Villa Sofia, si rifiutano di fare il tampone e aggrediscono il medico - Live Sicilia

Villa Sofia, si rifiutano di fare il tampone e aggrediscono il medico

La vittima dell'aggressione ha sporto denuncia
PALERMO
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – “Altra aggressione ai danni di un medico ospedaliero a Villa Sofia, ospedale della città di Palermo. Ieri sera è toccato, a un medico di guardia del Pronto Soccorso Pediatrico”. A denunciarlo è Giuseppe Bonsignore segretario regionale CIMO (Confederazione Italiana Medici Ospedali).

“Nonostante gli appelli ripetuti – sottolinea Bonsignore – non si riesce ad arginare questo crescendo di episodi di violenza nei confronti dei medici ospedalieri. Sono fatti incresciosi che meriterebbero maggiore attenzione da parte di chi è preposto alla tutela e alla incolumità del personale sanitario”.

“La dottoressa in servizio – aggiunge Bonsignore – è stata ripetutamente spintonata dai genitori di un piccolo paziente che, come accaduto altre volte, si rifiutavano di far fare il tampone nasale per escludere positività al Covid. Sono intervenuti i Vigilantes e la Polizia. Il piccolo paziente è alla fine risultato positivo al Covid e per questo trasferito al Di Cristina”.

Il medico vittima dell’aggressione ha sporto denuncia nei confronti dei genitori del paziente.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    La violenza è sempre da condannare tuttavia dal primo gennaio 2023 sarà possibile accedere negli ospedali senza effettuare più tamponi così come ha già disposto il precedente governo…….

    Non pubblicate più queste notizie . Perché non fanno che accrescere la sfiducia nelle
    istituzioni . Dove sono . Chi tutelano . Dopo le prime volte , le istituzioni avrebbero
    dovuto immediatamente emanare a tutela degli operatori disposizioni di tolleranza
    zero , con sensibili aumenti di pene detentive nei confronti di questi individui , invece
    no , continuano ad essere prede facili da aggredire . Tanto lo stato , che forse non
    c’è mai stato , che se ci fosse stato , non saremmo arrivati a questo stato .

    Un fraterno abbraccio alla Collega. Per chi ha aggredito la dottoressa sarebbe giusta una condanna a pulire caditoie gratis per 5 anni.

    Non sempre i medici hanno ragione qualcuno e’ arrogante, una mia parente con febbre e’ rimasta dentro l’ambulanza senza coperte per quasi 20 ore, la figlia a un certo punto e’ ritornata a casa a prendere la coperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *