Consiglio, giochi quasi fatti | Totò Orlando verso la presidenza - Live Sicilia

Consiglio, giochi quasi fatti | Totò Orlando verso la presidenza

Ferrandelli: "Basta liti nella maggioranza, voteremo il loro nome". Anche Sinistra Comune si accoda

Palermo, Sala delle Lapidi
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Totò Orlando sempre più vicino alla riconferma nel ruolo di guida del consiglio comunale di Palermo. Il presidente uscente di Sala delle Lapidi, infatti, riceverà il sostegno di gran parte del centrodestra presente tra i banchi dell’opposizione. La decisione, già nell’aria da tempo, è stata adottata definitivamente nel corso di una riunione avvenuta in mattinata tra i consiglieri che fanno riferimento a Fabrizio Ferrandelli e gli uomini di Forza Italia. “La campagna elettorale è finita e la città ha bisogno che il consiglio e le commissioni inizino a lavorare fin da subito – afferma Ferrandelli -. Non ci interessa il balletto che vede protagonisti in queste ore alcuni elementi della maggioranza che sgomitano per una questione di poltrone. In maniera responsabile abbiamo deciso di votare il candidato alla presidenza che verrà proposto dalla maggioranza – prosegue Ferrandelli – mentre per la vicepresidenza, che da consuetudine spetta all’opposizione, abbiamo scelto Giulio Tantillo il quale risponde a quel criterio di esperienza istituzionale consolidata che è fondamentale per questo ruolo”.

Orlando, dunque, dovrebbe ottenere gran parte dei dieci voti rappresentati dal blocco ferrandelliano e da Forza Italia. Tra gli azzurri dovrebbe smarcarsi dalla decisione adottata in mattinata Sabrina Figuccia, da giorni in rotta con Tantillo. Rumors danno la neo eletta consigliera già in uscita da Forza Italia. Scelta diversa anche per Marianna Caronia, che ha già annunciato l’intenzione di votare Francesco Scarpinato per la presidenza e il grillino Ugo Forello per la vicepresidenza. “Rappresento i novantamila palermitani che alle ultime elezioni mi hanno scelto – ancora Ferrandelli – e ho il dovere di dare una indicazione ai miei consiglieri. Se ci saranno scelte diverse da quelle decise dal gruppo saranno esclusivamente a titolo personale”. L’ex candidato sindaco torna però ad attaccare la maggioranza uscita vincitrice dalle urne: “Da giorni assistiamo a tatticismi e personalismi del tutto interni alla parte politica che dovrebbe avere tutto l’interesse a lavorare per la città. A noi non interessa prestare il fianco a chi intende giocare una partita del tutto personale – prosegue Ferrandelli, che ufficializzerà la scelta in aula – e quindi abbiamo deciso con grande senso di responsabilità di votare il nome che verrà proposto dalla maggioranza. Basta giochetti, è il momento di occuparsi della città creando subito le commissioni per consentire al nuovo consiglio di lavorare a pieno regime. Si è già perso troppo tempo per le verifiche dei risultati elettorali”.

A questo punto Orlando vede il traguardo dell’elezione al primo turno, quando sarà necessaria la maggioranza assoluta dei voti espressi (21 preferenze su 40). Il nome prescelto dal sindaco potrebbe sfondare quota 30. Nella maggioranza, infatti, le trattative sono ancora in corso per cercare di far rientrare la protesta di Sinistra Comune, che nei giorni scorsi ha lanciato la candidatura dell’ex assessore alla Scuola Barbara Evola. La seduta del consiglio è prevista per le 15 e verrà presieduta da Forello, il consigliere più votato.

*Aggiornamento ore 14.34
Rientra anche la fronda di Sinistra comune. In una nota i quattro consiglieri, capitanati da Giusto Catania, hanno annunciato il ritiro della candidatura di Barbara Evola: “Palermo perde una opportunità – spiegano in una nota -. Sentiamo la responsabilità politica di non voler spaccare la maggioranza alla prova del primo voto e, considerato che i nostri quattro voti sono decisivi per la tenuta della coalizione che ha vinto le elezioni, abbiamo formalmente comunicato il ritiro della proposta di Barbara Evola”. Parole comunicate al sindaco, Leoluca Orlando, nell’ultimo faccia a faccia di questa mattina.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Che delusione Ferrandelli…………

    NON SI CHIEDONO PERCHE’ IL 50% NON HA VOTATO. NE VEDREMO DELLE BELLE ALLE REGIONALI. IO NON VOTO PIU’

    Bravo Ferrandelli.
    Stai dimostrando di essere molto più maturo e pronto per un ruolo di leadership per una sana opposizione

    Grazie Fabrizio Ferrandelli, appoggiando Totò Orlando avete fatto la scelta migliore.

    fERRANDELLI MI SEMBRA IL PIù SERIO DI TUTTI. GLI ALTRI ATTORI DI POCO CONTO.

    Ferrandelli farà come Napoleone perderà e si ritirerà all’isola d’Elba, per la gioia di Orlando! Grazie, votandolo avevo creduto in Lei, mi sono sbagliato!

    Caro Fabrizio cominciamo male , ma molto male , i tuoi elettori lì cominci a
    deludere fin da subito . Ma guarda che ci sono le regionali e , chi ti ha preferito
    alle comunali non é , che e’detto , che con questo inizio , ti rinnovi la fiducia .
    Poi la giustificazione , che lo si fa , per iniziare a far lavorare la macchina elettorale,
    potrebbe creare un po’ di ilarità .

    Abbastanza incoerente quel “Rappresento i novantamila palermitani che alle ultime elezioni mi hanno scelto…”, dichiarato da Ferrandelli. La scelta di collocarsi lungo l’asse del sindaco Orlando imposto da Tantillo, non gli da titolo di giudicare le prese di posizione di altri colleghi di maggioranza e di opposizione, ne di rappresentare i cittadini che lo hanno votato. Ritrovandosi a Sala delle Lapidi, non da eletto ma da rappresentante di opposizione meglio classificato. La sua sarà una navigazione a vista scollata dalla Città che lo ha votato come sindaco.

    In tal modo si semplificano gli scenari futuri: l’opposizione verrà rappresentata dai consiglieri del M55, che dovrànno attrezzarsi e imparare in fretta i meccanismi d’Aula e non perdere il contatto con la Città; al sindaco Orlando l’onere e la responsabilità di amministrare con una ampia convergenza d’Aula che si estende fino all’ex delfino Ferrandelli.

    cosa ottieni non votando?che altri scelgano al posto tuo e gli eletti scelti dalle clientele prendano decisioni che poi avranno conseguenze sulla vita tua e di tutti quelli che non sono andati a votare. il voto libero e democratico è l’unica arma che abbiamo. non usarlo è davvero patetico e da sciocchi. non esiste il meglio??si vota il meno peggio. la cosa di dire che sono tutti uguali è una totale scemenza. ci sono tante persone che ci credono davvero e pensano che la politica con la P maiuscola sia la cosa piu bella che esista perchè attraverso la politica si può cercare di migliorare le condizioni di vita delle persone. se a votare vanno solo quelli interessati, quelli mafiosi, quelli che devono ricambiare un favore fatto da un politico le cose potranno solo peggiorare. sveglia!!!

    Anche se ci sentiamo tutti democratici c’è una differenza fra democrazia e democrazia: quelle più consolidate sono sempre competitive al loro interno perché praticano un dialogo vivace e critico, mentre quelle più deboli – come la nostra – praticano la democrazia dello scontro, dell’insulto e della rissa. Se tutti seguissimo l’esempio di Ferrandelli avremmo una città che vive di dialettica e non tramonta mai.

    Potresti spiegare gentilmente da cosa lo evinci?
    Grazie

    Vedo con grande piacere che Ferrandelli comincia a fare politica con la P mentre la Caronia continua in maniera confusa!! Voglio ricordare che per motivi istituzionali e di regolamento la maggioranza propone il suo candidato a presidente e l’opposizione a vice presidente . Né l’uno né l’altro posso proporre un candidato non istituzionale con un ruolo che non gli compete. Se alla consigliera caronia non gli grada può non votarlo ma non proporre qualcosa che esula dal suo ruolo istituzionale e di opposizione ( ruolo di presidente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.