Lidi balneari, nuove concessioni | Proroga per le strutture esistenti - Live Sicilia

Lidi balneari, nuove concessioni | Proroga per le strutture esistenti

Una direttiva dell'assessore Croce "sblocca" le nuove licenze, bloccate alcune settimane fa tra le polemiche, da un decreto del dirigente generale Pirillo. Inviati i commissari nei Comuni inadempienti: dovranno velocizzare l'approvazione dei "piani regolatori" delle coste.

11 Commenti Condividi

PALERMO – Via libera alle nuove concessioni e maxi-proroga per quelle esistenti. Una direttiva dell’assessore regionale al Territorio e Ambiente Maurizio Croce sblocca l’impasse del demanio siciliano. Dove i nuovi permessi erano stati stoppati da una direttiva del dirigente generale Maurizio Pirillo che aveva dovuto prendere atto del clamoroso ritardo dei Comuni nella predisposizione dei Piani di utilizzo delle aree demaniali. Una buona, quella di oggi, notizia per i tanti aspiranti gestori degli stabilimenti balneari che in qualche caso avevano quasi completato l’iter di assegnazione. Un iter bloccato temporaneamente dal decreto di Pirillo.

Una decisione, quella del burocrate, che aveva anche scatenato la reazione del governatore Crocetta, che aveva chiesto l’immediata revoca di quell’atto, affermando che quelle decisioni dovessero avere una matrice “politica” e non burocratica. E l’atto emanato oggi dall’assessore Croce, di fatto, si sostituisce a quello di Pirillo e dispone una velocizzazione dell’iter nell’approvazione dei Piani. E soprattutto la riapertura alle nuove richieste di concessione. Nel frattempo, l’assessorato ha già nominato i 24 commissari ad acta nei Comuni inadempienti per consentire il via libera di questa specie di “piani regolatori” del demanio.

“Al fine di velocizzare l’adozione e la approvazione dei predetti piani – si legge nella direttiva firmata da Maurizio Croce – risulta assolutamente indispensabile la predisposizione della proposta di piano a regime anche prescindendo dalle concessioni in essere, che sono prorogate al 31 dicembre 2010”. Ma la vera novità riguarda la apertura alle nuove concessioni: “Per le nuove concessioni – recita la direttiva di Croce – potranno essere rilasciate anche con scadenza annuale e comunque con scadenza non superiore al termine ultimo del 31 dicembre 2020”.

“Con questa direttiva – commentano il capogruppo Pdr Giuseppe Picciolo e l’assessore Maurizio Croce – in linea con la nostra ‘politica del fare’ si imprime come promesso un’accelerazione alla procedura di adozione dei Pudm da parte dei comuni. Proprio oggi – continuano – sono stati nominati i 24 commissari ad acta nei comuni inadempienti per la redazione dei piani. La proroga fino al 2020 per le concessioni e i lidi esistenti si uniforma alle norme dell’Unione Europea. Per cui i gestori potranno programmare i propri investimenti su base quinquennale, fino al 2020. Grazie a questo provvedimento – concludono Picciolo e Croce – le attività economiche che si sviluppano attorno ai lidi ed alle spiagge non subiranno stop e la stagione turistica potrà svolgersi senza impedimenti burocratici. Resta il fatto – aggiungono – che i comuni costieri della Sicilia dovranno presto adottare in breve tempo i Pudm, ai quali uniformare tutte le concessioni, anche quelle già rilasciate”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    “La proroga fino al 2020 per le concessioni e i lidi esistenti si uniforma alle norme dell’Unione Europea. Per cui i gestori potranno programmare i propri investimenti su base quinquennale, fino al 2020”

    Quindi l’Italo-Belga nonostante le tante parole di Comune e Regione, per altri 5 anni metterà le cabine e i lidi (Mida, Mida 2 etc…) e quindi rimarrà “proprietaria” di Mondello, lasciando appena 5 metri di demanio (dove ci sono…) e una porzioncina di spiaggia libera.

    Bene.

    che vergogna!!!!!!….ancora le capanne paradossale…………sapi cu ci mancia!!!!

    Per caritá, basta che non diffondano musica con altoparlanti, facciano ció che vogliono. Ma VIETATE LA MUSICA anche ai lidi di ALTAVILLA MILICIA.

    Per risolvere un problema…bisogna prima crearlo ! Il Direttore lo crea, il politico assessore lo risolve !! E’ il sistema più semplice per….minimo minimo, ingraziarsi potenziali elettori !! I problemi quelli veri, prioritari se non di vitale importanza richiedono impegno, competenza, professionalità.

    Ma che c’entra l’indirizzo politico con le concessioni demaniali ed i Piani di utilizzo delle aree demaniali, che sono atti che rientrano totalmente tra quelli di gestione amministrativa? Dai dilettanti allo sbaraglio ai tipi da spiaggia!!!

    Infatti Vittorio c’entra solo per quello che ho affermato prima.

    Ora ni putemu fare u bagnu.!!!!

    Il rinnovo delle concessioni di certo è capitolo sbagliato per una terra che dovrebbe organizzare un turismo diverso e non di massa .
    Difficilmente si trovano lidi di alta qualità nei servizi.
    Le case/cabine qualificano un turismo di massa e locale.
    Leggo che grazie al rinnovo “gli imprenditori padroni di spazi demaniali ” possono pianificare gli investimenti ???
    Ma chi sono questi imprenditori ?
    Provate a farvi qualche vacanza in riviera, vi chiarirete le idee di cosa è turismo di lido.

    E meno male che i 5 stelle dovevano fare le barricate!!!!!! quante chiacchiere..qui non finirà mai questo schifo,ci mangiano tanti,troppi,tutti……che vergogna,che schifo,da giugno a settembre,mondello è il ritrovo del fango,dello schifo più schifo.

    Sul modo più opportuno di gestire la spiaggia di Mondello si può dire tutto ed il contrario di tutto. Ma nessuno mai che si soffermi a considerare che rimane, comunque, una piccola spiaggia al servizio di un milione di abitanti.

    resa ancora più piccola da tantissime cabine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *