Incontro tra ambasciatore russo e Farnesina: l'Italia condanna i referendum - Live Sicilia

Incontro tra ambasciatore russo e Farnesina: l’Italia condanna i referendum

Durante il colloquio non è stato trattato il tema del sabotaggio del Nord Stream
RAPPORTI INTERNAZIONALI
di
2 Commenti Condividi

“Un messaggio inequivocabile. Ferma condanna dell’Italia per i referendum farsa, consultazioni condotte dalla Federazione Russia in modo illegale in violazione di ogni norma internazionale”. Lo ha detto il segretario generale della Farnesina Ettore Sequi in un punto stampa dopo il colloquio con l’ambasciatore russo Serghey Razov, un colloquio servito per dare un messaggio: “L’Italia non riconosce e non ne riconoscerà l’esito” delle consultazioni.

“Ho esortato le autorità russe a revocare questi atti illeciti (i referendum) e a ritirare le forze russe dal territorio ucraino senza condizioni, completamente e immediatamente”, ha detto Sequi.

“L’Italia sarà pienamente allineata con i paesi partner nel valutare ulteriori misure restrittive contro le azioni illegali della Russia come pacifico strumento di pressione per porre fine a questa guerra di aggressione”, così Sequi, secondo cui “l’Ucraina ha il diritto di liberare i territori occupati all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale. E noi continueremo a fornire un forte sostegno all’Ucraina per tutto il tempo necessario”.

Infine, sequi ha anche affermato che “durante il colloquio non è stato trattato il tema del sabotaggio del Nord Stream”.

La minaccia di impiegare armi nucleari, le gravissime violazioni dei principi e delle regole della Carta delle Nazioni Unite minano gravemente la sicurezza globale, scrive il Ministero in una nota diffusa dopo l’incontro tra Sequi e Razov.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Giggino Di Maio anche stavolta non si è risparmiato nel fare la voce grossa con il Cremlino, peccato solo che resterà ancora per poco tempo alla Farnesina anche perchè un altro ministro degli esteri altrettanto duro nei confronti del governo russo non lo troveremo tanto facilmente.

    Ma wuesti indegni fanno la voce grossa per nostro conto? A nostre spese? Ma lo sanno che diamo disperati per fare realizzare il signor di biden di dichiarare guerra alla Russia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *