Lotta ai posteggiatori abusivi | Orlando chiede pene più severe - Live Sicilia

Lotta ai posteggiatori abusivi | Orlando chiede pene più severe

Leoluca Orlando

Il sindaco scrive al parlamento e al governo nazionale per modificare il codice della strada.

Palermo
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – Il sindaco Leoluca Orlando ha inviato una nota ai presidenti del Senato e delle Camera, ai Presidenti dei Gruppi parlamentari e al Ministro dell’Interno con cui ha avanzato una proposta di modifica del Codice della Strada che “permetta alle Forze dell’Ordine e alle Amministrazioni comunali di intervenire con efficacia nel contrasto al fenomeno dei posteggiatori abusivi che, in realtà come quella palermitana, è spesso legato al controllo del territorio e a forme di criminalità organizzata e mafiosa”.

La proposta avanzata dal sindaco, che è il frutto di un lavoro di analisi di diverse idee inoltrate anche da singoli cittadini, comitati e associazioni, e di una valutazione della normativa e della giurisprudenza esistente, è scaturita da un lavoro svolto dal Comando della Polizia Municipale e dall’Avvocatura comunale. In sostanza, tramite una modifica all’articolo 7 del Codice, si propone di “prevedere che coloro che, già sanzionati una prima volta e diffidati dall’autorità, vengano sorpresi una seconda volta nell’esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore o guardiamacchine, siano puniti, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto da sei mesi ad un anno. Nel caso in cui l’attività abusiva è esercitata con l’impiego di minori, si applica l’arresto da uno a tre anni”.

“La Polizia municipale di Palermo – spiega Orlando – effettua ogni anno migliaia di controlli ed emette centinaia di sanzioni (nel 2018, fino a settembre, erano circa 800 i controlli con 399 sanzioni e 55 DASPO, oltre 3200 controlli dal 2012, ndr), ma di fronte al mancato pagamento delle multe e al reiterarsi dei reati non ha strumenti legali per agire”. Con questa proposta, “che – chiarisce il sindaco – viene formulata anche sulla base di pronunciamenti che vi sono stati da parte della Magistratura anche ai massimi livelli, puntiamo a dotare le nostre città di un nuovo strumento sanzionatorio e deterrente”.

“Fino a quando non vi sarà una modifica normativa – conclude il sindaco – resta però immutata la necessità che a questo vero e proprio ‘pizzo di strada’ si opponga forte e coeso il rifiuto dei cittadini. Un percorso di vera e propria crescita culturale, nel quale grande importanza e merito va dato anche a quelle attività di sensibilizzazione che spesso molti comitati hanno giustamente portato avanti nella nostra città”. La normativa attuale prevede una sanzione per l’attività abusiva di parcheggiatore o guardiamacchine che è pari, per la prima infrazione a 1.000 euro, mentre per la seconda è di 3.000 euro; per l’eventuale impiego di minorenni è di 3.000 euro. Si effettua il sequestro degli introiti per confisca.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    bravo il nostro sindaco balla balla,il problema principale di palermo sono i posteggiatori,il resto e’ acqua fresca,va capiscilu

    Sono vent’anni che diciamo queste cose, spero che finalmente si sveglino e ci sia la volontà politica di fare!

    I soldi non ne trovate più visto che ormai si trattengono qualche spicciolo e ogni mezzora circa passa il “cassiere”.
    Le multe, non hanno efficacia alcuna visto che sempre sono nullatenenti, disoccupati, extra comunitari per niente in regola e dopo il fermo strappano i foglio di via e cambiano nome.
    Secondo me, in attesa di nuove leggi, l’unico modo per contrastare questo pizzo è fare come la velocità alla favorita: per una settimana consecutiva i vigili fissi e poi ogni giorno a turno sempre passare e fermare (perchè si vedono e non si nascondono).
    fare i controlli del bollino pagato e che sia valido (ci sono alcuni che mettono sempre lo stesso).
    Per ultimo, anche se più importante, controllare che i “controllori” facciano il proprio dovere senza essere d’accordo con i posteggiatori perchè, come disse uno: “mischini, si guadagnano la pagnotta” e nel mentre si paga il pizzo.

    MA NON SI PARLAVA DI OCCUPANTI ABUSIVI????? COSA CENTRANO I PARCHEGGIATORI ??? PUR ESSENDO NECESSARIO INTERVENIRE CON LEGGI RESTRITTIVE SU DI ESSI IL SINDACO ORLANDO SI PARA DIETRO AD ALTRE NECESSITA VISTO CHE FORSE DAGLI OCCUPANTII ABUSIVI NE RICEVE PROBABILMENTE CONSENSI ELETTORALI

    Orlando prende carta e penna e scrive a Roma adducendo, addirittura, una modifica al Codice della Strada, per estirpare la cattiva abitudine dei parcheggiatori abusivi. Il sindaco, insomma, prima fa crescere la gramigna della mala consuetudine e poi alza le mani e chiede aiuto al governo. Ma come, ha il potere e la forza e la voglia di schierassi al fianco delle Ong, fino al punto di dare la ‘bandiera’ del Comune di Palermo alla ‘nave della missione Mediterranea’ ed insieme sfidare l’esecutivo in carica dicendosi disposto ad accogliere tutti gli extracomunitari che le amiche Ong avessero scaricato sui moli palermitani, con tutti i problemi che avrebbero comportato (compreso il proliferare di altri parcheggi abusivi) ed invece si dichiara incapace di domare quei posteggiatori? Che per quando agguerriti possano essere, sempre poca cosa sono in confronto all’impegno titanico che si era preso, pur di mettere il bastone tra le ruote della macchina anti-invasione voluta da Salvini e da Di Maio, per onorare gli impegni elettorali. A questo punto, c’è soltanto da pensare che quella di Orlando Cascio era la solita tattica. Scena e nient’altro. In favore di telecamere e microfoni. Perché per uno che si è già arreso alla banda del parcheggio a pagamento sul demanio comunale, il resto non può che essere chiacchiera franca.

    Il problema è sempre quello: chiamare in causa altri per risolvere i problemi che l’amministrazione ed in particolare il sindaco dovrebbero risolvere. IN attesa della legge, se è vero quello che dice Orlando, cioè che i parcheggiatori sono governati dalla mafia, penso che dovrebbe fare la sua parte fino in fondo.

    Ma vogliamo comprendere che Orlando Cascio usa sempre e solo mezzi di distrazione di massa per evitare i veri problemi della città? Ricordo che si deve approvare il bilancio ed invece di affrontare l’aula consiliare prova a mettere altri temi (ridicoli nel caso) per distrarre l’opinione pubblica. Ma visto che piace usare questi mezzi una domanda: è sindaco da non so quanto, ho perso il conto, i posteggiatori sono spuntati ora a Palermo?
    Mi rattrista (senza più stupirmi) che ancora qualcuno crede a quest’uomo. Ma di lacchè le strade sono lastricate!

    Ma Orlando si accorge adesso che esistono i parcheggiatori abusivi ?

    Visto che è distratto vorrei farli notare che la città è piena di ambulanti abusivi che occupano interi marciapiedi giorno e notte (Via E. L’Emiro ad esempio) e sono comparsi anche venditori di sigarette.

    Caro sindaco si occupi della città invece di sventolare la bandiera di Palermo capitale della cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *