Farmaci in nero per aumentare produzione latte: 2 denunce - Live Sicilia

Farmaci veterinari “in nero”, così si aumentava la produzione del latte

Il caso a Modica. Denunciati un farmacista e il suo magazziniere
NEL RAGUSANO
di
0 Commenti Condividi

Avrebbero venduto per un anno a numerosi allevatori di Modica e Ragusa farmaci veterinari ‘in nero’ e senza le previste ricette mediche. E’ l’accusa contestata dai carabinieri di Ragusa Ibla a un farmacista e al suo magazziniere di Modica che sono stati denunciati alla Procura. Il reato ipotizzato è di esercizio abusivo della professione per entrambi: il magazziniere per averlo svolto, il farmacista per averlo diretto. Il Gip di Ragusa ha emesso un provvedimento di sequestro cautelare dell’attività e disposto la sospensione l’esercizio della professione di sei mesi per il farmacista.

Le indagini

Le indagini su un presunto giro sospetto di farmaci ceduti con troppa facilità ad alcuni allevatori di bovini della zona al fine di incrementare in modo innaturale la produzione di latte degli animali erano state avviate dai carabinieri nel 2020. Si sono avvalse anche di intercettazioni, pedinamenti e controlli su strada. Durante gli accertamenti militari dell’Arma hanno sequestrato farmaci veterinari per 16mila euro. I due indagati sono stati intercettati durante i loro viaggi nelle campagne iblee dove effettuavano le consegne a domicilio. Secondo l’accusa nella vicenda avrebbe avuto un ruolo anche un medico veterinario che, dietro pressione del farmacista che prometteva un adeguato compenso per il disturbo, redigeva a posteriori false prescrizioni per i farmaci illecitamente venduti in modo da regolarizzare l’intero iter di vendita. Dalla ricostruzione della Procura emerge che anche il magazziniere avrebbe consigliato agli allevatori, senza averne le competenze, i farmaci da somministrare agli animali con dosaggi a volte finalizzati ad incrementati fino al 100 % la produzione di latte da parte delle mucche.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.