Bianco e Rutelli fuori dalle indagini| Lusi sotto inchiesta per calunnia - Live Sicilia

Bianco e Rutelli fuori dalle indagini| Lusi sotto inchiesta per calunnia

I pm di Roma non credono alle dichiarazioni del senatore Pd Luigi Lusi. Su di lui, in carcere con l'accusa di aver fatto sparire diversi milioni di euro dalle casse della Margherita, pende ora una nuova accusa che sembrerebbe scagionare gli ex vertici del partito.

IL CASO dell'ex tesoriere della margherita
di
6 Commenti Condividi

Enzo Bianco non sarà indagato. E con lui nemmeno Francesco Rutelli. Sarà invece l’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi ad essere iscritto nel registro degli indagati per il reato di calunnia.

La decisione è stata presa dalla procura di Roma, che deve fare luce sui 25 milioni di euro spariti dalle casse della Margherita, e di cui Lusi, rinchiuso nel carcere di Rebibbia, è ritenuto il presunto responsabile. In seguito alla decisione di non procedere nelle indagini a carico dell’ex sindaco di Catania, Enzo Bianco, e di Francesco Rutelli, ecco che le accuse mosse da Lusi nell’ambito di un interrogatorio, fanno scattare su di lui l’accusa di calunnia.

“Siamo soddisfatti, perché questo è il segno della coerenza con la quale la procura di Roma sta affrontando questo delicato caso”, affermano gli avvocati difensori di Bianco e Rutelli, Alessandro Diddi e Titta Madia, che sperano adesso in una rapida conclusione dell’indagine principale.

I pm di Roma pare quindi che non credano alle dichiarazioni del senatore Pd, che aveva accusato la corrente guidata dall’ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, di aver sigillato un patto per la spartizione dei soldi del partito. Lo stesso Rutelli aveva denunciato per calunnia l’ex tesoriere lo scorso 26 giugno, e riguardano solo il leader di Api le dichiarazioni per cui adesso pende sulla testa di Lusi anche quest’accusa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Comunque è un FATTO
    che il personaggio in effige, tal Enzo Bianco,
    si è preso dei bei soldini destinati ai rimborsi elettorali di un partito inasistente, per promuovere …cose mal definite col suo segretario…!

    Povero , ingenuo Lusi. Più furbo è stato quel signore nella Lega….
    E poi, non lo sa che contro certa gente non ci si deve mai mettere, manco con le carte in mano? Almeno, se si vive in Italia….

    Cambiano i procuratori ma resta il porto delle nebbie ! Così ritorna a galla la tesi della mela marcia nel cesto pieno di mele sane. Mi dispiace molto, ma temo che a quest’ultima metafora possono credere solo gli allocchi assieme ai giudici romani. A meno che la mossa non sia teleologicamente volta a far vuotare il sacco per come si deve alla mela marcia Lusi !!!???

    Rutelli, Bianco, Bindi ecc sono solo degli INGENUI

    La loro colpa è di non aver guardato abbastanza nel loro borsellino
    Così non si sono accorti che erano spariti oltre QUARANTA miliardi di vecchie Lirette !

    Poveretti !

    Che Lusi possa raccontare balle per alleggerire la sua posizione è estremamente probabile e dunque l’ipotesi di calunnia ci sta tutta. Che i magistrati inquirenti decidano di non indagare neanche sull’uso che è stato fatto di centinaia di milioni di euro pubblici in un partito fantasma, è l’ennesima conferma che, in Italia. alcuni sono innocenti “a prescindere” come diceva Totò, mentre altri sono da indagare a vita, intercettando tutta la settima generazione.
    A beneficio dei legalitari strabici, preciso che lo scandalo non è indagare Berlusconi, Dell’Utri, Cuffaro, Romano, Mannino, Formigoni & C., ma chiudere gli occhi su tutti gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.