Iacolino: "Salute, terra di conquista" | L'assessore Russo: "Da che pulpito..." - Live Sicilia

Iacolino: “Salute, terra di conquista” | L’assessore Russo: “Da che pulpito…”

La polemica
di
35 Commenti Condividi

“Non possiamo fare ancora nomi. Abbiamo voluto fare questa comunicazione forte affinché la Salute non diventi in alcun modo terreno di conquiste elettorali”, così l’onorevole Salvatore Iacolino ha commentato la lettera-denuncia del Pdl firmata oggi a margine della Conferenza “Formazione liste Amministrative 2012 – sanità e dintorni” svoltasi ad Agrigento. Il destinatario principale è Massimo Russo (nella foto).

Con questa lettera, indirizzata al presidente della Regione, all’assessore regionale alla Salute e ai direttori generali delle aziende ospedaliere e sanitarie dell’Isola – ha continuato l’onorevole – abbiamo provato a gettare un fascio di luce. Il bene della salute e della libertà di consenso non possono essere calpestati e messi assolutamente in gioco”. Pesanti le argomentazioni riportate nella lettera: “La titolarità degli incarichi negli enti sanitari della Regione – come si legge –  sembrerebbe essere divenuto elemento determinante per la scelta dei soggetti aventi titolo all’elettorato passivo nel quadro delle prossime elezioni amministrative, soprattutto nelle liste che fanno capo al Suo governo ed, in particolare, il Suo Partito e le liste ad esso collegate. Registriamo, invero, significative indicazioni in tal senso (sembrerebbe, inoltre, che l’assessore Massimo Russo sia stato incaricato della formazione di una propria lista a Palermo)”.

I dipendenti – in talune circostanze anche all’insaputa dei vertici aziendali – verrebbero avvicinati, secondo la denuncia, per rafforzare le liste con la promessa di un impegno a farli crescere professionalmente. Questa è solo la prima fase.  “La seconda fase partirà a metà aprile. Ci impegniamo a portare avanti una costante attività di monitoraggio e vigilanza – ha concluso Iacolino –. Confidiamo affinché i rumors seppur insistenti non corrispondano al vero”.

La replica di Russo
“Ben vengano i paladini della legalità a difesa delle regole della buona politica. Stupisce però che a lanciare delle insinuazioni sia proprio chi – come l’on. Iacolino – ha condotto la sua campagna elettorale di eurodeputato da direttore generale dell’Asp più grande d’Italia, quella di Palermo, senza mai avvertire l’esigenza etica di dimettersi, nemmeno dopo l’avvenuta elezione”.

L’assessore regionale per la Salute Massimo Russo risponde così alla nota diffusa oggi dall’eurodeputato Salvatore Iacolino e da alcuni esponenti del Pdl. “In piena campagna elettorale – continua Russo – Iacolino ha firmato decine e decine di delibere di incarichi, spese e impegni organizzativi ed è stato diffidato per avere adottato alcune delibere in palese violazione con le disposizioni assessoriali. Verrebbe da dire: da che pulpito viene la predica. Se poi lui è a conoscenza di qualche indebita pressione su candidati medici faccia nomi e cognomi”.

In ogni caso – conclude Russo – noi di “Palermo Avvenire” siamo sereni perché la lista sarà trasparente e tutti i candidati dovranno firmare il rigoroso patto etico che abbiamo varato per dare ai cittadini garanzia di legalità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

35 Commenti Condividi

Commenti

    Che faccia tosta per uno che ha costruito la fortuna elettorale con una gestione più che spregiudicata all’interno della sanità palermitana.

    E che dire di Mimmo Russo fondatore del sindacato ex PIP?? Per il 4 aprile p.v. il buon governatore (suo principale sponsor) ha indetto una conferenza per discutere sulla situazione di tali “disgraziati”…che tempismo riunirli tutti magari per dar loro qualche promessa futura (magari un aumento a fine maggio…a giochi conclusi) da non mantenere logicamente…

    L’ultimo soggetto in grado di fare la morale agli altri. Definirlo faccia tosta è riduttivo.

    …basta un’occhiata alle nomine di ieri della ASP di Palermo.
    Iacolino, per quanto spregiudicato, non era riuscito ad arrivare a tanto…

    Iacolino ha lasciato macerie fumanti nella più grande azienda sanitaria d’europa.. l’aps 6! Ha usato come cosa privata a suo uso e consumo il suo ruolo di dirigente e ci ha costruito una “splendida” carriera politica. Avremo bisogno di 10 anni di rigore e trasparenza come quelli che ha garantito Massimo Russo, solo per uscire dal disastro che ci ha lasciato l’on. che ci rappresenta, e me ne vergogno, in Europa. Dovrebbe tacere e vergognarsi!

    Ma guarda guarda. Questo mi ricorda il bue che dice “cornuto” all’asino.

    Credo che l’on. Iacolino debba fare un piccolo passaggio davanti ad un magistrato per ripetere le accuse, peraltro abbondantemente sentite e percepite da tutti. Se ci sarà qualcosa di torbido certamente uscirà fuori. Non é il caso di falsi moralismi , per i quali forse non ha titolo, ma sarebbe terribile se i primari fossero solo espressioni politiche, ciascuno di noi, prima o poi sarà il paziente di uno di questi. RIFLETTIAMOCI.

    Lombardo e Russo sono senza vergogna!!!

    Parafrasando un antico detto, fra i due, il migliore ha la “rogna”

    Sarebbe sufficiente fare una piccola ricognizione negli uffici della Sanità Regionale e dell’ ASP per vedere quanti MINUTI dopo essersi avvicinati all’ MPA certuni hanno ricevuto incarichi e consulenze

    E fra pochi giorni ( poco prima delle ELEZIONI ) , con l’ attribuzione dei dirigenti delle UOS ( premi di consolazione ) vedrete come la meritocrazia, i titoli di studio e di carriera, le capacità professionali verranno AVVILITE !

    Per cui cosiglierei a Lombardo e Russo ( nonchè ai loro “bracci secolari” nell’ ASP ) di osservare il più PUDICO dei silenzi !

    Alle castronerie di Russo siamo tristemente abituati, i fatti dicono tutt’altro. Iacolino ha lasciato un bilancio in attivo oltre ad una serie di iniziative e servizi che sono stati puntualmente indeboliti da una gestione politico – amministrativa dedita alla spregiudicata ricerca del consenso!!!

    Iacolino ha sicuramente approfittato del ruolo che occupava per la sua campagna elettorale ma a mio parere Russo ha fatto peggio e continua a fare di più.Ed è per questo che dico che fanno tutti schifo. RICORDARE LA SOPPRESSIONE DEI PUNTI NASCITA E LA CREAZIONE DEI CENTRI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE A PROPOSITO DELLE ESENZIONI TICKET DI QUESTE ULTIME. VOGLIAMO PARLARE DEL PTA DI GIARRE(MARITO DELLA SEN.FINOCCHIARO) O DELLA MANCATA CREAZIONE DEL PTA CENTRO NELLA ASP DI PALERMO SOLO PER FARE DISPETTO ALL’ALLORA DIRETTORE DISTRETTUALE INVISO ALLA DIREZIONE STRATEGICA DELL’ASP. E a proposito delle nomine ASP di ieri basti vedere chi sono i nominati ed il loro spessore e IL LORO TRASCORSO politico. E se c’è qualcuno convinto che nell’ASP di Palermo non regni il clima del terrore si faccia avanti e lo dica PUBBLICAMENTE. Tanto si sa dove fanno le riunioni,chi incontrano prima delle nomine e in quale sede ASP poi vengono trovati con le mani nella marmellata

    Russo non sente il dovere di dimettersi dalla magistratura?

    Siamo sicuri che non è stato Lombardo a costringere Russo a fare la lista? Credo che anche Armao si stia attivando per fare la lista. Lombardo docet.

    iacolino dovrebbe avere un pò di pudore e starsi zitto!! E’ stato lui ad uccidere la sanità!!!!! VERGOGNA IACOLINO

    Con Russo sono finiti i tempi in cui le delibere si firmavano sotto la tenda del bar Savoca ed i galoppini distribuivano promesse di carriera ed “altro” , di cui parla il pm Agnello nell’articolo successivo, insieme ai facsimile per l’elezione al parlamento europeo dello scienziato che in nome e per conto di una classe politica che ha distrutto la Sicilia vorrebbe dare “patenti ” a chi come Massimo Russo e alla nuova dirigenza della Sanita’ Siciliana ha dovuto fare sacrifici disumani per raddrizzare i conti che avevano distrutto.
    Iacolino pensi piuttosto ai voli di lusso a spese del popolo italiano insieme alla signora Sonia Alfano da come ci racconta l’Espresso e rifletta sulla requisitoria del giudice Agnello piuttosto.

    scritto da antonio
    26 mar 2012 22:48 pm

    Hai ragione : con Russo sono arrivati i tempi nei quali le delibere inerenti concorsi ed incarichi dei medici ratificano semplicemente le “decisioni” prese direttamente dai CONCORRENTI vicini a Russo e Lombardo

    Neppure Mussolini arrivè a tanto !

    Considerate le personalita’ in questione mi permetto citare quell’espressione dialettale che dice pressapoco così : ” ucchiu pulitu ave a rugna !”

    Basta segnare i nomi dei candidatibdella lista Russo e verificare domani promozioni e vantaggi di carriera E ‘ molto semplice caro Assessore Russo

    Per imparzilita’ non solo ‘Espresso ma anche Live Sicilia con Voli (oh oh) di Gianni Parlatore si e’ occupata di Iacolino passeggero del volo di lusso asperse ovviamente di Pantalone.

    @ gaspare
    quando si ignora il contenuto e i risultati del lavoro svolto da Iacolino all’ASP 6 di Palermo, è meglio tenere la bocca chiusa ed astenersi da commenti. Il Magistrato Russo, se proprio non ha nulla da dire, taccia anche lui invece di dire castronerie senza senso. Risponda invece alle puntuali osservazioni di Iacolino.

    che faccia tosta questo Iacolino!!!

    Scusate ma Russo è entrato da tecnico e adesso si mette a fare campagna elettorale?

    fatevi raccontare quanto accade ad Agrigento. Dirigenti, medici, funzionari sono terrorizzati…..questi signori del mpa si muovono con spregiudicatezza in barba alle più elementari regole di trasparenza!

    mi chiedo perchè questo iacolino invece di alzare polveroni non denuncia…
    anzi, lo so…. perchè ovviamente, conoscendolo, SI è INVENTATO TUTTO!
    e non vorrebbe rischiare una controquerela per calunnia!

    NESSUN MEDICO DOVREBBE ENTRARE IN POLITICA, FACILE RACCOGLIERE CONSENSI SOLO PER UN DIRITTO A CURARSI, CHE A PRESCINDERE DALLLA POLITICA DOVREBBE ESSERE GARANTITO e NON A Mò DI FAVORE….TANTO I MEDICI PUBBLICI E PRIVATI SONO SEMPRE STRAPAGATI INDIPENDENTEMENTE DALLA CAPACITA’ PROFESSIONALE.

    l’arroganza dRusso è un problema con la democrazia. Se torna a fare il magistrato sarà un problema per i suoi avversari politici…. non è all’altezza di nessun ruolo….

    1°) Il comunicato stampa dell’Assessore è surreale: è vero, accusa l’operato dell’ex direttore dell’Asp Palermo ma non smentisce nulla circa le accuse dello stesso!!! In pratica, “può essere…ma lui però anche…”.
    2°) Non dimentichiamoci che l’ARS ha eliminato l’incompatibilità dei medici dell’Asp a ricoprire l’incarico di Sindaco o Assessore…guarda caso…
    La morale: il bisogno di salute non subisce gli effetti della crisi…e il clientelismo nell’ambito sanitario da risultati immediati!!!

    sfido a trovare una lista, come quella predisposta dall’assessore Russo, che richiede il certificato penale prima della candidatura!

    Surreale??? Ha chiesto di fare i nomi!!!
    E poi provvedimenti più impopolari di quelli che ha fatto Russo??? Se ci mette la faccia qual’è il problema? Se ti convince lo voti se no, voti Iacolino…. E allora auguri!!

    ma quale surreale! L’assessore, sicuro della trasparenza delle liste, ha chiesto addirittura di denunciare!
    Cosa che iacolino ovviamente non farà non avendo nulla in mano

    Caro Nunzio,solo per informarti che l’ARS,su proposta del partito di lombardo,ha voluto consentire cio che prima la legge proibiva,ossia tra i tanti,far candidare il dott Cerrito,uno dei responsabili dell’asp,cosi come descritto nell’articolo di scarbaci, a sindaco di Villabate,comune conosciuto alla magistratura,non certo per provvedimeni amministrativi brillanti!Lombardo,quando vuole fa approvare all’Ars,appunto ……cio che vuole.

    Ah, ah, ah!!!

    Non sia ridicolo assessore!
    Si sa che “simile non mangia simile”.
    Assessore Russo, lasci prima la magistratura, e poi troverà qualcuno che “la” denuncerà, o come magistrato o tecnico o politico.

    Per adesso, mantenga pure la triade-figura di “tecnico-magistrato-politico”, poi…si vedrà,…ah,ah,ah!!!

    assessore Russo le ricordo la vicenda dei lavoratori Dusmann all’Ospedale Cervello , mi creda in nessuna città italiana si poteva fare una cosa simile , i lavoratori sono stati declassati e obbligati a firmare un contratto part-time di venti ore settimanali . Assessore tutto ciò fa si che “Gli amici ” mangiano la gente onesta muore di fame . Grazie per averci cambiato la vita

    Certo i sospetti dell’europarlamentare essere veri, lui se ne intende !!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.