La protesta dei netturbini: | "Non veniamo pagati" - Live Sicilia

La protesta dei netturbini: | “Non veniamo pagati”

La Pescheria sommersa dai rifiuti: zanzare e pesce marcio ovunque (GUARDA LE FOTO). Ma la situazione è al limite anche in altre zone della città. Intanto, ieri sera, il sindaco Stancanelli ha lasciato il consiglio comunale in corso per raggiungere il prefetto e tentare di evitare una drammatica emergenza rifiuti.

Emergenza rifiuti
di
3 Commenti Condividi

CATANIA. “Stiamo protestando contro la Oikos, l’azienda per la quale lavoriamo, che non ci paga le spettanze da oltre due anni e mezzo”. E’ questo lo sfogo, affidato a Livesiciliacatania, da parte di uno dei lavoratori. “Soldi e indennità che ci erano stati promessi, ci vengono ancora negati. Stanotte la passeremo qua in pescheria per tenere alta l’attenzione sulla nostra situazione”. Sarebbero oltre duecento i lavoratori che hanno incrociato le braccia. La maggior parte sono rimasti a Motta sant’Anastasia per bloccare l’uscita dei camion. Alla pescheria di Catania sono circa una ventina. Denunciano a testa alta l’ azienda per la quale lavorano da anni in quanto oltre a non pagare gli stipendi, li costringe a sottostare a situazione esasperate. “Le condizioni igienico sanitarie della Oikos sono pessime – incalza un rappresentare dei netturbini, in azienda manca anche l’acqua calda e dobbiamo lavarci solo con quella fredda. I bagni e gli spogliatoi della ditta sono al limite della decenza. Abbiamo rappresentato le nostre ragioni ai sindacati ma non comprendiamo il motivo per cui chi dice di proteggerci di fatto é colluso con l’azienda e non tutela le nostre istanze”.

Tutta la zona sud di Catania rischia di finire sommersa dai rifiuti. I netturbini hanno infatti sospeso la raccolta dei rifiuti alla pescheria, al castello Ursino, a San Cristoforo, in via Stella Polare, via Naumachia, via Barcellona, via Della Concordia, corso Indipendenza, fino a Librino compreso il Villaggio Sant’Agata. “Questo sciopero continuerà ad oltranza fino a quando non ci pagheranno gli stipendi, rimosso le disparità di trattamento tra colleghi e riconosciute tutte le relative spettanze – continua un netturbino; infine chiediamo l’apertura di un’ autorimessa alla zona industriale, così come era previsto nel capitolato di appalto. Fattore da non sottovalutare in quanto ci eviterebbe una trasferta quotidiana a Motta Sant’Anastasia, che ci è stata imposta dall’alto e non ci viene pagata”.

“E siccome siamo sotto campagna elettorale – si chiedono un gruppo di lavoratori animando scope e rastrelli – non si capisce come sia possibile che l’azienda continui ad assumere nuovi lavoratori con contratti a tre mesi, quando invece non ha i soldi per pagare i nostri arretrati. Che questi siano contratti strumentali sottoscritti solo per ragioni clientelari? Siamo a Catania e oramai a queste pratiche c’abbiamo fatto il callo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ecco la meravigliosa Catania della triade Stancanelli-Caserta-Corbino. E come si vede ci si sta già inventando qualcosa che sostituisca l’operazione cenere.

    A pagare,sempre L’anello più debole i lavoratori che nonostante prestano il loro servizio non vengono pagati ,si debbono vergognare i politici.

    Ma cosa c’entrano i politici? L’amministrazione comunale non ha colpe: in questo caso è la ditta per la quale lavorano ad essere responsabile del loro disagio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *