Green pass obbligatorio, quando l'azienda può chiedere i danni ai lavoratori - Live Sicilia

Green pass obbligatorio, quando l’azienda può chiedere i danni ai lavoratori

Secondo Confindustria l'impresa può fare causa al dipendente chiedendo i danni
I PARTICOLARI
di
1 Commenti Condividi

ROMA – Con l’obbligo del Green pass per i lavoratori, dal 15 ottobre i dipendenti delle aziende senza certificazione verde saranno sospesi dal lavoro senza conseguenze disciplinari ma senza retribuzione. Un discorso a parte merita l’ingresso abusivo senza Green pass.

Le sanzioni

In questo caso verrà elevata una multa da 600 a 1.500 euro ma può portare anche a sanzioni disciplinari serie. In una nota dal titolo “L’estensione del Green pass al lavoro privato”, Confindustria ritiene auspicabile la richiesta dei danni al lavoratore senza Green pass in alcuni casi precisi da parte delle aziende.

La nota

“Ogni comportamento che dovesse recare danno all’impresa, incidendo negativamente sulla possibilità di far fronte a i propri obblighi contrattuali, legittima la reazione aziendale sul piano della richiesta del risarcimento danni”, recita la nota di Confindustria.

Tra i casi ventilati come passibili di richiesta danni ci sono quelli di lavoratori impegnati in appalti, commesse, ordini in cui è essenziale la loro presenza, lavoratori trasfertisti che non possono partire in mancanza di Green pass, lavoratori assunti in edilizia per uno specifico appalto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ed invece dei risarcimenti alle aziende dei danni provocati ai bilanci finanziari dalla scellerata gestione da parte di certi loro pagatissimi manager non ne parla mai il presidente di Confindustria Bonomi?…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.