Guerriglia alla fine della partita nel catanese VIDEO - Live Sicilia

Guerriglia alla fine della partita, “Intervenga la Lega Calcio” VIDEO

Violenza allo stadio di Scordia: protagonisti giocatori Under 17.
IL CASO
di
3 Commenti Condividi

Violenza allo stadio ‘Binanti’ di Scordia ieri pomeriggio al termine della partita Gymnica Scordia – Libertas Catania, nell’ambito del campionato allievi under 17. Dopo il triplice fischio finale che ha decretato la vittoria dei calatini ai danni degli etnei, è scoppiata una guerriglia selvaggia sul rettangolo verde. Una rissa che è stata immortalata da un telefonino ed il video in poco tempo è diventato virale scatenando la condanna degli sportivi. Sugli spalti c’erano molti bimbi che sono stati immediatamente portati via dai genitori increduli e impauriti. Pugni e calci. Botte da orbi. Nemmeno la presenza delle forze dell’ordine è servito da deterrente.

Anche la politica ha condannato quanto accaduto. “Le immagini che stanno spopolando sui social della maxi rissa avvenuta alla fine di una partita Under 17 a Scordia, mi impongono, come uomo di sport e come responsabile regionale a prendere una netta distanza denunciando, in toto, il negativo comportamento di tutti coloro che hanno permesso questo”. Lo dichiara Giuseppe Giordano, responsabile dello Sport per la Democrazia Cristiana Nuova in Sicilia, in merito all’episodio di violenza avvenuto al termine della partita di semifinale provinciale di ritorno tra Gymnica Scordia – Libertas Catania Nuova, due squadre del campionato Allievi – Under 17. “Si dice che lo sport unisce, aggrega, deve essere vissuto in legalità e fair play ma questi episodi di violenza allontanano i ragazzi da ogni attività – continua Giordano -. La Lega Calcio deve immediatamente intervenire e infliggere sanzioni esemplari in maniera tale da punire i colpevoli ed essere da monito per il futuro. Occorre tagliare questi rami secchi che mostrano un aspetto totalmente diverso da quello che è lo sport”.

“Abbiamo lottato duramente per tornare a giocare in piena emergenza sanitaria. Ci siamo battuti per dare al calcio un’immagine migliore, di entusiasmo e voglia di ripartire. Quello che è successo a Scordia non ha nulla a che fare con il calcio. Saremo durissimi”. Sono parole dure e di condanna quelle del presidente della Lega Nazionale Dilettanti siciliana Sandro Morgana. “Non capisco il senso di tanta violenza – continua Morgana – come non comprendo il perché si debba rovinare il calcio più bello, quello dei giovani, facendolo diventare un campo di battaglia. Non possiamo rischiare che quattro sconsiderati rovinino tutto. Chiedo l’intervento delle forze dell’ordine per valutare se sussistano le condizioni per la richiesta del Daspo. Inoltre trasmetterò gli atti alla Procura Federale per avere condanne rigide e definite oltre a quelle che il giudice sportivo comminerà su quanto trasmesso dal referto arbitrale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Questo è il risultato di una società alla frutta.

    Devo dire che un inizio di attività sportiva peggiore non poteva esistere. Credo che per mantenere alti i valori dello sport, nell’accezione più logica e spartana che possa esistere, e scevra da ogni condizionamento proiettato al possibile futro “business”, l’unica cosa seria da fare è la radiazione a vita e senza appello per i responsabili di tanto squallore; una sanzione anche per chi ha la “gestione” non deve mancare: una squalifica del campo per qualche mese e la verifica di eventuali responsabilità oggettive, da sanzionare secondo le previsioni della giustizia sportiva. I valori dello sport, soprattutto per chi lo pratica, devono essere salvaguardati. Lo sport deve unire, non deve dividere; lo sport deve essere esempio di amicizia e di fratellanza. Non è un caso se, tra l’altro, condanno fermamente la scelta di escludere la Russia da ogni competizione sportiva: sicuramente non si tratta di una scelta indirizzata al tentativo di trovare la pace.

    Vergogna,ci sn le immagini e i delinquenti devono essere radiati a vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *