Ventiquattro nomine in 80 giorni | Crocetta e la Sicilia dei commissari - Live Sicilia

Ventiquattro nomine in 80 giorni | Crocetta e la Sicilia dei commissari

Le delibere di nomina (clicca per ingrandire)

Gli ultimi fedelissimi del presidente al vertice delle Città metropolitane.

19 Commenti Condividi

PALERMO – Con gli ultimi tre, designati al vertice delle Città metropolitane, fanno 24 in 80 giorni. E se si esclude il mese di agosto, in cui si sono di fatto fermate le attività del governo per la pausa estiva, il rapporto scende a 24 nomine in 50 giorni. In pratica una ogni due giorni. Sono i commissari di Crocetta, il vero segno distintivo di questa legislatura. Piazzati ovunque, al vertice di aziende sanitarie ed enti locali e regionali, sono il frutto di un caos costante. Di una mancanza di programmazione cronica, di un affastellarsi di norme, leggi, provvedimenti che hanno sempre “costretto” al ricorso a questi fedelissimi: che rispondono solo al governatore.

Città metropolitane e Irsap

Le delibere di nomina (clicca per ingrandire)

Se si dà una semplice occhiata all’elenco delle delibere del governo degli ultimi tre mesi ci si imbatte in questa teoria di nomi e incarichi. Gli ultimi non ci sono ancora: diventeranno ufficiali per decreto, senza passare dalla giunta. Le nomine di Girolamo Di Fazio, Salvo Cocina e Francesco Calanna al posto di Leoluca Orlando, Enzo Bianco e Renato Accorinti al vertice delle Città metropolitane, sono infatti solo le ultime. Anzi le penultime. “Un atto dovuto, che ho dovuto compiere a malincuore, per evitare guai con la Corte dei conti” ha spiegato Crocetta che ha “ripudiato” la riforma-flop delle Province della quale la nomina degli ultimi commissari è solo la puntata più recente. Nel frattempo, l’Irsap, dopo le dimissioni dell’ex commissario (un altro) Maria Grazia Brandara (commissario nel frattempo del Comune di Licata) ha nominato due commissari ad acta: Gaetano Clemente e Angela Di Stefano. Dovranno occuparsi degli atti indifferibili e urgenti, oltre che dei bilanci.

I fedelissimi alle case popolari

Circa un mese fa, invece, sono arrivati i nuovi commissari degli Istituti autonomi per le case popolari. Una vera e propria “occupazione” dei militanti del Megafono di Crocetta. A Caltanissetta va Enrico Vella componente del gabinetto del governatore, a Messina Francesco Calanna ex commissario dell’Eas e vicinissimo a Beppe Lumia, a Catania altra fedelissima come Cettina Foti, a Ragusa Loredana Lauretta, altra componente storica del cerchio magico del presidente, per arrivare a Totò Gueli, ex cuffariano oggi fedelissimo di Beppe Lumia, inviato a guidare l’ente a Trapani.

La Sanità sempre nel caos

Altro caos, nella Sanità. La decisione di Crocetta di blindare alcuni dei suoi più fedeli direttori generali di Asp e Ospedali, ha infatti scatenato la reazione dell’Assemblea regionale siciliana che pochi mesi fa ha approvato una norma che ha costretto il governatore a nominare dei commissari, al posto dei manager. E così ecco le nomine al Papardo di Messina Maria Letizia Di Liberti, all’Azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello di Palermo Maurizio Aricò, al Policlinico di Palermo Fabrizio De Nicola, al Garibaldi di Catania Giorgio Santonocito, al Civico di Palermo Giovanni Migliore, all’Asp di Trapani Giovanni Bavetta, all’Asp di Ragusa Salvatore Lucio Ficarra, all’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta, all’Asp di Messina Gaetano Sirna, all’Asp di Palermo Antonio Candela, all’Asp di Agrigento Gervasio Venuti.

Commissari e vecchi guai

Tutto in ottanta giorni: tra la fine di luglio e pochi giorni fa. Ma ovviamente, non sono questi gli unici commissari che hanno popolato la legislatura. Anzi. Oggi è persino difficile fare una stima: certamente si supera quota 60-70, avvicinandoci probabilmente a quota cento. Basti pensare, ad esempio, alle facce e ai nomi che hanno scandito la “rivoluzione” nella Sanità. Nomine che hanno portato in dote qualche “guaio”, come la recente condanna della Corte dei conti nei confronti di Giacomo Sampieri, commissario a Villa Sofia-Cervello e tra i più vicini allo stesso Crocetta. E tanti, tantissimi sono stati i commissari delle ex Province, commissariate fin dal 2013. Tra questi, tanti fedelissimi del presidente, compreso il suo capo di gabinetto, dirigenti amici e anche Antonio Ingroia, giunto per un attimo al vertice del Libero consorzio, prima che l’Anac intervenisse ricordando che un esterno non può ricevere più di un incarico di quel tipo. Esattamente lo stesso motivo per il quale traballa già l’ultima nomina: quella del commissario Francesco Calanna. Un esterno della Regione, ma anche “uno e trino”: non solo bi-commissario (alla Città metropolitana e allo Iacp messinesi), ma anche segretario particolare dell’assessore alle Infrastrutture Luigi Bosco. Che a ben guardare, le nomine sono tante, ma la cerchia dei commissari di Crocetta non è poi tanto larga.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    Ma tanto molti Commissaricchi e parac… dureranno ancora poco.
    Chi vincerà a novembre avrà lo strabiliante compito di azzerare tutto quello che sarà possibile azzerare.
    Signori…si scendeeeee!
    Il nuovo Presidente e la nuova giunta lo devono alla Sicilia e ai siciliani che li voteranno.
    Bisogna voltare pagina al più presto e ripulire gli enti pubblici dal mal’odore del crocettismo.

    Seguo con sentimenti acuti il progressivo declino di qualsiasi rispetto per le istituzioni, scambiate per oggetti d’esercizio di abilità manipolatorie funzionali a fame di potere e bramosa sete possessiva. I miei occhi hanno letto in questi ultimi cinquantanni notizie e fatti clientelari che (però) hanno rappresentato l’eccezione incidentale di esperienze politico-istituzionali che amministravano per tutti. Ma questa protervia nel non fare alcunché per la comunità e pensare solo a rafforzare il cerchio dei sodali è da replicanti castristi fuori moda e fuori luogo. Vergogna! Ma secondo q

    Si potrebbe dire … ha salvato tutti e non è riuscito a salvare se stesso … neanchè in lista è riuscito a figurare : cROCETTA SEI UNA VERGOGNA SENZA FINE………..

    Fra poco tutti a casa

    Non so dal punto di vista penale, ma dal punto di vista etico e morale, oltre che democratico, tutti questi commissariamenti fanno sembrare di nessun pericolo sociale reale i reati contestati a qualcuno arrestato recentemente. Se il nuovo presidente vorrà davvero fare pulizia di questo schifo avrà tanto rottamare. Si vedrà già nei primissimi mesi.

    ormai e’fuori controllo come un’animale ferito a morte si ritrova fuori dai giochi e si sfoga cercando di radere al suolo tutto cio che rimane

    …intanto fanno danni peggio ri babbaluci!!!

    ma sarà possibile? qualcuno ci crede?

    Ma che testai a dire ? C’e’ di piu’

    Nerone sta morendo e Roma brucia.I vigili fanno finta di non vedere.

    Peggio dei suoi predecessori

    Ma sì , Saro da Gela vuole solo stabilire il record mondiale assoluto di nomine effettuate durante un mandato da governatore , non fate caso alla sua pusillanimità.

    io dico che per chiudere in bellezza dovrebbe nominare un commissario come presidente della regione SICILIA

    Crocetta senza vergogna … Vorrei poi capire il senso di queste nomine, dal momento che (per fortuna) non succederà a se stesso …

    Criticava i suoi precedessori roba da non crederci

    Tutti i commissari sono pronti a inchinarsi al vincitore,fortunatamente Musumeci,futuro presidente della regione, non farà passare dei mesi per togliere i cosiddetti fedelissimi del cerchio magico di crocetta,ritengo che volendo avere un quadro preciso di ogni ente nominera’ subito persone preparatee e oneste,di sua fiducia,nelle more di riportare alla.normalità enti e società regionali.

    A questo scandalo (vergogna!) si aggiunge anche l’elenco di quelli che dovevano essere rimossi e che sono stati lasciato al loro posto: questo forse è anche peggio. Anzi, senza forse.

    Che pattume! L’anticipazione del caos grillini di Roma & c. che noi siciliani ci risparmieremo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.