Esplode il caso Messineo | Tornano i veleni - Live Sicilia

Esplode il caso Messineo | Tornano i veleni

Messineo e Ingroia

Torna la stagione dei veleni a Palazzo di Giustizia.

19 Commenti Condividi

PALERMO – C’è un gran viavai di magistrati nella stanza al secondo piano del Palazzo di giustizia di Palermo. Molto più intenso di un’abituale giornata di lavoro. Tiene banco il rischio di trasferimento per incompatibilità ambientale che incombe, da oggi, sul procuratore Francesco Messineo. La prima commissione del Csm ha aperto la relativa procedura, contestandogli una gestione debole dell’ufficio e che non garantirebbe la necessaria indipendenza. La decisione è passata con il voto favorevole di tutti i componenti della Commissione, ad eccezione del laico del Pdl, Niccolò Zanon, che si è astenuto. Il procuratore di Palermo è stato convocato per il 2 luglio prossimo dalla Commissione. Con l’assistenza di un difensore, potrà difendersi dalle contestazioni che gli vengono mosse.

Tutte le accuse
Secondo il Csm, il rapporto privilegiato intrattenuto con l’ex procuratore aggiunto Antonio Ingroia avrebbero finito per condizionare le decisioni di Messineo. Una situazione che avrebbe determinato spaccature e incomprensioni nell’ufficio. Ed ancora: a Messineo viene rimproverato un utilizzo non continuo dello strumento dell’astensione rispetto ad alcune inchieste, come quelle che hanno riguardato il cognato e il fratello dello stesso Messineo. Il procuratore, infine, non avrebbe favorito la circolazione delle informazioni all’interno dell’ufficio. Un difetto di coordinamento, la cui conseguenza “sarebbe stata la mancata cattura del latitante Matteo Messina Denaro”. Così scrive il Csm nell’atto di incolpazione, citando l’accusa del procuratore aggiunto Leonardo Agueci. Uno dei più critici, assieme a Teresa Principato, sull’operato del capo.

Clima pesante in Procura
Le accuse riassumono il clima pesante che da mesi si respira a Palermo. L’ufficio della Direzione distrettuale antimafia è al centro di un grande intrigo fatto di inchieste scottanti, poltrone che scricchiolano e persino colpi bassi. Il caso Messineo esplode al Csm nel giorno in cui per il procuratore arriva una buona notizia da Caltanissetta. Il Gip, infatti, ha archiviato l’indagine aperta a suo carico per la presunta fuga di notizia legata all’ex direttore generale di Banca Nuova, Francesco Maiolini.

La faccenda venne fuori dall’intercettazione di due telefonate. Il 12 giugno dell’anno scorso Maiolini, che aveva ricevuto un invito per essere identificato, avrebbe riferito ad un avvocato e ad un dirigente bancario di avere saputo, tramite Messineo, a proposito di un’indagine per usura bancaria, che il fascicolo riguardava fatti del 2010 e non del 2009, come lo stesso Maiolini riteneva, e che era iscritto ancora a carico di ignoti. Maiolini era ascoltato, ma non indagato, in un’inchiesta su un presunto caso di riciclaggio che coinvolgerebbe altre persone.

La questione si ingarbugliò quando il procuratore di Caltanissetta, Sergio Lari, si astenne dall’inchiesta, che fu affidata al procuratore di Catania Giovanni Salvi. Messineo, nel corso di un interrogatorio, si era presentato con il foglio dell’avviso di identificazione di Maiolini e un biglietto di Lari con su scritto “Un caro saluto, Sergio”. Messineo disse di averlo ricevuto, e protocollato, e di essersi occupato di Maiolini in seguito alla richiesta del collega nisseno. Che non ha mai fatto mistero di conoscere Maiolini. Ora Palazzo dei marescialli critica Messineo per le sue relazioni con “soggetti titolari del potere politico ed economico locale”. Il riferimento e’ all’ex manager di Banca Nuova. Il procuratore avrebbe invitato il suo sostituto Marco Verzera che indagava sulla presunta usura bancaria a “soprassedere in attesa di ulteriori acquisizioni”. Che i i rapporti fra i due fossero consolidati lo dimostrerebbe il fatto che Messineo in passato chiese a Maiolini “un posto di lavoro per suo figlio”.

E il caso finì al Csm, che ha convovato i colleghi di Messineo. A cominciare dagli aggiunti Leonardo Agueci, Maurizio Scalia, Teresa Principato, Vittorio Teresi e Lia Sava (che intanto è passata alla procura di Caltanissetta e a Palermo era titolare dell’inchiesta a carico del cognato di Messineo, Sergio Sacco, per associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione. Anche il fratello del procuratore è finito sotto processo. E’ stato assolto in primo grado e prosciolto in secondo grado per prescrizione in un processo per truffa). L’attenzione dei consiglieri si è concentrata soprattutto sulla gestione della Procura da parte di Messineo e sui rapporti interni all’ufficio. Una gestione che oggi scopriamo essere stata valutata come indebolita.

I rapporti con Antonio Ingroia
L’inchiesta sull’usura bancaria era coordinata da Ingroia. Sul tavolo del magistrato, trasferito ad Aosta dopo aver fallito l’appuntamento con la politica, erano finite le intercettazione effettuate a giugno. Sei mesi dopo, e pochi giorni prima di volare in Guatemala per mettersi al servizio dell’Onu, il procuratore aggiunto aveva trasmesso il fascicolo, intercettazioni compresa, a Caltanissetta. Ingroia e Messineo hanno condiviso anni di lavoro spalla a spalla. Un rapporto, il loro, che ci riporta indietro al luglio del 2006, quando il Csm nominò Messineo nuovo procuratore di Palermo. La corrente di Messineo – Unità per la costituzione, il gruppo centrista con la maggioranza al Csm – aveva deciso di puntare su altri nomi. In lizza erano rimasti i procuratori aggiunti Guido Lo Forte e Giuseppe Pignatone, anche loro di Unicost e rappresentanti delle due anime che da anni si contrapponevano in procura a Palermo. E così alla fine tornò in auge il nome di Messineo, allora capo dei pm di Caltanissetta. Alla prima votazione Messineo si fermò agli 8 voti dei centristi, Pignatone ai 6 espressi dalla corrente di centrodestra – Magistratura indipendente – e dei laici della Casa delle libertà, Lo Forte ai 5 di Magistratura democratica, la corrente di sinistra. Alla seconda votazione Messineo raggiunse quota 16 preferenze. Su di lui, con un ribaltone che metteva in minoranza le correnti di centro e centrodestra, confluirono i voti di Md. Caduta la candidatura di Lo Forte, storico vice di Giancarlo Caselli, e pur di non votare Pignatone, erede naturale di Piero Grasso andato all’Antimafia nazionale, Md scelse di puntare su Messineo.

Dunque il patto fra Md e Unicost portò Messineo a Palermo. Negli ultimi tempi, però, il rapporto tra Messineo e Ingroia era sembrato vivere delle frizioni. Prima la decisione di Messineo di non firmare l’avviso di conclusione delle indagini sulla trattativa Stato-mafia. Poi, la presa di distanza dalle parole di Ingroia che definì “politica” la sentenza della Corte costituzionale che diede ragione a Giorgio Napolitano nel conflitto di attribuzione sollevato dal Capo dello Stato sulle telefonate con Nicola Mancino.

La mancata cattura di Messina Denaro
Infine c’è il capitolo Messina Denaro. A giugno 2012 scattò l’arresto di una ventina di mafiosi o presunti tali di Agrigento. Tra questi c’era Leo Sutera, indicato come il nuovo uomo forte della provincia agrigentina. Il suo arresto avrebbe mandato all’aria la pista che avrebbe potuto portare i carabinieri del Ros al boss di Castelvetrano. Il procuratore aggiunto Teresa Principato non le mandò a dire e scrisse una e mail ai colleghi della Dda, criticando la scelta del procuratore Messineo di dare il via libera al blitz. I carabinieri erano davvero convinti che la pista Sutera fosse quella giusta. Sutera era stato stato fotografato mentre ritirava dei pizzini la cui paternità sarebbe di Messina Denaro. Allora il procuratore aggiunto Vittorio Teresi difese la scelta di fare scattare il blitz. Si era data possibilità, senza esito alcuno, ai carabinieri di indagare e l’arresto di Sutera, come degli altri, non poteva più essere differito.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    E se l’inchiesta sulla “trattativa” fosse una grande operazione giudiziaria di depistaggio da altri scenari relativi alle stragi?
    Non riuscirei a crederlo.

    Noooo! Ma dai!

    C’era una volta il pool antimafia. Lo smantellamento si avvia alla conclusione. Di mafia se ne parlerà solo nelle conferenze, lontano dai tribunali.

    Per carità tutto ma non chiamateli veleni questa e’ storia di ogni giorno …….poi quando le vicende esplodono diventano veleni ma ameno aspettiamo gli accertamenti poi potremo dire se di veleni o di verità si parla,per quanto amarissime.

    strano articolo, dimenticano una delle più importanti accuse fatte a Messineo, riporto da Corriere della sera:”…A Messineo viene anche contestato un utilizzo non continuo dello strumento dell’astensione rispetto ad alcune inchieste, come quelle che hanno riguardato il cognato e il fratello dello stesso Messineo. ..”
    Quindi nella stessa procura sono indagati il cognato e il fratello, basta questo a giustificare un trasferimento

    tra un Po sindacheranno anche che la sua auto blu in emergenza non si e’ fermata allo stop ..
    la gente capisce ….

    Ma quale smantellamento. .. mica sono al livello di caponnetto o grasso questi

    Che dire ?

    Signore, pietà!

    Cristo, pietà!

    Più che essere tornati alla stagione dei velini, dei corvi, delle iene o delle donnole, sembra si sia aperto uno spiraglio sugli intrighi di una procura tra le più chiacchierate d’Italia. Si spera soltanto che, una volta per tutte, il bisturi della Giustizia sappia raggiungere e tagliare anche le più nascoste malformazioni.

    io non sono un addottorato, ma quale incompatibilita’, esiste confusione democratica ed oggi se abbiamo la possibilita’ di dire cio’ che pensiamo, lo dobbiamo ai giudici messineo ingroia ea altri giudici che non si lasciano intimorire anche dalle minaccie che vengono da chi crede di governare la democrazia che i nostri padri hanno guadagnato con la lotta e con la vita, grazie INGROIA di cio’ che hai fatto e cio’ che farai.

    Magari non l’autoblú ma che vada al supermercato con gli uomini appresso e altri ad attenderlo nell’autoblú in doppia fila, francamente mi pare una forzatura, considerato che Caponnetto viveva dentro un locale della Guardia di Finanza!

    ma io le leggo queste cose nell’articolo. boh, non ci capisco più niente.

    Poco male, vuol dire che il prossimo anno anzichè essere al 166° posto nel mondo per efficienza della giustizia scenderemo al 180°: l’importante è che i cittadini continuino ad avere fiducia nella magistratura.

    Viva la magistratura , bravi, intellettualmente onesti e soprattutto come gli angeli senza sesso ne’ peccati!!

    Questa è una città strana, xchè oltre ai riina provenzano messina denaro ed altro c’è una popolazione che subisce gli abusi d’ufficio dei burocrati e dipendenti pubblici. Se è vero come vero che a PAlermo la burocrazia sterile e collusa è una piaga al apri della criminalità organizzata i conti non tornano xchè se in altre procure d’Italia questi signori sia burocrati sia mafiosi sono indagati ed arrstati nonchè rinviati a giudizio a PAlerrmo sembra che tutto funzioni alla grande e tutti sanno che non funziona proprio nulla ma nulla strade sporche, giradini pubblici abbondonati, uffici delle asp dove si pensa a tutto tranne che dare assistenza vera, gare pilotate gridate e poi nessuno che paga. Allora ho la giustizia è uguale per tutti o ilsistema implode e non mi riferisco alla vicenda del procurartore cn BAnca NUova , ma a tutti quegli abusi che non vengono perseguiti. Speriamo bene per un prossimo futuro.

    Quanto si sta verificando in questi giorni riguardo la Procura di Palermo, cose di cui in tanti si meravigliano, non è altro che la conferma di quello che è sempre stata questa Procura, cioè un colabrodo e, comunque, con i serpenti velenosi sempre in giro, almeno da quello che si è sempre letto nei vari quotidiani ed ascoltato dai vari mass media in genere. Non dimentichiamo, senza voler andare indietro nei secoli, che c’è stato il periodo del “corvo” e, poi, andando avanti, fino al giorno d’oggi, le polemiche, gli attriti e le guerriglie interne non sono mai mancate. In tutto questo, ovviamente, non ci dimentichiamo che ci sono stati dei periodi positivi con la presenza di P.M. che hanno dedicato con serietà ed abnegazione la loro vita a combattere la criminalità mafiosa con risultati eccellenti ed eccezionali…….poi, il buio…… o quasi. Non posso fare a mano di pensare che ci sono stati (in passato) p.m. che vedevano dappertutto mafiosi, persone colluse con la mafia o con la criminalità in genere, anche fra onesti cittadini o fra personale delle forze dell’ordine che svolgeva il proprio servizio con serietà ed onestà, i quali, per colpa di costoro, hanno dovuto passare tanti momenti di sofferenza assieme alle loro famiglie e, poi, magari dopo essere stati per anni sotto processo, essere assolti perchè il fatto non sussiste. Meditate gente meditate.

    Povera Terra…irredimibile.
    Se il becchino ha il morto in casa …chi deve tumulare le ingiustizie?

    Ma quale periodo del corvo… questi non sono paragonabili a Grasso o a Caponnetto. Il corvo era un’altra cosa

    Con la partenza di Messineo ad Aosta i tour operator registrano il tutto esaurito!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.