In attesa sulla corsia d'emergenza| Fioccano le multe agli automobilisti - Live Sicilia

In attesa sulla corsia d’emergenza| Fioccano le multe agli automobilisti

Controlli a tutto spiano della polizia stradale sulla bretella dell'A29 che conduce all'aeroporto.

PALERMO
di
15 Commenti Condividi

PALERMO – In sosta sulla corsia di emergenza, aspettando l’arrivo di un parente o di un amico ed evitando di sborsare i soldi per il parcheggio. Un’abitudine pericolosa che ha già provocato un incidente tra tre mezzi nei mesi estivi e che continua a mettere a rischio gli automobilisti che percorrono la bretella dell’A29 che conduce all’aeroporto di Punta Raisi.

Gli episodi, che negli ultimi mesi si sono costantemente ripetuti all’ingresso del Falcone-Borsellino, hanno reso necessario un potenziamento dei controlli da parte della polizia stradale. Decine le multe elevate agli automobilisti colti sul fatto: nel dettaglio, si tratta di novantotto infrazioni rilevate per la sosta sulla corsia di emergenza. “E’ stato accertato – spiegano dalla polizia stradale – che si trattava di soste non dovute ad auto in panne o a guasti, quindi non di emergenza e ingiustificate. Contemporaneamente sono stati decurtati 196 punti”.

Ma i controlli effettuati dalla Polstrada sono stati scrupolosi e hanno fatto già scattare, in tutto, 144 multe, con la decurtazione di 269 punti in totale dalle patenti. Sono venute a galla, infatti, ulteriori irregolarità, dalla mancata revisione all’assenza di assicurazione. Insomma, gli automobilisti finiti nel mirino hanno tentato di risparmiare sul parcheggio, ma alla fine dovranno sborsare centinaia di euro per i verbali, che non mancano nemmeno all’interno dello scalo dove a vigilare è la polizia municipale. 

Sono almeno cento al giorno, compresi quelli scattati nei confronti di chi “sfora” il quarto d’ora previsto dal sistema di sosta breve “Kiss and Fly”. Un meccanismo che permette all’utente di parcheggiare la propria auto senza dover sborsare un centesimo, a patto che entro quindici minuti vada via. Il tempo di salutare parenti o amici in arrivo o in partenza, insomma.

Alle due grandi aree nei pressi del terminal e della vecchia aerostazione se ne è aggiunta una terza, completamente nuova – spiega la Gesap, la società che gestisce i servizi aeroportuali – che si trova di fronte alla palazzina direzionale. Le tre aree di parcheggio sono la P2 “Terminal”, a cinquanta metri dallo scalo con la tariffa di tre euro all’ora; il nuovo parcheggio P1 “Lunga Sosta”, distante cinquecento metri dall’aerostazione (otto euro fino a dodici ore o tredici euro al giorno) e il parcheggio P3 “Low Cost”, distante circa seicento metri dall’aerostazione (sette euro fino a dodici ore, dieci per un giorno).

Oltre al “Kiss and fly” in tutte le aree parcheggio – sottolineano – è comunque consentito sostare per quindici minuti gratuitamente. A breve – concludono – sarà anche possibile prenotare on line e l’utente potrà usufruire di una tariffa ulteriormente scontata grazie al nuovo servizio”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    La gente si sottrae alla costosa imposizione della Gesap? Piazzeranno le telecamere a tempo anche nella corsia di emergenza dell’autostrada? Ma non potranno impedire alle persone di fermarsi nella bratella interna vicino l’aeroporto, vicino la torre a mare o nei dintorni! Si devono convincere che non può più durare la cuccagna!

    ma anche un’indagine sui costi delle soste a pagamento non sarebbe un danno per la collettivita’…o no???

    Che razza di deficenti incalliti i cittadini

    Ci sono anche due piazzole di sosta nella bretella interna all’aeroporto (per intenderci, quella che torna verso Palermo senza passare dall’aerostazione).

    Il parcheggio è troppo caro

    Si può solo constatare che il “diritto alla sosta” dei cittadini è diverso dal “diritto alla sosta” del monopolista.

    Basterebbe fare come nella maggior parte degli aeroporti, entri, prendi il biglietto e se sfori la soglia temporale gratis (15 minuti sono troppo pochi perchè a volte, devi accompagnare i qualche parente anziano al check in o aiutare a portare i bagagli fin dentro l’aeroporto), all’uscita paghi la differenza. E’ tutto studiato per fare cassa sulle spalle dei cittadini.

    Sarà colpa mia, ma non sono riuscito a conoscere , via internet, le tariffe dei parcheggi a pagamento. Se non è colpa mia, ma la mancata pubblicizzazione delle tariffe è intenzionale la Gesap dovrebbe renderla obbligatoria, come in tutti gli aeroporti del mondo.

    Non tutti sanno che i 15 minuti sono contabillizati nell’arco di due ore dal pRirmo accesso, quindi fare brevi soste che superano i 15 minuti nell’arco di due ore comporta la sanzione. QUESTA INFORMAZIONE E’ STATA OMESSA NELLA CARTELLONISTICA.

    Buongiorno agli operatori di Live, grazie per aver evidenziato questo argomento, è veramente una rapina, hanno inventato l’area parcheggio a pagamento per fare assunzioni, che devono essere pagati dai cittadini, che tra l’altro hanno a carico due tre figli disoccupati. Ma vi rendete conto delle ingiustizie, in Germania o in Francia ma anche in Inghilterra, si entra in zona parcheggio e fino a 1 ora la sosta è gratis, superando l’ora naturalmente si paga. Buona giornata

    Una sera recandomi all’aeroporto mi sono messo molta in difficoltà vedendo le luci posteriori accompagnate dalle frecce accese, per fortuna mi è andata bene.

    Macchine a doppia fila ovunque, caos totale in città, auto che sfrecciano in autostrada a velocità e ti sorpassano sfiorandoti e ovviamente cosa facciamo, tartassiamo i cittadini che in assenza di parcheggi gratuiti all’aeroporto fruibili per un tempo ragionevole attendono amici e parenti in arrivo o li costringiamo a pagare 3 euro di parcheggio per pochi minuti.
    A nessuno viene in mente che forse bisognerebbe rivedere l’organizzazione e prevedere delle aree di sosta gratuita anche defilate che permettono di attendere i voli in santa pace e senza rischi?
    Certamente si tratta di distrazione, non possiamo neppure pensare che tutto questo serva a favorire i parcheggi!

    Domanda: ma ne siamo certi ? L’omessa comunicazione forse potrebbe motivare un ricorso.

    Il 13 di questo mese ho accompagnato mio figlio ho lasciato la macchina al posteggio e dopo due ore ho pagato 8€. Mai più questa e la cosidetta rapina autorizzata.

    Non prendere la macchina allora, non l’ha prescritto il medico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *