Dalla mafia alle case dei siciliani| Confiscati beni per 150 milioni - Live Sicilia

Dalla mafia alle case dei siciliani| Confiscati beni per 150 milioni

L'ingresso del mercato ortofrutticolo di Palermo

Infiltrazioni al mercato ortofrutticolo. Colpiti gli imprenditori Angelo e Giuseppe Ingrassia. IL VIDEO

4 Commenti Condividi

PALERMO – La famiglia mafiosa Galatolo dell’Acquasanta avrebbe controllato il cuore dell’attività del mercato ortofrutticolo di Palermo. Una regia occulta targata Cosa nostra stabiliva il prezzo della frutta e gestiva il confezionamento e il trasporto dei prodotti che finivano sulle tavole dei siciliani e dei consumatori di mezza Italia.

La Dia di Palermo esegue una confisca da 150 milioni decisa dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. I beni colpiti appartengono ad Angelo e Giuseppe Ingrassia, entrambi palermitani di 61 anni, considerati “vicini e contigui” a Cosa nostra. Sono loro gli insospettabili imprenditori, titolari di vari stand all’interno del mercato di via Montepellegrino, che avrebbero consentito alla mafia di dominare il settore. Soprattutto grazie all’attività della cooperativa Carovana Santa Rosalia che si occupava di compravendita di frutta, facchinaggio, trasporto e vendita di cassette in legno e imballaggi.

Giuseppe Ingrassia è stato ritenuto dal Tribunale di Palermo “socialmente pericoloso” e per questo sottoposto a sorveglianza speciale per quattro anni. La notizia della confisca arriva nel giorno in cui il direttore della Dia, il generale Giuseppe Governale, sarà a Catania dove il ministro dell’Interno Matteo Salvini visiterà la Geotrans, una società in amministrazione giudiziaria che dal 2014 continua ad operare sul mercato con ottimi risultati.

È antica la storia delle infiltrazioni mafiose fra gli stand della struttura di via Montepellegrino. Angelo Fontana, pentito dell’Acquasanta, le faceva risalire alla fine degli anni Settanta quando “il mercato pagava il pizzo, lo pagavano tutti, c’era Pinuzzu Civiletti che raccoglieva i soldi ogni stand ed all’epoca mi sembra si pagavano 250 o 300.000 lire”.

> GUARDA IL VIDEO

Erano gli anni in cui sulla struttura si estendeva la longa manus di Saro Riccobono, capomafia di Partanna Mondello. Poi, fra arresti, morti ammazzati e stragi la pressione mafiosa divenne per un periodo meno asfissiante. “No che non c’era interesse, non c’erano le persone adatte”, spiegava nel 2009 il collaboratore di giustizia. Superata la stagione delle bombe, i soldi del mercato tornarono a fare gola ai boss: “… c’era Ingrassia che aveva però una grossa fornitura ai militari di Palermo, al quartiere militare di Palermo e ci dava a noi 45 milioni all’anno per questa fornitura… gli ultimi soldi da Ingrassia sono andato io a prenderli… nel ’95, ’96”.

E da allora ricominciò la stagione del controllo totale degli affari nei depositi di frutta sotto il controllo dei Galatolo, signori dell’Acquasanta: “… poi ci fu Vito Galatolo, mio cugino – metteva a verbale Fontana – ci furono tutti che avevano gli stand dentro il Mercato ortofrutticolo…”.

Un altro pentito, Andrea Bonaccorso, soldato della cosca di Brancaccio che avrebbe finito per legare le sorti della sua carriera criminale ai Lo Piccolo di San Lorenzo, sempre nel 2009 spostava il racconto in avanti nel tempo: “Nel 2000 e fino a tempo fa ancora portavano avanti questa cosa, le cassette di legno, sempre che usavano chi scendeva la merce dei paesi, li dovevano prendere tutti in una persona, che questa persona era vicina a Vito Galatolo… e dopo, siccome tutto quello che era dei Galatolo, quando sono stati arrestati, l’hanno preso i Fontana, quindi è stata una cosa che dopo i Galatolo l’hanno presa i Fontana… in pratica, di fronte all’entrata principale del mercato, di fronte c’è un bar e c’è uno sgabuzzino ed in questo magazzino, in pratica, c’è questa cosa di cassette, le cassette vuote; allora, chi doveva scendere la merce a Palermo, la frutta, la verdura, avevano imposto che dovevano prendere pure le cassette da questi qua”. Si tratterebbe di Angelo e Giuseppe Ingrassia, colpiti oggi dalla confisca fabbricati, appartamenti, terreni, negozi e magazzini, quote di partecipazione societarie, auto, moto. mezzi pesanti, rapporti bancari e prodotti finanziari.

A rafforzare il quadro ricostruito dalla Dia anche alcune indagini della Procura di Napoli che nel 2016 fece emergere che alcuni indagati, fra cui il fratello di Totò Riina, Gaetano, avrebbero controllato controllare il trasporto su gomma dei prodotti che partivano dai mercati ortofrutticoli di Fondi, Aversa, Parete, Trentola Ducenta e Giugliano per giungere in quelli siciliani di Palermo, Catania, Vittoria, Gela e Marsala.

> GUARDA IL VIDEO


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    I loro padri già lavorano con le cassette…e non per conto della mafia… Brave persone, lavoratori neanche dormono.
    Quindi bravi magistrati e forze dell’ordine che avete inbeccato bene i pentiti…
    Ormai siamo alla dittatura, tu lavori guadagni ed io stato tramite i pentiti cerco di toglierti tutto.
    Bravi.

    Anche mio figlio….quando passa la mattina dall’inferno dello “SCARO”…. mi chiede “papà ma qui regole non esistono?”……una delle massime vergogne palermitane

    Con questi articoli diamo continue sceneggiature gratuite per serie televisive. Grazie a questi fannulloni, la Sicilia è conosciuta soltanto per la mafia. Tralasciando le granite le nostre spiagge e la nostra cultura, che non è soltanto”mafia” e non siamo tutti mafiosi!

    La mafia e la camorra hanno da sempre controllato le attività dei mercati ortofrutticoli, sia come approvvigionamento in campagna che come formazione dei prezzi all’ingrosso. A tal proposito vi consiglio di vedere il bellissimo film La Sfida girato nel 1958 da Francesco Rosi che tratta proprio questo argomento. Anche se ambientato nel settore dei grossisti ortofrutticoli di Napoli degli anni 50 è tuttora attuale alla luce dei fatti di cui si parla oggi qui a Palermo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.