem).

    Da allora ho deciso di non andare più a votare.

    Oggi mi trovo rafforzato in questo proposito !

    L’unico sentimento che provo nei confronti della politica tutta è lo schifo più assoluto.

    Detto ciò, buon 2013 ai disoccupati, sottopagati, disperati, diseredati . . . cioè a tutti quelli di cui la politica non si è mai occupata, nè si occuperà mai ! ! !

    Su la Repubblica è scritto che per le primarie sono affluiti più di 1 milione di votanti,Più che titolare “…alle urne in oltre un mlione” forse sarebbe stato più onesto dire che rispetto alle primarie per il candidato premier c’è un astensionismo del 70%? e proseguendo si può dire tranquillamente che vanno a votare solo gli aficionados ed i quadri più stretti e che, visto anche i listini dei papabili la quasi totalità over 40 e 50, il rinnovamento te lo vai a sognare?

    Ma 74 candidati sono solo quelli del PD? Volevo sapere qualcosa su SEL,metterete anche i loro risultati?

    Penso un Faraone, non dovra’ essere candidato, si candida, ovunque’ pur di prendere

    una poltrona.

    Lo stesso vale Lumia. Vadano a fare il loro lavoro, Cioe’ NIENTE

    alta l’affluenza nella provincia di Enna.
    La giusta risposta alle critiche sul nostro Senatore…

    A Gel Vi assicuro che diverse persone, ne conosco direttamente alcune, hanno votato in 2 seggi con generalità false. Evviva la leglità !!!

    Sono state primarie false. Non votero’mai Pd

    Il trionfo degli apparati di partito. Neanche Mario Merola avrebbe immaginato una tale sceneggiata.

    È giunto finalmente in Sicilia il momento del cambiamento! W W W le primarie mi eccitano!

    ma che valore hanno le primarie se in una città come palermo vanno a votare 3500 persone. E’ una vergogna chi è votato chi rappresenta? certamente non una città o gli elettori.Hanno votato la metà della gente che ha votato a ENNA le primarie fatte così non hanno alcun valore finiamola di fare i buffoni e torniamo alle preferenze altrimenti questo nuovo parlamento sarà peggio del precedente chi ha 1000 voti in città vince ma non facciamo i buffoni!

    che noia…quello che scrive fabrizio lascia sbigottiti…..ma mai quanto quello a cui si assiste in questi mesi con le decisioni del Governo regionale. Poi la storia di Lumia, fuori dalle primarie……ma che c’entra mica è Berlusconi o qualcuno dei suoi…

    Ottima cosa le primarie, io prevedo però’ un forte calo dei voti del PD rispetto alle precedenti elezioni nazionali e rispetto anche alle ultime regionali. Io non voterò’ per es. per il PD deluso fortemente dai comportamenti dei nostri politici egoisti arrivisti che scarsa considerazione hanno per i reali problemi dei cittadini sopratutto quelli della malagiustizia, vero cancro della nostra società’.

    Ad Agrigento ancora Capodicasa?? Ma basta: tra REGIONE e parlamento nazionale è tra circa 30 anni che fa il parlamentare. Per cosa si è distinto? Amici del PD siamo seri…. Basta, rinnovate seriamente…. Capodicasa va bene….. come pensionato……(pensionato d’oro..)

    E’ stato un errore gossolano fare un solo seggio a Palermo-Città, a Piazza Politeama e con Via Libertà pedonalizzata.

    Che imbarazzo essere italiani…

    Se ci fosse stata la Doppia Preferenza di genere, alle Nazionali, e la Riforma elettorale, come si può notare dalle primarie del Pd, le donne, e i giovani, avrebbero avuto la meglio sui soliti noti. Ci vuole cambiamento, rigenerazione nei partiti, dove si riscontra uno straordinario interesse alle poltrone, e allo status quo.

    almeno ci sono due volti di persone giovani e perbene nell’area di Palermo! Il cambiamento che auspica Indignato deve cominciare dal dato anagrafico degli eletti! Ora portiamoli a Roma dove c’è tanto anche lì da cambiare!!!

    Le primarie sono state bellissime ed è bellissimo che tra i primi cinque ci siano tre donne. Trovo divertente il commento di Filoramo. Ha avuto un risultato catastrofico e trova ancora la forza di parlare. Chapeau!

    Il PD come sempre si distrugge da solo, non hanno voluto Renzi, non hanno capito che solo con lui il partito sarebbe arrivato al 40%, mentre così si prevede una catastrofe. AUGURIIIIIIIIII — VIVA GRILLOOOOOOOO

    a gela il vecchio speziale faceva votare le stesse persone piu di 4 volte senza chiedere documento e fino alle 11,00 anche quelli non iscritti alle primarie complimenti alla vera partecipazione.

    Mettetevi daccordo, il giornale di sicilia dice che a palermo vince Davide Faraone, Live Sicilia dice che a palermo vince Culotta. Si può sapere chi è stato il primo nella provincia di Palermo? Grazie.

    Ho già scritto questa notte, non vedo il mio commento, riscrivo ottima cosa le primarie, alle nuove generazioni sopratutto alle giovani donne suggerisco : attenzione a non fare solo le belle statuine. Un consiglio rimanete agganciate alle persone che vi hanno votato, e tenete a giusta distanza i vecchi volponi! Il PD e’ in forte calo in Sicilia io quest’anno non voterò.

    In altre parole: comprarsi enti di formazione serve

    L’unica alternativa possibilie è “RIVOLUZIO CIVILE” con INGROIA! Basta a questi buffoni del PD con gli accoliti segugi di SEL

    Cammilleri ad Agrigento ci ha bloccato il cambiamento

    CRISAFULLI A ENNA ERA L’UNICO CANDIDATO, COME HA SEMPRE FATTO HA CACCIATO VIA DAL PARTITO TUTTI E CON LA GESTIONE CLIENTELARE DEL POTERE E’ IMPOSSIBILE PER ALTRI VINCERE CONTRO DI LUI.
    SIGNORI DEL PD VI VORREI OMAGGIARE CON UNA SUA CITAZIONE:
    a Enna vinco con il proporzionale, con il maggioritario e anche con il sorteggio

    BUON ANNO

    Francantonio Genovese, MA COME MAI HA FATTO IL BOTTO???? MAH!!! CHISSA’ COSA AVRA’ MAI FATTO DI COSì TANTO BUONO PER MERITARE QUESTO PLEBISCITO…AH!!! DIMENTICAVO LA FORMAZIONE (REPORT DOCET)
    VOTATELI VOTATELI CHE RISOLLEVERANNO LE SORTI DEL PAESE VERGOGNA!!!!!!!!

    vegono promossi 2 uomini e 2 donne pertanto a Catania passano il turno Beretta Burtone Albanella e Samperi

    Non capisco i commenti precedenti….il risultato straordinario di queste primarie è quello che ben 60.000 persone hanno votato per scegliere i loro rappresentanti ci sono tanti giovani e giovanissimi ed il 50% è donne….è un grande successo di rinnovamento e democrazia che nessun partito o movimento fà. @fabrizio pedone mi spiace che non hai votato certo i problemi tecnici ci possono stare ma ti assicuro gli elenchi dei fuori sede, anche se avessero voluto votare tutti quanti, non avrebbero cambiato i risultati….visto che si tratta a palermo di pochissimi voti

    @indignato, me lo dici da quale pianeta arrivi? sei arrivato coi maya il 21 dicembre? dove hai parcheggiato l’astronave?
    perché sai, io che invece sto sulla terra mi son beccato 10 anni di Cammarata Sindaco di Palermo, 20 anni di Berlusconi: tette culi pallone e assoluto disinteresse per i lavoratori dipendenti -costretti a pagare per se e per tutti gli allegri evasori-
    alla regione il binomio Cuffaro-Lombardo che con giochi di prestigio e comiche finali hanno prosciugato il fondo del barile.
    ecco, non sarà la migliore delle soluzioni possibili, ma i nomi che sono usciti dalle primarie del Pd mi sembrano comunque il meglio che questa scalcagnata regione ha da offrire alla politica nazionale.

    @indignato: se poi il tuo alto laio è destinato a convincere qualcuno a votare M5S prova tu per primo a chiederti dov’è la parte di stipendio (i 2/3) di parlamentare regionale che i 15 eletti avrebbero dovuto versare al movimento? risposta: nelle loro tasche.

    il Pd ha dato dimostrazione di grande democrazia svolgendo queste primarie anche per i parlamentari. Ritengo che Magda Culotta non avrebbe mai avuto un seggio sicuro se non avesse ricevuto tanti consensi alle primarie di ieri. Adesso stiamo a vedere come il pdl deciderà i propri candidati…. vedremo sempre le stesse facce: Angelino alfano, Dore Misuraca, Giuseppe Castiglione, Saverio Romano….. Ho votato Pdl alle scorse elezioni nazionali, ma non mi ritrovo più in quel partito perchè non esiste meritocrazia ed inoltre si premiano sempre le stesse persone. I parlamentari uscenti sopracitati dovrebbero mettersi da parte e lasciare spazio a chi ha seriamente a cuore le sorti dell’Italia.

    Tra primarie, secondarie e terziarie, neppure fossero delle acidità ammine, il motivo della fibrillazione che in modo unanime coglie tutti i parlamentari è legato all’ ingombro di poter diventare degli ex parlamentari. C’è da aggiungere che in questo tsunami della politica italiana, una carettata di gente, che ovviamente pensa ai propri particolari interessi, cerca di occupare una poltrona nel prossimo parlamento. Riguardo alla Cancelliera tedesca, forse non sarà una vampira, visto che quelli doc sono originari tutti dalla Transilvania, ma di sicuro, sventolando lo stendardo dell’Ue, ha dato una grande mano di aiuto a Napolitano nell’operazione Monti a Palazzo Chigi. Di quello che poi il prof da quelle stanze ha fatto, ne portano i segni sulla schiena i soliti pensionati e reddito dipendenti. A questo punto della storia, agli elettori italiani, resta solo il compito di fare sentire la loro voce. Ricordando che, se votare è un diritto, scegliere bene i propri rappresentanti in Parlamento, è un dovere. Se no le lamentele postume diventano un mero esercizio di pianto greco. Un ozioso pretesto e nulla più. Insomma, è davvero arrivato per tutte le persone di buonsenso il momento di togliersi la maschera di suddito, per mostrare con orgoglio il volto del cittadino consapevole. Il contrario è la morte civile ed economica dell’Italia. Anche se Monti non crede che di troppe tasse si muore, la realtà dei fatti lo dimostra: sì, l’eccesso di tasse uccide allo stesso modo le persone fisiche che quelle giuridiche.

    2 euro a voto? Facciamo un po’ di conti.
    E poi chiediamo il dimezzamento dei costi della politica! La veritá é che fare politica é diventato un “lavoro” assicurato. Ma non é questa la democrazia, visto il risultato fallimentare degli ultimi anni: spesa per la politica aumentata del 1.100%.
    E mangiano tutti indistintamente, mentre il conto lo paghiamo noi con Imu e tasse spaventose che non hanno migliorato alcun servizio.
    E tv e giornali (foraggiati anche loro da questi politici) sono complici della diffusione distorta del concetto di “democrazia”. Piú politica, oggi, non significa vita piú democratica ma maggiori occasioni di corruzione, ruberie di Stato e legami opportunistici.
    Non voto piú.

    le primarie del Pd sono una gran buffonata…..
    Ad agrigento sono state bocciate dalla direzione provinciale diverse candidature per evitare che si ostacolasse l’uscente capodicasa, si si….ancora lui, sarà in lista, ma per fortuna non sarà eletto.
    La sicilia è stanca di certi personaggi……

    non sono interessato alle primarie che, se dovevano servire al cambiamento, si sono rivelate una mezza farsa (Capodicasa, Crisafulli, Genovese ecc…), ma lasciatemi la possibilità di esternare la mia goduria per la trombatura di uno dei politici più inutili, falsi, subdoli con D’Antoni. Un ex sindacalista riciclato senza voti e senza consensi. Spero ora che non venga salvato dai big con qualche posticino riservato

    Finalmente, Magda Culotta ce l’ha fatta! Prendiamo esempio da questa giovane donna, capace e preparata. E’ l’esempio che la Sicilia sta cambiando e lei contribuirà a questo cambiamento…Magda è un nome che farà storia nella politica regionale e ora, con orgoglio, nazionale. E’ finita l’era dei padrini e dei padroni. Il suo nome e quello che sarà capace di fare questa ragazza entrerà nella storia. Oggi, si alza la testa. Grazie Magda. Se fossi mia figlia sarei orgogliosissima di te. Bellissimo fine anno…

    altro che progressisti SIETE DA PREISTORIA , anche lei dott. Passarello prima di fare certi articoli si informi chi ha appoggiato il baby sindaco e verdrà che le cose non stanno come sembrano , la democrazia nel PD ma anche in altri partiti e un optional .

    MINCHIA QUANTE BOTTIGLIE DI CYNAR, o GAVISCON per non parlare del Lanzoprazolo tutti questi megagalattici commentatori dovranno bere o prendere per IL FEGATO che si stanno mangiando ??? Ma perchè non rompete i “cosidetti” ai vostri PARTITI, oppure andate a votare cosi cambiate queste persone se no ZITTI e MOSCA , queste nei suoi difetti sono state le elezioni democratiche dopo il PORCELLUM, Voluto da CALDEROLI, NANIA, CICCHITTO etc etc ( cioè PDL E LEGA (BERLUSCONI E BOSSI) che hanno governato (quasi) ininterrottamente dal 1994 ad oggi. Ma non rompete piu i cosidetti e andate dove il GRANDE ALBERTO SORDI mandava parecchia gente

    Grande risultato per Davide Faraone, l’area Renzi vince anche a Palermo, forza con il rinnovamento buon lavoro Davide.

    Il risultato di queste primarie era scontato: i vecchi professionisti del PD, con qualche rara eccezione, saranno di nuovo candidati per la seconda, terza e quarta volta a fare i deputati e i senatori. Viene da chiedersi se vi è stato un voto libero o un voto condizionato da clientele o bisogni primari : (campare la famiglia, ricerca disperata di un posto di lavoro…….disperazione e sottomissione). A Enna come a Caltanissetta o Agrigento e Messina c’è più necessità di lavoro c’è più disperazione e sottomissione al potente di turno. E i giovani preparati, i nostri e vostri figli li mandiamo all’estero.
    IL PD non è un partito molto democratico perchè non promuove la meritocrazia e il rinnovamento della sua classe dirigente. Vicenda Renzi docet .

    A Palermo hanno votato 3500 persone. Queste 3500 persone (truppe cammellate degli onorevoli e dei politici) hanno deciso. Più stupidi tutti coloro che voteranno il pd alle prossime elezioni.

    Scusate dov’è questo risultato plebiscitario per l’uscente Capodicasa ad Agrigento? 225 voti di differenza contro un 32enne sono un plebiscito?

    Lupo e’ contento per d’antoni immaggino:)))))

    C’è stato qualche scompenso organizzativo, anche perchè era la prima volta in Italia e in Europa (sì in EUROPA!) che si faceva tale esperimento.
    Ma è stato un successo che mi ha sorpreso. Successo, non solo per la partecipazione massiccia, ma sopratutto perchè queste primarie sono state caratterizzate da un confronto reale, dialettico e SERIO – in una parola: democratico – tra i candidati, sia nella prima tornata (x la segreteria) che nella seconda.
    Onore al PD e a SEL che hanno dato, non dico una lezione di democrazia, ma certamente un esempio costruttivo di ricambio, dal basso. E’ la strada giusta.
    Ed è bello leggere ora i commenti di sciocchi seguaci dei comici urlanti (Bossi, Berlusconi, Grillo ecc) che criticano chissà che cosa e poi voteranno i nomi designati dai loro ducetti unilateralmente o addirittura con parlamentarie-farsa. Patetici.

    Dai primi risultati si evince che hanno vinto i soliti raccomandati e i vari pupilli dei parlamentari che non hanno partecipato alle primarie perché unti dal Signore. Quello che mi indispettisce di più é la vittoria di Genovese a Messina ; io non lo conosco personalmente ma lo aveva descritto bene la trasmissione REPORT assieme al cognato che con tracotanza avaeva dichiarato con “pudicizia” che il successo derivava anche dai favori che “giustamente si potevano fare”. Hanno avuto ragione loro, infatti il popolo del PD li ha votati. PD, partito senza anima e ormai senza frontiere, un ibrido dedicato all’acchiappo. Forse Ingroia riuscirà a mettere un filtro?
    .

    certo che a leggere certi commenti ci deve essere tanta esaurita in sicilia. meno male che è un giornale on line letto per gran parte da siciliani perchè se ci fosse qualche investitore straniero potrebbe pensare di essere in una regione di matti.sono le stesse persone che plaudivano al miliardario ridens e alla sua corte. credevano ai suoi cieli azzurri e alle sue barzellette. e più lui diceva barzellette più loro ci credevano.con questo sistema hanno portato la sicilia alla catastrofe. è venuto poi un presidente che in due mesi ha rivoluzionato la politica siciliana . è venuto poi un probabile pdc che ha scommesso sul rinnovamento totale della politica. in tutta italia le primarie sono stare un successo.una miriade di nuovi parlamentari tutti giovani o giovanissimi,il più giovane uno di cesena ha solo 24 anni,si siederà sui banchi di montecitorio.in sicilia questo rinnovamento è stato più lento perchè da almeno 800 anni siamo abituati ad aspettare la manna dal cielo.dove i giovani hanno osato,sono stati premiati,dove si sono accucciati sotto una possibile coaptazione,sono stati puniti. in ogni caso queste primarie sono un’esercizio di democrazia diretta senza precedenti.la macchina è ormai messa in moto e nessuno la fermerà.

    dimenticavo di dire che i veri eroi delle primarie sono stati i volontari che,agratisse,hanno permesso il funzionamento della complessa macchina amministrativa. in tutta italia sono stati 80.000 personeper la maggior parte giovani.nel seggio dove ho votato si sono formati gruppi di 5 persone che ogni tre ore si alternavano.era l’ultima domenica di un freddoso fine anno embra poco? c’è qualche partito in italia o in sicilia che è in grado di fare questo? non c’è e allora con tutti i problemi che abbiamo accontentiamoci di questo e gioiamo perchè una ragazza di uno sperduto paesino della provincia di palermo diventeràdeputata.lei ci ha creduto ed ha dimostrato che con poco si può fare politica pulita ai supercritici di questo giornale on line dico: mettetevi in gioco anche Voi. con la volonta niente è impossibile.finche resterete attaccati ad una tastiera di un computer non cambierete Voi non cambierete la societa italiana.

    Lupo ha una faccia tosta! E nessuna dignità.

    A Partinico si sono svolte primarie vere, hanno votato 285 persone, più del 50% di quelli che hanno votato a novembre. Dispiace per coloro che non sono andati a votare o che si lamentano; quelli che hanno votato hanno scelto in perfetta libertà e democrazia. Siamo stati gli unici a coinvolgere l’elettorato a differenza di tutti gli altri che decidono nelle segrete stanze delle segreterie di patito o di movimenti vari.

    Poche considerazioni.

    Bersani chiede a Monti chiarezza: vuole sapere dove si siede, accanto a chi. Pare che lui, Bersani, sia l’unico a non saperlo. Perché non lo chiede al suo vice Enrico Letta? Infatti sono tutti e due, insieme ad altri italiani molto “in”, membri della Trilateral.

    La Finocchiaro ha superato la prima prova. Va be’, non correva in Sicilia, perché qui forse non ce l’avrebbe fatta, tuttavia entrerà quasi sicuramente in Parlamento. Sarà contento il marito. Un po’ di gioia dopo tante amarezze. Non è piacevole essere indagati.

    I giornalisti del tg3 esultano: hanno vinto le primarie moltissime donne. Come dire: potevano perdere pur essendo obbligatorio votarle e invece ce l’hanno fatta.
    E’ proprio vero: la gioia è un sentimento irrazionale e non sempre condivisibile.

    A proposito di Stampa Libera. Che ci fa una giornalista di sinistra come Lilli Gruber nell’elitario Circolo Bilderberg insieme a Mario Monti (e tanti altri)?

    Potrebbe anche capitare che tra qualche giorno ci si imbattesse in una notizia del genere: “Sono già oltre 160 i firmatari di un appello rivolto al Segratario Bersani, con la richiesta di inserire nel proprio listino il Sig. Pino Apprendi” ……… Pino fai un favore alla restante cittadinanza….dedicati ad altro…non è mai tardi!

    Risposta a Mario : Ma dove vivi in Svizzera o in Svezia? Dove i servizi pubblici funzionano: le scuole, gli ospedali;
    la pubblica amministrazione è efficientissima e la disoccupazione è quasi inesistente.

    Ma il rinnovamento a cui fai riferimento tu è: Papania, Genovese, Crisafulli, Burtone, Cardinale, Bindi, Finocchiaro ecc…..

    A Marioo : “qua nissuno è fesso”, e te ne accorgerari quando si voterà per le prossime politiche di primavera!!!!!!!!!

    Ottimo post Ipazia. Ma adesso aspetto lo stesso per la destra…

    Buon 2013

    Come darti torto.
    Siciliani svegliaaaa…..il PD ha sostenuto apertamento il governo Lombardo.

    Sono veramente affranto per Tonino Russo, Deputato Nazionale di grande cultura eletto senza voti, solo per assicurarsi un vitalizio !

    Dai commenti si evince che a molti siciliani piace l’attuale “Porcellum” .
    Infatti la decisione di queste primarie nasce dalla necessità di restituire agli italiani il diritto di scegliere i loro rappresentanti nel Parlamento. La stagione berlusconiana ci aveva tolto anche questo diritto costituzionale e il vecchio parlamento, carico di indagati, condannati e mafiosi ha impedito fino all’ultimo di cambiare questa infame legge elettorale. Critichiamo pure il Pd e Sel che devono fare sempre di più e meglio ma riconosciamogli pure coerenza, onestà intellettuale, rispetto verso i cittadini e per le regole democratiche.

    speziale ritirati, i tuoi giochetti non funzionano più!

    Cari Cesare e Federica, dalle vostre parole deduco che non siate stati a Gela il giorno delle primarie.
    Perchè non dire allora che a Gela si votava in tre seggi, quello del circolo speziale e quello di Italia bene comune hanno votato normalmente nei gazebo alla luce del sole, un altro circolo, invece, ha ritenuto opportuno far votare al chiuso di un appartamento dove questo circolo ha la sede, casualmente il candidato di mussomeli in quel circolo ha preso più di 400 voti.
    I volontari nei due circoli all aperto hanno eseguito un lavoro esemplare. Un partito che consenta a un circolo di votare nella propria sede anziché nel gazebo è un partito che non avrà più il mio voto. Io di votare la figlia di cardinale, con tutto il rispetto, non ci penso proprio.
    Si attacca speziale inutilmente, è il PD che gli ha chiesto un passo indietro alle regionali per spenderai al senato, sottoponendosi come QUASI tutti alle primarie. Queste però devono essere svolte regolarmente altrimenti farle risulta un offesa a chi in questo partito ci crede davvero. a mussomeli, Caltanissetta, San Cataldo eccc…. Chi controllava?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *