L'Eirene soffre ma vince ancora | Anche l'Umana Venezia si inchina - Live Sicilia

L’Eirene soffre ma vince ancora | Anche l’Umana Venezia si inchina

La formazione di coach Molino riesce a portare a casa anche l'undicesima gara del suo fantastico campionato, infliggendo alla coraggiosa Reyer Venezia una sconfitta forse immeritata.

basket - serie a1 femminile
di
0 Commenti Condividi

VENEZIA – La Passalacqua Spedizioni soffre, va sotto per grandissima parte dell’incontro, ma alla fine riesce a portare a casa anche l’undicesima gara del suo fantastico campionato, infliggendo alla coraggiosa Reyer Venezia una sconfitta forse immeritata, visto che, come abbiamo scritto pocanzi, la formazione veneta è stata in vantaggio praticamente dalla palla a due. L’Umana Reyer apre la gara con due triple e con il canestro di Ruzickova per l’8-2 che in parte stordisce l’Eirene, la quale patisce la grande intensità difensiva delle padrone di casa e subisce terza tripla porta la firma di Bagnara e vale l’11-2 dopo 3′: inevitabile il timeout da parte di coach Molito. Ruzickova infila anche il il massimo vantaggio sul 15-4, allungato dalla Melchiori per il 17-4 a due minuti dalla fine di un quarto che per Ragusa sembra non finire mai. A lenire le sofferenze della Passalacqua ci pensa Penna, che accorcia sul 19-8. Il secondo quarto si apre con la tripla di Carangelo per il 24-10, con Bagnara che con due tiri liberi porta il massimo vantaggio a +13 sul 26-13. L’Umana fa buona guardia in difesa e può così amministrare il vantaggio, anche perchè Ragusa non riesce a reagire e commette troppi errori in fase di realizzazione. Il finale di secondo periodo, però, vede il prepotente ritorno in partita della formazione di coach Molito, che recupera fino al -6 prima della sirena che porta le squadre all’intervallo lungo sul 30-22, punteggio fissato dal canestro di McCallum.

Si segna poco al rientro dagli spogliatoi, ma basta all’Umana Reyer per tenersi a distanza di sicurezza grazie ai canestri di McCallum e Mandache che portano Venezia sul 34-24 dopo tre minuti e mezzo. Ragusa ritorna a -6 grazie soprattutto alla Pierson (che chiuderà con 14 punti) e alla Ivezic. Le padrone di casa rispondono subito con i canestri di Ruzickova dalla media e McCallum dalla linea della carità per il 40-28, ma il periodo si chiude sul nuovo break ospite, che si  porta al 44-36 ancora grazie all’americana e alla slava, decisive per tenere la squadra di coach Molino a galla. Cinili apre l’ultimo quarto subito con il canestro del -6 poi un contropiede porta Ragusa a due possessi di distanza sul 44-40. Pierson infila il -2 ma risponde Melchiori con la tripla che restituisce ossigeno a una Umana Reyer che poi si ricompatta e va sul 51-44 a 5′ dalla fine. Il momento della partita appare comunque favorevole alla Passalacqua, prima con l’and-one della Pierson e poi con la tripla di Cinili, mentre dall’altra parte il conto falli della McCallum inizia a farsi pesante. L’Eirene passa addirittura in vantaggio grazie alla Ivezic, e grazie al conto salato sul piano dei falli (saranno 23-13 per Venezia alla sirena finale) ottiene l’allungo decisivo: un punto di Gorini dalla lunetta, poi Pierson infila la bomba del +5 a 40 secondi dalla fine, che sancisce la vittoria della Virtus Eirene, la quale chiude sul 51-56.

UMANA REYER VENEZIA – PASSALACQUA SPEDIZIONI RAGUSA 51-56 (19-8; 30-22; 44-36)

UMANA REYER VENEZIA: Melchiori 5, Carangelo 5, Porcu n.e., Pan n.e., Bagnara 5, Sandri, Dotto, Formica, Ruzickova 15, McCallum 13, Mandache 6, Penna 2. Allenatore Liberalotto.

PASSALACQUA SPEDIZIONI: Ivezic 10, Gorini 7, Cinili 7, Mauriello 2, Galbiati 3, Walker 9, Gonzalez 2, Nadalin 2, Valerio n.e., Pierson 14. Allenatore Molino.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *