Impugnato lo stop all'eolico | L'Anev: "Legge incostituzionale" - Live Sicilia

Impugnato lo stop all’eolico | L’Anev: “Legge incostituzionale”

L'associazione delle imprese plaude alla scelta del governo nazionale.

La Finanziaria regionale
di
2 Commenti Condividi

ROMA – L’associazione delle imprese dell’eolico, l’Anev, plaude in un comunicato alla decisione del Consiglio dei ministri del 6 luglio scorso di impugnare la legge della Regione Sicilia 8 del 2018, che blocca per 120 giorni tutte le concessioni per impianti eolici, in attesa di una verifica della compatibilità ambientale attraverso un piano regionale.

“L’Anev aveva a suo tempo segnalato le proprie considerazioni di natura legale in merito al contenuto della legge regionale, evidenziandone profili di incostituzionalità – spiega l’associazione imprenditoriale -. Oltre ad enucleare una serie di altri profili di illegittimità, l’Associazione aveva rilevato che la suddetta legge fosse in palese violazione dei principi comunitari in materia di liberalizzazione del mercato elettrico e di promozione delle fonti rinnovabili”. “L’Anev accoglie quindi con favore l’intervento del Governo in merito al provvedimento siciliano – conclude l’associazione -, che di fatto dà ragione all’Associazione, la quale da tempo segnala un condotta delle Regioni poco coerente con quanto prescritto dalle norme nazionali e sovranazionali in materia di riduzione della CO2 e della produzione da fonti rinnovabili”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Che schifo, hanno messo pale eoliche anche all’interno dei parchi regionali deturpando il paesaggio.

    La Costituzione tutela il paesaggio, proprio quello che le pale eoliche messe su ogni altura dell’isola hanno deturpato.

    Questo se proprio dobbiamo parlare di costituzionalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *