Le onde, la caduta, gli scogli | "Così abbiamo salvato Anna" - Live Sicilia

Le onde, la caduta, gli scogli | “Così abbiamo salvato Anna”

Il luogo in cui è avvenuto l'incidente

Storia di un salvataggio miracoloso a Isola delle Femmine. Grazie alla prontezza dei bagnini.

9 Commenti Condividi

PALERMO– Un sabato da incubo quello del 16 agosto a Isola delle Femmine. Attimi di paura in spiaggia per una ragazza che ha sbattuto la testa sugli scogli ed è stata rianimata in primo soccorso dai bagnini. È la storia di Anna – il nome è di fantasia – una ragazzina di 16 anni salvata dai bagnini del lido Cucujungee di Isola delle Femmine.

Un po’ di sole, un bagno, una giornata estiva e di festa. Poi un’ondata più forte delle altre, Anna che perde l’equilibrio e sbatte violentemente la testa sugli scogli. Immediato l’intervento dei bagnini del lido. “Abbiamo temuto il peggio – queste le parole del bagnino Davide Guttuso che ha contattato la redazione di LiveSicilia per raccontare la storia–.  La ragazza è svenuta e ha perso conoscenza. Il salvataggio è durato due lunghissimi minuti in cui abbiamo cercato di fare il possibile”. Il pronto intervento ha salvato la vita ad Anna grazie alla respirazione bocca a bocca e al massaggio cardiaco. Poi l’attesa dell’ambulanza. Quarantacinque minuti in tutto – raccontano – un tempo che si dilata tra i volti preoccupati dei bagnanti del lido. All’arrivo dell’ambulanza i medici hanno provveduto alle cure iniziali e hanno portato la giovane all’ospedale Villa Sofia per un Tac d’urgenza, dove Anna è tutt’ora ricoverata ed in via di guarigione.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Un plauso a tutti i ragazzi del Cucujungee. Quando una attività viene gestita in questo modo, con serietà e rispetto delle regole, non si puo fare altro che elogiare questi giovani imprenditori.
    Bravi Tony, Fabrizio e Lino.

    45 minuti di attesa per l’ambulanza !!!! Tempi stretti non c’è che dire…. Cara Anna, sei stata baciata dalla fortuna. I primissimi minuti post trauma sono determinanti, quindi bravi i bagnini, ma vergogna, vergogna e ancora vergogna per questi incredibili tempi. In 45 minuti ci si muore cavolo!

    Congratulazioni ai bagnini del lido e a quanti si sono adoperati per il salvataggio della ragazza una volta tanto questi ragazzi hanno seguito seriamente dei corsi che sono serviti a qualcosa, bravi.

    Questo hanno, di morti a mare non ne possiamo più, le Capitenerie di Porto devono decidere il dafarsi, le moto vedette non si vedono, i marinai vanno in giro per le multe ma per il salvataggio ci pensa Dio, non è cosi.
    Secondo me, la soluzione come dicono tutti gli adetti al lavoro la soluzione esiste, per Isola un posto di pronto intervento distaccato per i bagnanti, si pernsi che Isola orbitano circa 20, 30 mila persone il posto di guardia è insufficente. La prontezza dell’intervento è vitale. Avere mezzi per intervenire a mare con i motori D’acqua omologati per il salvataggio.
    Si pernsi, che in soggetto che è annegato ha solo 6 minuti per riprendersi, non si capisce il motivo per i Comuni e la Capitaneria non riescono ha organizzare la stagione. Se ognuno facesse qualcosa sicuramente tutti staremmo a mare più sicuri.
    Spero bene per gli anni appresso.

    Un meritato Incomio all’Assistente Bagnante DAVIDE GUTTUSO e al collega che nn so il nome da parte degli organi preposti, gli starebbe bene.

    Meritati complimenti per la grande professionalità dei BAGNINI del lido Cucujungee dove vengo abbastanza spesso ….. infermiera professionale

    Bello che a raccontare la notizia sia il bagnino stesso. Che chiama lui la redazione. Che avrà detto? “volete scrivere di come abbiamo miracolosamente salvato una ragazza?” 😉

    Sono il bagnino Davide volevo rispondere carinamente alla ragazza che dice bello che il bagnino scrive volevo solo ricordare alla ragazza che il vero orgoglio non è scrivere ma averlo fatto con fatti e testimoni io sono stato contattato dalla redazione x raccontare l’accaduto in altresì dico alla gentile donzella che di queste situazioni nella vita già ne ha fatte già un bel po’

    cucuneddiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii bravissimiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii un bforte abbracciooooooooooooooooooooooooooooooooooo ri niculinu u pazzuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

    bravissimiiiiiiiiiiiiiiii cucuneddiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    bravi cucuneddiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.