La cassetta di sicurezza di Damiani| C'erano settanta mila euro - Live Sicilia

La cassetta di sicurezza di Damiani| C’erano settanta mila euro

Indagini della finanza sulla provvista economica dell'ex manager della sanità
4 Commenti Condividi

PALERMO – C’erano settanta mila euro nella cassetta sicurezza. Soldi di Fabio Damiani, l’ex potente manager della sanità arrestato per corruzione.

È stato lo stesso Damiani a consegnare la chiave ai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria al momento del blitz.

Il denaro, custodito in banca assieme a dei gioielli, non è stato sequestrato perché nel frattempo gli investigatori hanno trovato su un conto corrente i soldi necessari per raggiungere la cifra delle mazzette che sarebbero state pagate fino al momento dell’arresto. Complessivamente sono stati bloccati 160 mila euro.

Ma sul denaro della cassetta di sicurezza si indaga ancora visto che l’ipotesi è che le tangenti promesse e forse pagate dagli imprenditori per vincere gli appalti della sanità siciliana ammonterebbero a un milione e seicento mila euro.

È uno dei tanti segreti da svelare nel groviglio di interessi scoperto dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e sostituti Giovanni Antoci e Giacomo Brandini. Così resta da individuare il Nas, il sistema di archiviazione dove Damiani e Salvatore Manganaro, considerato il suo faccendiere di riferimento, avrebbero conservato dati e contabilità delle gare. Una sorta di mappa della corruzione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    L assessore e il presidente ovviamente non commentano. Se aveste un minimo di dignità dovreste dimettervi immediatamente

    Follow the stink of poop (segui la puzza di cacca) e acchiappi i politici di riferimento. Ah ah ah.

    Quanta gentaglia politichese ancora in giro plurindagata che ha il coraggio di rivestire ancora ruoli istituzionali. Non si dovrebbero avere indugi a lasciarli fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *