Palermo, da domenica in mostra il crocifisso di Michelangelo - Live Sicilia

Palermo, da domenica in mostra il crocifisso di Michelangelo

CULTURA
di
1 Commenti Condividi

Il celebre crocifisso ligneo attribuito a Michelangelo sara’ esposto a Palermo a partire da domenica nelle sale della Civica Galleria d’Arte Moderna, all’interno del complesso monumentale di Sant’Anna.
L’evento sara’ presentato domani, alle 16 nella sala conferenze della Civica Galleria dal sindaco Diego Cammarata e dal capo di gabinetto del ministro dei Beni culturali, Salvo Nastasi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    OSSERVANDO CON ATTENZIONE IL CROCIFISSO GIA’ ESPOSTO NELLA SALA DELLA REGINA DI PALAZZO MONTECITORIO CHE TALUNI INTENDONO ATTRIBUIRE A MICHELANGELO – OPERA CHE CON L’ESPRESSIONE SEMPLICISTICA “ATTRIBUZIONE” E’ GIA’ COSTATA AI CONTRIBUENTI 3.250.000 EURO E CHE NON HA CERTAMENTE PROCURATO DISPIACERE A CHI HA RINUNCIATO A QUESTA “ECCEZIONALE” PROPRIETA’ – HO IMMEDIATAMENTE AVUTO LA CERTEZZA CHE AL DI LA DELL’INDISCUTIBILE QUALITA’ DELLA FATTURA (MISTERIOSAMENTE INTEGRA NONOSTANTE UN NUMERO INCONTROLLABILE DI RESTAURI STRUTTURALI E CROMATICI CHE IL LEGNO E I PIGMENTI CROMATICI RICHIEDONO INEVITABILMENTE NEI SECOLI), LA MANO E L’ARTE STRAORDINARIA DI MICHELANGELO, FACILMENTE LEGIBILI – STANTE UNA PRODUZIONE BEN DOCUMENTATA E SEMPRE RICONOSCIBILE, PER QUELLA FORZA INCONFONDIBILE CHE SOLO I GRANDI RIESCONO A TRASMETTERE PER SEMPRE – SONO ASSOLUTAMENTE ASSENTI. PERSONALMENTE SONO TRISTEMENTE CONVINTO CHE LA “SCOPERTA DEL CROCIFISSO DI MICHELANGELO” SIA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI UNA SUGGESTIONE INVOLONTARIARMENTE PRODOTTA DA PERSONAGGI MEDIATICI AI QUALI OGNUNO – SECONDO LA PROPRIA CULTURA E INTELLIGENZA – PUO’ CREDERE O MENO. POICHE’ L’ARTE VERA FINORA NON HA AVUTO BISOGNO DI ATTRIBUZIONI ESCLUSIVE, FORTUNATAMENTE, LA STORIA DELL’ARTE UNIVERSALE HA SEMPRE RIVELATO NEL TEMPO – CON SEMPLICI STRUMENTI COMPRENSIBILI ANCHE AI PIU’ SEMPLICI – UNA VERITA’ CHE APPARTIENE A TUTTI E CHE CERTAMENTE NON E’ ESCLUSIVO PATRIMONIO DI POCHI “ILLUMINATI” CHE SI PROFESSANO, ATTRAVERSO STRUMENTI MULTIMEDIALI BEN COLLAUDATI AI QUALI PER INTUIBILI MOTIVI HANNO FACILE ACCESSO, UNICI GARANTI DEL SAPERE AI QUALI E’ RISERVATO IL DIRITTO INSINDACABILE DI GESTIRE LA REALTA’ STORICA. LE VERE OPERE DEL GRANDE MICHELANGELO HANNO SEMPRE PARLATO SENZA INTERMEDIARI, PERCHE’ L’ARTE VERA PARLA DA SOLA, CON STRUMENTI SEMPLICI E NON HA BISOGNO DI POCHI CONOSCITORI CHE “GENEROSAMENTE” NE RIVELINO L’APPARTENENZA, ECCO PERCHE’ E’ PATRIMONIO UNIVERSALE DELL’UMANITA’. CHI AMA L’ARTE, RICONOSCE REALMENTE I GRANDI CAPOLAVORI, TUTTO IL RESTO – PER QUANTO RIGUARDA QUESTA SCOPERTA – NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI E’ EFFIMERA SUGGESTIONE DANNOSA PERSINO AI “DISTRATTI”, ALLA CULTURA E ALLA STORIA DELL’ARTE REALE, CON LA QUALE PRIMA O POI, CERTI ATTORI MEDIATICI, FARANNO INEVITABILMENTE I CONTI. SONO PERFETTAMENTE D’ACCORDO ANCHE CON QUANTO PUBBLICATO DA MAURIZIO MARINI “Il Tempo – 23 dicembre 2008”
    FRANCESCO BUFFA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *