Monastra passa con 'I Coraggiosi' | "Un'opportunità per dire la nostra" - Live Sicilia

Monastra passa con ‘I Coraggiosi’ | “Un’opportunità per dire la nostra”

La consigliera comunale, già al fianco di Ferrandelli alle ultime elezioni cittadine: "Possiamo fare tanto senza rinunziare ciascuno alla propria identità ed alla propria storia".

Palermo
di
15 Commenti Condividi

PALERMO – Antonella Monastra si unisce al movimento dei Coraggiosi, guidati da Fabrizio Ferrandelli. Sarà lei, dunque, già eletta al consiglio comunale cittadino nelle fila di Ora Palermo, lista che sosteneva la candidatura dell’esponente Pd palermitano, la referente in Sala delle Lapidi dell’ex deputato regionale, fresco dimissionario.

“Sto seguendo da vicino il percorso avviato da Fabrizio Ferrandelli – dice la Monastra – che con “I Coraggiosi” sta costruendo uno spazio politico regionale in cui tante e tanti possono trovare quel riferimento che al momento manca dentro un PD siciliano allo sbando. Questa può essere un’occasione in cui dire la nostra senza rinunziare ciascuno alla propria identità ed alla propria storia e per valorizzare gli sforzi che ciascuno da singolo o da gruppo ha sinora fatto. L’obiettivo è superare il quadro asfittico di un partito che non ascolta i territori, soffocato da un manipolo di deputati che esercita un potere assoluto su tessere e organismi del partito”.

“Obiettivo è superare l’esperienza fallimentare del governo Crocetta. L’idea è fare il nostro PD, l’idea è fare nostro il PD. Questo significa anche parlare con i tanti e le tante che, fuori dalle organizzazioni partitiche e soprattutto dal PD, hanno animato le realtà locali e continuano a farlo senza avere riferimenti. Questo significa parlare a coloro che si sono ritirati a vita privata, a coloro che nemmeno vanno più a votare per sfiducia e con sofferenza, ma anche agli elettori del PD spiazzati dal pensiero unico renziano”.

“La strada – conclude – è tutta in salita e il risultato non è scontato, ma penso, per quello che ho potuto vedere nei momenti di condivisione politica con molti/e di voi, che la “direzione ostinata e contraria” sia quella a noi più congeniale, se per direzione ostinata e contraria intendiamo una politica in sintonia con i valori e la sana conflittualità, piena di contenuti, della sinistra. Il percorso è stato appena avviato, ma già molti comitati spontanei di “coraggiosi” sono sorti in tutta la Sicilia. A breve verranno definite una serie di date per ciascuna provincia, presumibilmente a settembre, in cui si terranno i primi incontri per arrivare tra ottobre e novembre ad una grande iniziativa regionale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    In effetti ci vuole coraggio…

    per la serie non sa più dove andare perchè nessuno la vuole quindi non rimane che tornare da chi aveva criticato dopo le amministrative.
    senza rossore

    Scusate, posso sapere perchè vi fate chiamare “Coraggiosi”? Quando avete mai espresso atti di coraggio? Le dimissioni di Ferrandelli, (lo hanno capito tutti) sono state solo una gaffe, poichè era convinto che si stesse andando al voto anticipato. Ma poi non è bello farsi i complimenti da soli. Stare contro Renzi non è un atto di coraggio, è solo un dovere per chi ha un minimo di dignità politica. Il Coraggio (se davvero ce l’avete) dovete dimostrarlo lasciando questa cloaca di partito che è il PD. Ma che coraggio è andarsene dall’Assemblea regionale per rimanere avvinghiato ad un partito corrotto e delegittimato come il PD e che continua a sostenere Crocetta e il suo governo? E poi, si può sapere sulla base di quali progetti, idee, proposte cercate il consenso della gente? Per favore, non parlateci ancora del “partito che si cambia dal di dentro”. Ormai è solo una pia illusione con i marpioni che ce l’hanno in mano. Avete visto che fine hanno fatto i vari Civati, Fassina, Cofferati e company?

    Mi piacerebbe risentire ora i “duri e puri” che votavano Monastra e Ferrandelli perché la Borsellino era troppo vicina al PD. Che vergogna.

    Se si definiscono “coraggiosi” allora devono trovare il “coraggio” di andare contro i potentissimi renziani. Riusciranno a farlo i nostri coraggiosi?

    Grande colpo di calciomercato in extremis, altro che Hernanes.

    Adesso presentate la sfiducia e mandate Orlando a casa!

    questi si ripropongono come la peperonata

    Ci vuole veramente coraggio…………………

    Ma la Monastra non era già passata con Ferrandelli assieme a Terminelli? Poi però è andata con Civati. In quel caso Ferrandelli non l’ha fatto fare l’articolo? Antonella è con se stessa, e va dove le conviene. Ferrandelli lo sa bene perchè lui…è come lei.

    Coraggiosi? Di che? Sono coraggiosi i cittadini che non arrivano a fine mese, che non hanno un lavoro, che non hanno una casa, sono coraggiosi i cittadini che vivono in una città ormai in coma , fra rifiuti e senza servizi e che però pagano le tasse. Coraggiosi di che? Di giocare a fare politica? Coraggiosi di stare sempre dalla parte di Renzi? Ma la prego la finisca, il coraggio è passare dall’altra parte ed essere una voce fuori da coro.
    Il Paese è alla rovina e tutti i signori politici che magnano, magnano ancora non hanno capito che ormai la gente è stanca….potete cambiare vestito, acconciatura potete cambiare trucco…ma siete sempre gli stessi…… Vi siete mangiati la Sicilia e l’Italia!!!! Andiamo ad elezioni e vediamo se il Popolo Sovrano finalmente HA CAPITO!!!!

    Ma dico io…ma cuè? che rilevanza può avere questa notizia? ma poi coraggiosi xkè? ah…vero xkè ferrandelli si è dimesso dall’ARS.
    Se nè sarà pentito tantissimo…lui pensava che alla regione le cose stessero precipitando, e invece no…Santissima Crocetta dei miracoli ha risolto tutto e farà in modo che si arrivi a fine mandato con le sue “Opere”. Amen.
    Più che coraggiosi direi …INGENUI !

    Ferrandelli ha avuto il coraggio di dire che il re è nudo, cioè che la “Autonomia ” siciliana è stata solo fonte di favori e privilegi, per politici , sindacalisti (vedi permessi sindacali ) e clientes. Se porterà avanti il suo programma di abolizione dello Statuto siciliano merita attenzione.

    Ferrandelli ha scoperto che l’autonomia siciliana è un privilegio. Grande, lo ha scoperto solo adesso che lui non c’é più. Fino a quando i privilegi li godeva anche lui non ha mai battuto ciglio e non ha mai messo in discussione l’autonomia e lo Statuto speciale. Ci vuole davvero una bella faccia tosta, altro che coraggio. Siete dei conigli!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *