Marcello Dell'Utri torna in libertà| "Misure di sicurezza da valutare" - Live Sicilia

Marcello Dell’Utri torna in libertà| “Misure di sicurezza da valutare”

L'udienza a Milano è fissata per il 12 dicembre.

IL CASO
di
2 Commenti Condividi

MILANO – E’ stata fissata per il 12 dicembre dal magistrato di Sorveglianza di Milano l’udienza per valutare se Marcello Dell’Utri, l’ex senatore di Forza Italia da oggi libero, è ad oggi socialmente pericoloso e quindi se applicare o meno l’eventuale misura di sicurezza della libertà vigilata con le relative prescrizioni. Il fascicolo di Dell’Utri, che ha espiato una pena per concorso esterno in associazione mafiosa, è di competenza del giudice Giulia Turri. (ANSA).

Nel frattempo i carabinieri hanno consegnato il provvedimento di scarcerazione a Marcello Dell’Utri, libero da oggi dopo aver scontato una condanna per concorso esterno in associazione mafiosa. Dell’Utri era atteso verso le 10.30 alla stazione dei carabinieri di Segrate (Milano) per ritirare il decreto di scarcerazione, ma poco dopo quell’ora due militari si sono recati per consegnargli il documento nell’abitazione, intestata alla moglie, a Milano 2, dove da luglio 2018 era ai domiciliari per motivi di salute.

Marcello Dell’Utri, libero da oggi dopo aver scontato oltre cinque anni di condanna per concorso esterno in associazione mafiosa, a quanto si è saputo informalmente da chi ha avuto modo di parlargli, sta bene e avrebbe intenzione di evitare uscite pubbliche per una decina di giorni. All’ingresso del palazzo di Milano 2, dove l’ex senatore di FI ha ricevuto oggi il provvedimento di scarcerazione, è radunata una decina fra giornalisti e fotografi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ospite ideale di barbara d’urso.-

    Ora qualcuno lo proporrà per la santificazione! Povera Italia siamo arrivati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.