Morte George Floyd, non si placa l'ondata di violenza negli Usa - Live Sicilia

Morte George Floyd, non si placa l’ondata di violenza negli Usa

Coprifuoco in 25 città, scontri e feriti. Un morto a Indianapolis

LE PROTESTE
di
0 Commenti Condividi

Non accenna a placarsi l’ondata di violenze scatenata negli Stati Uniti per la morte dell’afroamericano George Floyd, ucciso da un agente di polizia. Almeno tre persone sono state ferite da colpi d’arma da fuoco e una è morta nelle proteste a Indianapolis. Cortei e manifestazioni, spesso accompagnati da scontri e vandalismi, si sono svolti da New York a Washington Dc, da Los Angeles ad Atlanta, da Boston a Chicago, da Seattle a Columbus. Una decina di stati hanno mobilitato la guardia nazionale, coprifuoco in 25 città. Tafferugli intorno alla Casa Bianca dove è stata aggredita una troupe della Fox News. Dall’inizio delle proteste sono state arrestate circa 1.400 persone. Il candidato democratico alla presidenza, Joe Biden, commenta: “Giusta la protesta, non la violenza”.

A Jacksonville, in Florida, un agente è stato “pugnalato o ferito al collo ed è attualmente in ospedale”. Lo sceriffo Mike Williams ha riferito alla Cnn che altri agenti sono stati attaccati dai rivoltosi e colpiti con pietre e mattoni durante le proteste in città. Sono stati fatti molti arresti, ha detto, senza fornire un numero preciso.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *