Marella Ferrera: "La cultura |è considerata una cenerentola" - Live Sicilia

Marella Ferrera: “La cultura |è considerata una cenerentola”

La stilista è stata "graffiata" dall'esperienza di assessore nella giunta Stancanelli, ma lo rifarebbe. “La vivacità culturale di Catania...se solo potessimo convogliare tutte queste forze...non ci fermerebbe più nessuno”. "E su Franco Battiato vi dico che..".

L'INTERVISTA
di
5 Commenti Condividi

Alcuni momenti dell'intervista

CATANIA – La stilista per eccellenza dei catanesi, Marella Ferrera, ripercorre gli ultimi anni alle falde dell’Etna. Dall’esperienza nella giunta Stancanelli, ai punti di forza e di debolezza di questa città, e su Franco Battiato vi dico che…

Cosa le ha lasciato l’esperienza di assessore alla Cultura del comune di Catania?

Tanti graffi, ma la rifarei perché fa parte di quelle scelte che intraprendi perché senti di farle. Non avendo appartenenza politica mi sono sentita coinvolta in questo progetto tecnico che, nonostante sia stato straordinario, credo mi abbia privato di un pò di speranza. Catania vista da dietro le quinte è molto diversa da come la osservavo. Questa nuova ottica mi ha offerto la vera dimensione, svelandomi i veri bisogni della gente. Io ho cominciato con un bilancio di appena 3 mila euro, eppure in 10 mesi ci siamo attivati per compiere tantissime opere perché, come dice Franco Battiato, i fondi non sono fondamentali, occorre soprattutto energia. Il problema però è che questa filosofia non è sempre la regola: la cultura viene spesso considerata una cenerentola.

Perché, quindi, ha abbandonato quest’esperienza?

Prima di tutto perché in 10 mesi ha assorbito completamente la mia vita, soprattutto quella professionale. A me piace fare le cose fino in fondo ed essendo a capo di un’azienda un incarico del genere diventa un lusso che non puoi permetterti. Ciò nonostante ho donato un altro anno di consulenza, a titolo gratuito, occupandomi ad esempio del Castello Ursino e assistendo alla sua simbolica riapertura che, da catanese, mi ha inorgoglito particolarmente.

Quali i punti di forza e di debolezza di Catania?

La vivacità culturale, non si ha idea dell’energia presente in questa città. Il punto di debolezza il non ascolto, in quanto quell’energia spesso non confluisce nella direzione giusta, prende mille rivoli e rende Catania schizzofrenica. Se solo potessimo convogliare tutte queste forze in unico sistema non ci fermerebbe più nessuno.

Se Stancanelli dovesse ricandidarsi, lei lo appoggerebbe?

Per me non è mai stato un problema di bandiere o colori politici. Se dovesse rappresentare un’esigenza per la città, come tecnico, ci sarò così come ci sono stata precendentemente.

A Franco Battiato cosa augura?

Di non abbandonare mai la dimensione del sogno, quella che io ho inevitabilmente perso. Nella visione di un artista campeggia sempre la bellezza dei sentimenti e delle azioni. E quei graffi a cui facevo riferimento prima sono il frutto di una mia dolorosa scoperta: spesso il mondo gira anche diversamente da come pensavi. Mi auguro che lui non cambi perché è una persona che potrà offrire tanto alla Sicilia. Rappresenta un uomo di riferimento per noi artisti. Il nostro padre spirituale dotato del raro dono dell’ascolto. Quando insieme a Mariella Lo Giudice ci riunivamo a casa sua ci donava sempre preziose pillole di saggezza.

Il Natale per Marella Ferrera è all’insegna dell’arte, della moda e soprattutto della solidarietà.

È fondamentale la condivisione. Quest’anno abbiamo sposato il progetto a favore dei piccoli assistiti della comunità di Sant’Egidio, che ha permesso di offrire loro alimenti, giocattoli e indumenti. Il 19 dicembre è prevista una cena per i 150 bambini della “Scuola della Pace”, con un’idea molto precisa: far sì che questo impegno continui al di là della ricorrenza, 365 giorni all’anno.

Fra le iniziative a cui ha deciso di dare il suo contributo, quest’anno, anche “Bags for Africa”. Un progetto umanitario a favore del Senegal e della Sierra Leone. Cosa lasciano esperienze del genere a Marella?

“Si tratta di piccoli gesti quotidiani che ti danno la gioia di aver pensato soprattutto a qualcuno. Piccole gocce in un oceano che se ognuno di noi con le proprie potenzialità provasse ad alimentare, probabilmente non esisterebbero più tutti quei bambini che, ancora oggi, muoiono di fame. Questo pensiero, quotidianamente, mi rattrista. L’idea di avere degli animali, prendersi cura di loro, e sapere che la carne che compri al tuo cane potrebbe forse salvare la vita di un bambino: ritengo che sia veramente questa la svolta di cui ha bisogno il mondo.

 

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    come si mortifica una bella persona che inorgoglisce Catania con giochetti di potere e denaro che molti malfattori che frequentano il palazzo sono abituati a fare da 60 anni

    Il dramma di Catania in questi anni è che la sua “intellighentia” ha preferito galleggiare all’ombra dei potenti della città.Non si capisce perchè dall’alto della sua posizione di libertà economica,la Ferrera MAI ha levato la sua voce contro chi l’ha ridotta nella situazione attuale.Sempre questa cosa generica che “noi non facciamo politica,noi non siamo politici”,”siamo tecnici al servizio della città” e bla bla simili.Sino addirittura ad accettare di fare parte di una delle giunte più squallide che la città abbia conosciuto,coi risultati ( zero) che anche lei ammette.L’altro errore è non volere ammettere che si può essere dei geni nel proprio settore ( in questo caso la Moda) ma essere analfabeti in campo teatrale,musicale ecc.
    In questi casi chi vuole costruire cose durature chiama a rapporto le forse culturali della città,chiede consigli,suggerimenti,proposte.Ma l’altro dramma di Catania è che tutti,uomini e purtroppo anche donne,ci sentiamo,come diciamo noi catanesi un c…..e mezzo,quindi autosufficienti.Questo è stato l’errore più grave della Ferrera,ma lo è stato di tutti quelli che l’hanno preceduta come assessori alla Cultura a Catania,nessuno escluso.

    vi prego,siete il mio sito preferito. non vi rovinate!

    scusate ma se un articolo non piace, perchè non pubblicate i commenti?vi fate bandiera dei lettori che partecipano e poi cassate i commenti negativi ma senza nessun insulto???ho solo scritto che la ferrera non ci azzecca nulla con la cultura,dov’è il problema?

    d’accordo col catanese.e aggiungo che le mostre organizzate al castello ursino sono state il trionfo del provincialismo più assurdo.vi ricordo che abbiamo anche fatto una figura orrenda con il mondo intero per il caso-Modigliani..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *