Green pass, controlli dei Nas sui bus: scoperte diverse violazioni - Live Sicilia

Green pass, controlli dei Nas sui bus: scoperte diverse violazioni

Elevate diverse sanzioni pecuniarie
CORONAVIRUS
di
2 Commenti Condividi

Controllo del green pass su tutti i bus del territorio nazionale da parte dei Nas, così come stabilito di concreto con il ministero della Salute. Gli accertamenti portati a termine hanno consentito di individuare, tra i circa 8 mila controlli, 21 violazioni all’obbligo del green pass, contestate rispettivamente a 8 responsabili e delegati delle aziende di trasporto per la mancata verifica e nei confronti di 13 utenti risultati privi di regolare certificazione verde.

I controlli sono stati effettuati presso 92 stazioni e aree di partenze/arrivo, sottoponendo alla verifica 371 bus di linea e automezzi dedicati a collegamenti interregionali e nazionali. Complessivamente i controlli dei Carabinieri Nas, supportati dai reparti territoriali dell’Arma, hanno determinato l’irrogazione di sanzioni per complessivi 8.400 euro. In particolare, durante i controlli, i Nas di Parma hanno trovato un passeggero che ha esibito un certificato intestato ad un’altra persona; i Nas di Padova un utente che ha fornito false generalità sulla propria identità. I Nas di Latina, invece, hanno sanzionato un passeggero per aver esibito all’accesso un certificato di negatività al Covid-19 non valido, poiché relativo ad un tampone effettuato antecedentemente a 3 giorni.

I Nas hanno anche accertato 22 violazioni per la mancata attuazione delle operazioni di sanificazione dei mezzi, la mancanza di dispenser e di prodotti disinfettanti per le mani, l’omesso controllo della temperatura dei passeggeri ed il mancato uso delle mascherine.

“I controlli dei Nas dedicati alla verifica dell’obbligo del green pass – si legge in una nota diffusa dalle forze armate – proseguiranno su tutti i settori interessati: ad oggi sono state contestate complessivamente 171 violazioni per un ammontare di 68.400 euro, delle quali, oltre a quelle sanzionate nella giornata odierna sui bus, 74 hanno riguardato bar e servizi di ristorazione, 47 palestre, piscine, centri benessere e 24 sale scommesse e sale giochi“.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Agli sgoccioli, la pacchia finirà il 31 dicembre

    Ieri si è parlato anche di controlli sugli idraulici che vengono a casa, quindi in sostanza se devo fare venire uno che mi ripara un rubinetto rischio di vedermi spuntare pure a casa carabinieri e polizia per controllare se io, ammesso che sia dotato della stessa App in uso ad esempio ai presidi scolastici ed ai controllori dei treni, ho provveduto a mia volta a controllare la validità del green pass dell’idraulico ed il suo documento d’identità per accertarmi che il certificato corrisponda alla sua persona. Ammesso che non so se un privato possa effettuare un simile controllo di tipo poliziesco ritengo che a questo punto si possano seriamente rischiare due cose, o di prenderle di brutto dall’idraulico incazzato oppure di uscire pazzo per decisione governativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *