Candidato solo per fare un film? |Giallo La Vardera sulle elezioni - Live Sicilia

Candidato solo per fare un film? |Giallo La Vardera sulle elezioni

Bufera sulla ex Iena candidato sindaco di Palermo. Meloni infuriata. Da lui solo un "No comment". 

18 Commenti Condividi

PALERMO – Il ragazzo col ciuffo rosso diventa protagonista di un giallo. Dai contorni surreali. Dopo la lite con l’attore Francesco Benigno nel comitato elettorale di via Ausonia, che ha richiesto l’intervento dei carabinieri, emergono dettagli sorprendenti sulla campagna di Ismaele La Vardera. Che avrebbe offerto l’occasione per realizzare un servizio giornalistico televisivo attraverso registrazioni dietro le quinte. Secondo una ricostruzione pubblicata dal quotidiano on line Palermotoday sarebbe questo il punto che avrebbe scatenato la lite con l’attore di Mery per sempre.

L’allarme è scattato due giorni fa a Roma, negli uffici di Fratelli d’Italia. Ismaele La Vardera, candidato sindaco di una coalizione di destra a Palermo, si presenta negli uffici di Giorgia Meloni e chiede la liberatoria per l’utilizzo di alcune riprese girate “a sua insaputa”. La risposta della leader di Fratelli d’Italia, riferita da fonti interne, sarebbe stata netta e carica di rabbia: “Abbiamo candidato una persona che ritenevamo adatta a risolvere i problemi della città, non uno che avrebbe dovuto realizzare un format televisivo”. Insomma, serpeggia il sospetto che la candidatura possa essere stata una sorta di bluff per realizzare un film (peraltro annunciato nei manifesti elettorali).

E’ l’epilogo dell’avventura del giovane candidato sindaco che per settimane ha girato Palermo a bordo di una motoape e che si era definito “il Davide contro i Golia della politica”. E molti di quei “Golia” della politica palermitana e regionale, secondo quanto raccontano diversi esponenti della coalizione che ha candidato l’ex collaboratore de Le Iene, sarebbero finiti in quelle registrazioni. Incontri politici con alcuni big che avrebbero dovuto avere il carattere della riservatezza e che invece sarebbero stati ripresi all’insaputa degli interlocutori.

Il condizionale è d’obbligo, ma la vicenda viene definita “molto seria” dagli ambienti della coalizione, in cui si starebbe prendendo in analisi anche l’eventualità di una azione legale nei confronti di La Vardera. “E’ una situazione incresciosa – afferma il leader di Noi con Salvini in Sicilia, Angelo Attaguile -. Ne ho parlato con Alessandro Pagano (responsabile del partito per la Sicilia occidentale, ndr) che si è occupato della campagna elettorale di Palermo. Faremo una riunione politica regionale su questo argomento”. Attaguile racconta poi di “aver visto La Vardera solo una volta e personalmente – sottolinea – ero contrario a presentare una lista a Palermo”.

Lo stesso Pagano è amareggiato: “Non sappiamo niente se non quanto letto su articoli di giornale. Ismaele è irraggiungibile al telefono”. Durissimo il commento dell’attivista salviniano Francesco Vozza che attacca il giovane candidato: “Si vergogni”. A quanto si apprende, Salvini, informato dalla vicenda, è rimasto anche lui spiazzato e sembra che non parlerà ufficialmente finché non si capiranno meglio i contorni della vicenda. Ma il leader leghista ha ribadito ai suoi interlocutori siciliani la sua volontà di tornare a Palermo al più presto. 

Tutti cercano Ismaele per capirne di più. Ma tra i politici nessuno lo trova. Livesicilia invece sì. Ma il giovane ex candidato è laconico. “No comment, non posso dire altro al momento”. Smentisce queste ricostruzioni? “No comment, parlerò presto”, risponde La Vardera. Poi, in tarda mattinata una prima, vaga, ammissione della sorella Elisabetta che si sarebbe lasciata sfuggire: “Vuole solo aprire gli occhi del mondo sullo schifo dei retroscena politici siciliani. Chi non lo capisce è complice. Io sono la sorella, l’ho cresciuto io. Chiedetevi perché non vogliono rilasciargli le liberatorie. Lo volete capire che Ismaele vuole svergognarli?”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

18 Commenti Condividi

Commenti

    Vai a scoprire che non sanno ammettere di essere stati turlupinati, aggiungerei tanto quanto gli elettori palermitani. Personalmente sono infastidito da questa cinica maniera di trasformare tutto in reality shw, ancor più quando la simulazione/verità trae spunto da un appuntamento che prendo molto sul serio: la scelta del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale. Se fossi politico, e di un partito con parlamentari, troverei la maniera di protestare efficacemente contro questa burla di pessimo gusto. Le liste che non hanno raggiunto il 5% per una mancita di voti possono fare un pensierino e tenatre un recupero con i voti che, senza questa finzione cinematografica, avrebbero potuto avere destinazione diversa. Troppi se??? Anche qualche Mah!

    dunque:
    1) il Sindaco Orlando ha ottenuto un premio di maggioranza per lo 0.07%, voti che magari potevano essere “redistribuiti” diversamente senza questo soggetto.
    2) parla di “legalità” e calpesta lo strumento delle elezioni
    3) parla di “giovani” ed estromette un giovane Francesco Vozza che invece ci credeva davvero (condivisibile o no il suo pensiero).
    4) sto scherzetto ai palermitano ONESTI, quanto è costato?

    caro Ismaele, il film è tuo, ma il biglietto lo PAGHIAMO NOI!

    Certo che se la destra candida simili elementi non avrà mai un futuro al sud.

    Purtroppo questa indubbiamente è una brutta storia non solo per i due interpreti ma per tutta la città di Palermo che viene derisa pure da un personaggio , se tuo risultasse vero , da avanspettacolo come la vardera. Indubbiamente benigno rappresenta bene l immagine di una Palermo decisa ingannata e strumentalizza per fini personali , benigno è figlio di questa Palermo che crede nel suo riscatto sociale tanto ingenuo da farsi abbindolare dal primo che passa ma sincero perché crede nelle sue idee sbagliate o meno che siano e che quando scopre di essere stato preso in giro reagisce anche duramente ovvero come dire , sempre che tutto sia vero , la iena ex o no che sia se l’è andata a cercare e allora contenta lei contenti tutti , a proposito di ex iene spero che non vogliano realizzare anche un servizio sul calcio a Palermo

    questi sono i giovani che vogliono aspirare alla politica………la colpa di tutto questo e solo vostra non avete parlato prima perché erave convinti di raggiungere il vostro 5 x cento

    Dal film: “La Stangata” con Ismaele La Vardera.

    La paura fa 90……. Complimenti La Vardera adesso pubblica il video

    Show, Reality, ecc. ecc.
    per favore ridateci la Politica con la P maiuscola.
    l’attuale scontro fra bande ritorni ad essere scontro Politico.
    i partiti seri facciano formazione politica, la classe politica deve essere formata, altrimenti avremo solo capibanda.

    Dopo PIF un’altro furbacchione che viene dalle iene a farci sentire tutti (ritengono loro) scemi, disonesti e perfino mafiosi.

    In campagna c’è tanto da fare.

    Che c’entra PIF che fa tutto alla luce del sole? Anzi PIF oltre a denunciare i difetti esalta i pregi della nostra società. Non facciano paragoni fuori luogo.

    Cara Sig.ra Meloni Lo scrivente e’ di destra da prima che Lei cominciasse a fare politica.Le dico solo VERGOGNA,per aver infangato una storia una idea un passato.Le aggiungo che al netto da questa ultima vicenda Le chiedo per favore, certi candidati a Sindaco li proponga alle prossime magari a Roma o nelle citta’ del nord in ticket con Salvini.Con osservanza.

    Ma gente che si fa prendere in giro da uno come La Vardera può mai governare una città???!! Salvini Meloni Vozza e compagnia bella ma come li scegliete i candidati?

    se mai verrà fuori questo film, vorrò vedere se si è ripreso la mattina del 17 maggio davanti a Palazzo Jung, quando a turno preso per presentare la lista, continuava a raccogliere firme, per potere presentare la lista, o se la candidatura ultima di Lo Bue, faceva parte o meno del copione, visto che dopo la presentazione di quest’ultima, la risposta paradossale data ai giornalisti dal delegato della lista -” non sono autorizzato a rilasciare dichiarazioni”, i due sono passati da una iniziale apparente non conoscenza, a scambi di parole e anche di materiale vario. lo dico non certo per sentito dire, ma sono stato li tutto il giorno e non solo come delegato di lista e devo dire che non solo a me ma anche ad altri delegati, certi movimenti non hanno convinto. Forse il film ci toglierà il dubbio. Le considerazioni poi di natura politica, li tralascio perchè non credo che con altro candidato quella lista avrebbe comunque superato lo sbarramento. Su chi poi dice di fare ricorso ai fini di un riconteggio, dico che è una cosa impossibile perchè in ogni caso, la candidatura aveva tutti i crismi di legge per essere regolarmente in competizione.

    Caro La Vardera, ha inscenato questa farsa per mettere alla luce lo schifo che gira dietro la politica (schifo di cui tutti siamo a conoscenza da sempre), ma allo stesso tempo hai preso in giro quei pochi elettori che ti hanno votato e le persone che realmente credevano in te, mi dispiace ma dopo questo gesto non vedo molta differenza tra te ed un politico infame che fa i propri interessi!

    Vedo lamentele solo da parte di certi politici e da parte di analoghi elettori. Ma non capisco, cosa temete se avete la coscienza a posto? Di certo parlavate del bene di Palermo, quindi a quale pro vi indignate?

    Meloni, Salvini, Attaguile (poi lui…) Pagano… ma per favore va!

    Avete ridotto la democrazia come un cencio e ora vi lamentate se un personaggio sensa senzo che vi siete messi dentro pur di danneggiare qualcun altro vi ha tirato un pacco? O vi siete scoperti tonti mentre vi sentivate ganzi? Voi e chi l’ha votato?

    Tra lui è voi – nello squallore che comunque vi accomuna – c’è una differenza: almeno La Vardera è simpatico e fa ridere.

    Beh, La Vardera, Baccaglini, devo dire che a Palermo c’ e’ una certa predisposizione per l’essere presi in giro. Non la mettere a derby, e’ solo un’opinione tra il serio ed il faceto. Godetevi Leoluca Orlando piuttosto… almeno uno buono l’avete.

    Le iene Palermo e il palermo.
    Destini incrociati.
    Ammantati di un olezzo di imbrogli.
    ……(che poi, non è che ci voleva il naso di un segugio per sentirlo….).

    cattivo esempio per i giovani, i giovani di cui e per cui hai tanto parlato durante la tua compagna elettorale. Chissà se i tuoi amici “le iene” verranno ad intervistare……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.