I "professionisti" del borseggio| Ecco l'incubo sugli autobus - Live Sicilia

I “professionisti” del borseggio| Ecco l’incubo sugli autobus

Borseggiatori sugli autobus dell'Amat

Furti a raffica sui bus che attraversano il centro e su quelli per Mondello e Monreale.

PALERMO
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – Sono vere e proprie squadre, composte da tre o quattro uomini, alcuni dei quali ormai “professionisti” del borseggio. Volti anche abbastanza conosciuti da chi quotidianamente utilizza i mezzi pubblici e più volte al giorno, ma meno identificabili per chi non si muove spesso in autobus o si trova a Palermo come turista.

I borseggiatori sui bus della città adottano tattiche collaudatissime, riescono a darsela a gambe in pochi minuti e a fare perdere le proprie tracce. I più “recidivi” nei mesi scorsi sono stati arrestati o denunciati, ma una volta a piede libero sono tornati all’attacco. E, chi riconosce le loro facce, li segnala frequentemente alle forze dell’ordine. Poche settimane fa la polizia ha smantellato una banda di cinque persone: gli agenti del commissariato Libertà hanno sorpreso i cinque presunti borseggiatori, indicati come tali dagli utenti, davanti alla stazione centrale. Erano appena saliti su una vettura della linea 101: i poliziotti li hanno prima fatti scendere e poi perquisiti.

Uno di loro nascondeva in una borsa un coltello ed è stato denunciato per porto abusivo di arma bianca, mentre altri quattro, sottoposti alla sorveglianza speciale, sono stati denunciati per violazione degli obblighi previsti. Ma non è stato l’unico caso, visto che l’indomani altri due uomini, di 45 e 64 anni, sono stati fermati in via Roma alla fermata: un passeggero aveva chiamato la polizia perché gli era stato rubato il portafoglio, sempre sul 101. La vittima, in questo caso, era un turista belga. Stava andando con la moglie nella zona del Teatro Politeama, ma la sua mattinata si è conclusa in questura per denunciare il furto.

Disavventure che rischiano di far tornare a casa con l’amaro in bocca i visitatori del capoluogo siciliano, sempre più presi di mira. E, la linea 101, è senza dubbio quella più bersagliata perché attraversa la maggior parte delle strade del centro storico, permettendo ai turisti di raggiungere i luoghi dell’itinerario arabo-normanno in breve tempo. Ma a quale prezzo? Ad aprile una coppia di spagnoli è stata derubata della macchina fotografica dal valore di quattrocento euro e di duecento euro in contanti. Entrambi si trovavano nella borsa della donna, a tracolla. Chi è entrato in azione è riuscito a darsi alla fuga alla prima fermata effettuata dall’autista.

Borseggiatori all’attacco anche ai capolinea di piazza Indipendenza, pronti ad entrare in azione sugli autobus che portano a Monreale. Quindici giorni fa una donna francese è stata derubata di un tablet, anche in questo caso al malvivente sono stati sufficienti pochi movimenti ma fulminei, per scappare con il bottino. Senza considerare le decine di segnalazioni che arrivano alle centrali delle forze dell’ordine dalle fermate per gli autobus che portano a Mondello: la linea 806 fa da alcune settimane da scenario a furti di ogni tipo, soprattutto da parte delle baby gang.

Si tratta di bande formate da giovanissimi malviventi che spesso mettono a segno i colpi anche in spiaggia, fuggendo con zaini, borselli e marsupi. L’ultimo caso lo scorso fine settimana, quando un gruppo di adolescenti approfittando dei bagnanti in acqua, si è impossessato di due borse lasciate incustodite. Hanno trovato rifugio proprio a bordo del primo autobus di passaggio. Poi hanno fatto perdere le proprie tracce.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Vanno pubblicate subito le foto in quanto gente incivile che priva della libertà gli onesti cittadini e getta ancora più fango sulle già tristi vicende politico- sociali della nostra città. PUBBLICATE LE FOTO SE NON ALTRO PER PROTEGGERE I NOSTRI FIGLI. Grazie!

    Hanno rotto le scatole . Sono delinquenti senza scrupoli che danneggiano la città già indebolita dai problemi quotidiani . Svegliamoci amici svegliamoci non facciamo finta che il problema non ci riguarda .

    Indegniii

    Tempo addietro un noto commentatore molto buonista che interviene spesso nelle pagine di Palermo ha scritto che i borseggiatori sugli autobus AMAT fanno parte del folklore cittadino alla pari dei parcheggiatori abusivi o di coloro (sempre gli stessi e nei medesimi punti del centro) che svolgono attività di accattonaggio…

    obbligo di dimora sull’aspromonte.

    Sono daccordo con te bisogna pubblicare le foto all’interno dei bus inoltre una specie di Daspo nel senso che non dovrebbero entrare nei posti aperti al pubblico esempio banche poste bus uffici comunali etc etc magari per 5 anni. A dimenticavo ……in Italia non funziona nulla e a Palermo di piu’.

    Hanno arrestato 3 ore fa un borseggiatore nei pressi di via balsamo e lo stesso ha aggedito i poliziotti che l’ho hanno fermato. È una coincidenza ? Non so , ma a parlarne fa sempre bene… Speriamo che buttino le Chiavi
    Grazie livesicilia

    con le leggi assurde che abbiamo in Italia non si faranno mia un giorno di carcere in quanto dopo la denuncia vengono messi subito nelle condizioni di delinquere nuovamente

    Buongiorno redazione, tutte le mattine attendo il bus in piena piazza Indipendenza qui un gruppo di noti borseggiatori composto da 4 persone da mesi staziona di fianco al gabbiotto Amat in attesa di individuare la vitima. Ho ripetutamente chiamato il 113 e il 112; purtroppo l’intervento è possibile solo a fatto compiuto e segnalato al telefono con individuazione della vittima. Il ciittadino non puo trasformarsi in agente di Ps e ttendere che loro agiscano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *