Orlando 'sperto', io 'fissa' | Ma cos'è la 'correttezza'? - Live Sicilia

Orlando ‘sperto’, io ‘fissa’ | Ma cos’è la ‘correttezza’?

"Li Castri, Arcuri, l'inchiesta e le nomine: a me un dirigente 'procedi' non me lo ha mai detto".

IL DIEGONALE
di
33 Commenti Condividi

Caro direttore,

Sia chiaro, io sono un garantista e tale voglio rimanere.

Ha ragione Orlando. “Ho controfirmato sempre – ha detto Orlando – tutte le delibere con Arcuri, e non capisco perché adesso non dovrei rinominarlo in giunta. Sono certo della sua correttezza, se scoprissi altro sarei doppiamente duro con lui”.

Anch’io, al suo posto, se fossi certo della correttezza di un mio amico o di un mio collaboratore e soprattutto se avessi controfirmato le delibere da lui proposte lo difenderei con vigore non foss’altro perché così facendo difenderei evidentemente il mio operato. Parliamo ovviamente non di aspetti che riguardano l’indagine, anche perché Arcuri non sembra coinvolto in alcunché, e come ho detto, se lo fosse stato io sarei e rimarrei garantista così come lo sono nei confronti di coloro che appaiono, per usare le parole di Orlando, protagonisti di “un gravissimo episodio di corruzione consumato in danno dell’amministrazione comunale e della città”.

Di cosa parliamo allora? Della correttezza in generale, direttore, naturalmente anche della correttezza di Arcuri, di cui Orlando dichiara di essere certo. Qui mi sono confuso e confesso di essermi perso.

Cosa intende Orlando per ‘correttezza’? Intende quella che serve per avere comportamenti conformi alla legge? Non credo, quella, abbiamo detto, la diamo sempre per scontata fino a prova contraria, almeno io la do per scontata, lui non mi pare che la pensasse così, anzi mi pare che avesse inventato un’espressione che diceva esattamente il contrario.

Parlerà allora della sua correttezza e di quella di Arcuri nell’espletamento del mandato amministrativo che lui gli ha conferito in tutti questi anni? Mah.. se devo essere sincero, non credo che si riferisse a quella.

Direttore, mi tolga una curiosità, ma i passaggi delle intercettazioni erano già stati resi noti e pubblicati quando Orlando ha fatto la conferenza stampa? No, non credo, si sarebbe reso conto che di correttezza amministrativa proprio non ne poteva parlare. Procedi, disse Li Castri, all’Assessore Arcuri per le nomine dei capi area dopo avere organizzato e disposto tutti gli spostamenti necessari.

In realtà disse idealmente ‘procedi’ anche ad Orlando visto che i capi area sono di nomina del Sindaco.

No, direttore, non credo proprio fossero note le intercettazioni perché, penso ma non ne sono sicuro, che Orlando non avrebbe parlato di correttezza, si sarebbe forse reso conto che le nomine dei capi area che pensava di avere fatto lui, in realtà le fece Li Castri.

Quel Li Castri che insieme a Monteleone nel marzo 2018 era stato condannato a due anni, in primo grado, insieme ad altre 19 persone per la lottizzazione abusiva di via Miseno (dove entrambi risultavano residenti).

Ma le intercettazioni non sono di ottobre 2018? Quindi, riassumendo, Arcuri riceveva indicazioni da uno che era stato condannato mesi prima per un reato per il quale non solo non doveva trovarsi ad occupare quel ruolo ma per il quale un amministratore accorto, prudenza avrebbe voluto, avrebbe dovuto tenere lontano con la canna. Ed invece, annota il Giudice, Li Castri “continuava ad avere al di là degli incarichi formalmente rivestiti un inusitato potere decisionale in relazione all’intera organizzazione comunale”.

“Il condono lo passiamo a Di Bartolomeo?”, chiedeva Arcuri, e Li Castri: “No… non lo passi a Di Bartolomeo… non ci metti nessuno..ed Arcuri (ad onor del vero con l’attenuante che ogni tanto ha confessato che firmava con il mal di pancia) prontamente rispondeva: “Si, perfetto”.

Questo lo metti qua, l’altro lo metti la, Li Castri faceva con i dirigenti il gioco delle tre carte ed Arcuri obbediva felice e contento.

Le date non sono mai state il mio forte e forse neanche quello di Orlando.

Mi aiuti lei, direttore. Ma Li Castri non venne nominato dirigente da Orlando nel 2015 quando per quel reato era stato già rinviato a giudizio?

Niente, mi sono perso.

Ma di quale correttezza parla Orlando?

In politica esiste la categoria degli ‘sperti’ e quella dei ‘fissa’. Orlando appartiene certamente a quella degli ‘sperti’ ed io a quella dei ‘fissa’.

Direttore, però a me, un dirigente “procedi” non me lo ha detto mai.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

33 Commenti Condividi

Commenti

    Bellissimo articolo, coraggioso e puntuale. Orlando ha sempre preso in giro i palermitani e continua a maltrattare la Città, finalmente qualcuno che con impavida ironia gli sbatte in faccia la verità.

    Non mi pare che la sindacatura CAMMARATA abbia migliorato Palermo.
    Oggi, sotto il sindaco ORLANDO, PALERMO è PIENA DI TURISTI.

    Insomma: parlar male di Orlando per assolvere se stesso appare un gioco superficiale, facile facile.

    Cammarata Santo Subito!!

    Complimenti,da sempre l’ex sindaco Cammarata,nelle sue riflessioni,fa emergere il vero lato (negativo) del sig. Orlando. Oggi credo che sia uscito fuori qualcosa di grave,di serio,che difficilmente,speriamo,possa passare come tutte le altre cose……

    Solo chi non voleva capire non capiva.

    Ma vi è di più, legalità vuole che nel bando x dirigenti non hanno richiesto il casellario, e Li Castri già era stato condannato. Questa cosa allora fece indignare tutti tranne che Ollando che lo nomino al CDA. Porcherie

    BRAVO DIEGO SEI SEMPRE STATO UN VERO ESEMPIO DI ASSOLUTA MORALITA!!!…DOVREBBERO VERGOGNARSI ……

    Non esageriamo, prima facciamolo BEATO, per la santità deve presentare il certificato penale, poi si vede.

    GALILEO, il certificato penale dovrebbe presentarlo la tua amministrazione.

    GALILEO, i turisti a Palermo ci sono sempre stati.

    non ero simpatizzante dell’allora sindaco Cammarata, ma devo dire che c’ha zeccato in pieno. Comunque, è impossibile che Orlando che è così bravo a giostrare ogni cosa, non sapesse. Come ho detto anche in un altro mio commento, Li Castri e Monteleone sono stati nominati dirigenti proprio direttamente dal sig. Sindaco come suoi uomini di fiducia. Adesso, penso sia il caso che Orlando, che il sindaco lo sa fare, si assuma le sue responsabilità del caso.

    Se così è Orlando deve chiarire in merito.

    La prima sindacatura di Cammarata fu un esempio di ottima amministrazione, Palermo era bella da vivere….
    Una cosa per tutte…

    La Cala riqualificata e fruibile

    Pochi proclami , questo l’errore .

    Tutti Santi,nessuno escluso,tanto a perdere è sempre l’onesto cittadino

    Orlando è un furgone….attaccatissimo al potere!

    Galileo, vero che Palermo è pieno di turisti che arrivano 5 volte a settimana con le navi crociere. Turisti che arrivano di mattina e ripartono nel pomeriggio. Ma tutti gli emigrati che popolano i vecchi quartieri, tu dove li classifichi fra i turisti o fra gli abusivi. Alle volte alcune risposte dovrebbero essere date con la testa e non con la pancia.

    Parliamo di tram e autobus, chi paga il biglietto? Il biglietto “questo sconosciuto”. Solita storia da parecchi anni, ma nessuno provvede. Intanto gli stipendi arrivano lo stesso. Continuiamo così? Poi si istituisce la Ztl notturna, come mai? . Si cerca sempre di inventarsi qualcosa di nuovo per distogliere l’attenzione dai problemi che già esistono.

    I 18 sostenitori di Cammarata, esprimono giudizi all’unisono.
    Ma possibile che siano solo 18 ?

    qualcuno mi ha preso sul serio….

    Cammarata era bello simpatico profumato e una persona onesta, Orlando mi fa’ vergognare di essere palermitano

    Per carità non penso che Cammarata sia scevro da peccati, o che sia l’esempio della migliore politica, ma che sia l’unico che abbia il coraggio di dire a Orlando le cose come stanno sì. Infine Palermo è piena di turisti perché Palermo è una città bellissima, e questo non lo deve né a Cammarata né tanto meno a Orlando che la mantiene lurida.

    Mai avrei pensato nella mia vita di dire: bravo Diego Cammarata. Mi sbagliavo. Di fronte alle ineccepibili e pacate parole della lettera al direttore, non posso che rimangiarmi il proposito giovanile… Bravo Diego Cammarata, hai ragione. Orlando è sperto assai e questo non fa di te un fissa.

    Scusi ma assolvere da cosa???? Cammarata non è più sindaco da nove anni e non è più neanche in politica. Se anche è stato un pessimo sindaco, che cosa ha a vedere l’attuale situazione con quella pregressa???

    Una sola cosa: nel periodo della sindacatura di Cammarata a Palermo si respirava un’aria diversa .Ci si sentiva far parte di una comunità scevra dalla politica, si respirava aria di libertà e non di oppressione, Con Orlando e soci è subentrato il metodo stalinista del potere concentrato su amici del capo e tutto il resto è noia. L’unica cosa buona per Palermo è che alla fine di questa sindacatura non sentiremo mai più parlare del Sinnaco Ollanno .

    Da quello che mi dicono amici palermitani probabilmente lei, per respirare quell’aria, doveva essere attaccato alla bombola di ossigeno.

    Pensavo che Orlando fosse migliore di Cammarata, i fatti dissero il contrario.

    Il sinnacu è un dittatore, come si vuol dire in sicilianu e loro per lui è sbirru pe lavutri, sindaco dimettiti e vattene da Palermo e ti porti a sti 4 lecchini e incompetenti che ti circondano,

    Io penso che quanto successo abbia fatto mettere un pietra sopra a qualcuno del suo Entourage che aspirava alla successione e al continuo della corte dei miracoli

    Il professore Cammarata si autoflagella! Perché?

    Dunque mai “procedi”….ma cala l’ancora, si!!
    Il bue che dice cornuto all’asino…

    Far meglio di Orlando è facile.

    Aggiornamento sul numero dei sostenitori di Cammarata : sono aumentati a 20.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *