L'inchiesta sul Ciapi di Palermo| "Giacchetto e soci" a giudizio - Live Sicilia

L’inchiesta sul Ciapi di Palermo| “Giacchetto e soci” a giudizio

Faustino Giacchetto

Il processo sullo scandalo che ha travolto l'ente di formazione professionale di Palermo inizierà il prossimo 4 marzo davanti alla quarta sezione del Tribunale.

PROCESSO AL VIA IL 4 MARZO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Tutti rinviati a giudizio. Il processo sullo scandalo che ha travolto il Ciapi di Palermo inizierà il prossimo 4 marzo davanti alla quarta sezione del Tribunale.

Sul banco degli imputati, su decisione del giudice per l’udienza preliminare Gugliemo Nicastri, si presenteranno Faustino Giacchetto, l’uomo che, secondo l’accusa, avrebbe pianificato un sistema illecito per gestire a suo piacimento, grazie alla presunta compiacenza di imprenditori, burocrati e politici, quindici milioni di euro destinati alla comunicazione del progetto Co.Or.Ap; Stefania Scaduto e Concetta Argento (rispettivamente segretaria e moglie di Giacchetto), l’ex dirigente dell’Agenzia regionale per l’impiego Rino Lo Nigro, e l’ex assessore regionale Luigi Gentile.

Stralciate le posizioni dell’ex presidente del Ciapi, Francesco Riggio, per un difetto di notifica – la valutazione passa a un altro giudice – e quella dell’esponente del Pid, Domenico Di Carlo. In quest’ultimo caso l’avvocato Rosalba Di Gregorio ha chiesto l’abbreviato che sarà discusso il prossimo 6 febbraio. Una richiesta accompagnata da una copiosa documentazione che, non solo, a detta dei legali, dimostra che Di Carlo nulla ha avuto a che fare con il Ciapi, ma che scagionerebbe l’indagato. Dell’inchiesta faceva parte anche l’ex assessore Gianmaria Sparma che ha scelto di patteggiare un anno e sei mesi di carcere.

Le accuse sono, a vario titolo, associazione a delinquere, corruzione, truffa e falso in atto pubblico. La Procura aveva chiesto il rito immediato per gli indagati. Riteneva, infatti, di avere raccolto prove talmente evidenti da potere chiedere subito il processo. Di diverso parere era stato il giudice per le indagini preliminari, Cesare Vincenti, secondo cui, il reato di associazione sarebbe stato commesso in concorso con altri indagati per i quali non era arrivata la richiesta di immediato. Il Gip non ritenne ragionevole la separazione delle posizioni.

Nonostante il no all’immediato del Gip, i pubblici ministeri Maurizio Agnello, Sergio Demontis, Gaetano Paci, Alessandro Picchi e Piero Padova, non avevano cambiato l’impostazione accusatoria: il processo poteva essere celebrato per i sette indagati indipendentemente dalle altre posizioni ancora aperte. Ora il rinvio a giudizio per cinque di loro.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Spero che i giudici facciano giustizia e non finisca,come si dice,a tarallucci e vino. Questi individui vanno puniti severamente perchè oltre al grande danno economico è l’esempio negativo,che poi si traduce in malcostume generico,che deve essere con spietatezza colpito.

    Oggi non occupiamoci di SQUALLORE,
    in memoria di un Grande che ha combattuto una vita anche in carcere per il riscatto dalla poverta’ degli ultimi e per la loro Libertà e affinché anche i nostri fratelli , Nino Di Matteo
    in primis , possano condurre il loro lavoro in serenità: PREGHIAMO .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *