Medico aggredito in ospedale| Marsala, condannata una 30enne - Live Sicilia

Medico aggredito in ospedale| Marsala, condannata una 30enne

La dottoressa era stata colpita con un pugno.

NEL TRAPANESE
di
2 Commenti Condividi

MARSALA (TRAPANI) – E’ stata condannata al pagamento di una multa di seicento euro e al risarcimento dei danni per aver aggredito un medico dell’ospedale di Marsala, in provincia di Trapani. E’ una trentenne di Erice, contro la quale la dottoressa, colpita con un pugno, si era costituita parte civile.

I fatti risalgono al 10 agosto del 2015, quando il medico comunicò alla figlia il decesso del padre: la donna le sferrò un pugno al braccio sinistro, provocando – come da referto medico del pronto soccorso – un trauma contusivo alla spalla e al braccio.

Quel giorno i familiari dell’uomo denunciarono tutti i medici che avevano avuto in cura il paziente, ma il procedimento per omicidio colposo fu archiviato con ordinanza del giudice per le indagini preliminari quasi un anno dopo.

Dopo la denuncia da parte della dottoressa, anestesista rianimatore dell’ospedale marsalese difesa dall’avvocato del Foro di Palermo, Marco Martorana, il processo a carico della trentenne è invece andato avanti. Anche chi era presente quel giorno nel reparto in cui scoppiò il caos, ha confermato le fasi dell’aggressione subita dal medico.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Bene, anzi benissimo! Giusto così!

    Sono certe sentenze che favoriscono tali aggressioni.
    Dopo…3 anni l’imputata , che sferrò un pugno al braccio sinistro, provocando – come da referto medico – un trauma contusivo alla spalla e al braccio., viene condannata a….. 600 euro di mula, cifra che non pagherà mai .
    Se un cittadino critica in modo civile un magistrato rischia il carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *