Il ministro all'Istruzione lascia| si dimette Fioramonti - Live Sicilia

Il ministro all’Istruzione lascia| si dimette Fioramonti

Ha lamentato la mancanza in manovra di fondi per la scuola e l'università. "Il governo doveva avere più coraggio"

GOVERNO
di
2 Commenti Condividi

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, a quanto confermano fonti di Palazzo Chigi, ha consegnato la lettera di dimissioni al premier Giuseppe Conte. Il ministro nelle ultime settimane ha più volte lamentato la mancanza in manovra di fondi per la scuola e l’università. Secondo quanto riferiscono diverse fonti di maggioranza, Fioramonti potrebbe lasciare il M5s per fondare un gruppo parlamentare autonomo, ma ‘filogovernativo’, come embrione di un nuovo soggetto politico. Da parte del governo ci sarebbe voluto ‘più coraggio’, ma ‘pare che le risorse non si trovino mai quando si tratta della scuola e della ricerca’.

Lorenzo Fioramonti lascia il suo incarico di ministro dell’Istruzione con una lettera al premier Conte, lamentando la mancanza di fondi in manovra per garantire quella che chiama ‘linea di galleggiamento’ finanziaria. ‘Eppure – osserva l’esponente 5Stelle – si recuperano centinaia di milioni di euro in poche ore da destinare ad altre finalità quando c’è la volontà politica’. Fiducia nel premier per la nuova nomina viene espressa da fonti 5Stelle: il governo è al lavoro e la scuola non può aspettare, sottolineano.

Ma è scontro nel M5s sulle dimissioni del ministro dell’Istruzione Fioramonti. ‘Trovo stucchevole che chi professa coraggio agli elettori poi scappi dalle responsabilità politiche. Se hai coraggio, non scappi’, scrive su Fb la ministra della Pa Fabiana Dadone, anche lei dei Cinque Stelle. ‘Se condividi davvero una battaglia, non scappi, ma mangi sale quando devi e porti avanti in progetto (ammesso che lo si abbia mai realmente condiviso). La coerenza è per lo più un pregio, ma a volte rischia di sconfinare nella sterile testimonianza che, peraltro, si addice poco a chi occupa posizioni di responsabilità’, aggiunge. In una lettera al premier Conte, Fioramonti ha spiegato la decisione di lasciare il governo con il ‘poco coraggio’ nell’assegnare risorse alla scuola.


2 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    anche il centrodestra ha governato in passato per cui è corresponsabile del disavanzo

    Perché il Presidente Musumeci non accenna mai al fatto che lo Stato è tiranno nei confronti della Regione Siciliana a causa dei continui scippi per la non applicazione delle prerogative dello Statuto?

    Soprattutto se continua a fare politica gente come Musumeci….

    I SICILIANI saranno grati di questo regalo del M5S e di tutto il governo Conte alla Sicilia, di aver salvato la regione dal default economico, spalmando il disavanzo in 10 anni?Cav. Ing.Gaspare Barraco.Marsala.

    Si sono tutti responsabili, ma Musumeci agisca.

    Come sempre si riesce a dare la colpa ad altri quando si tratta di tagliare i vitalizi tutti sono restii a farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *