Palermo-Trapani,| le strade chiuse al traffico - Live Sicilia

Palermo-Trapani,| le strade chiuse al traffico

Ecco il piano traffico varato per le zone adiacenti lo stadio "Barbera" in occasione del derby siciliano: le strade da evitare e i percorsi alternativi.

VIABILITA'
di
1 Commenti Condividi

Sabato 9 novembre, in occasione della partita di calcio Palermo-Trapani che inizierà alle ore 15, il piano di viabilità predisposto dalla Polizia Municipale prevede l’istituzione di una grande area pedonale con chiusura al transito veicolare di alcune strade adiacenti lo stadio comunale “R. Barbera” dalle 12 fino alla conclusione della partita e comunque fino a cessato bisogno.

Dalle 12, oltre al consueto divieto di transito di Viale del Fante, nel tratto da Piazza Leoni a Piazza Salerno e delle Vie del Carabiniere e Cassarà, sarà estesa l’area pedonale (da Piazza Vittorio Veneto fino a Via Empedocle Restivo/Strasburgo) con la chiusura al transito veicolare di Via Croce Rossa (nel tratto da Piazza Vittorio Veneto a Via Villa Sofia), Via Trinacria, (da Via Val di Mazara a Piazza Papa Giovanni Paolo II) e la carreggiata centrale di Via De Gasperi in direzione stadio (con inizio nel tratto da Via Empedocle Restivo fino a Piazza Papa Giovanni Paolo II).

I veicoli provenienti da Pallavicino/Mondello diretti in centro città, da Viale del Fante saranno dirottati in Via Case Rocca per proseguire su Viale Ercole. La zona sarà presidiata dalle pattuglie della Polizia Municipale per indicare i percorsi alternativi agli automobilisti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    E’ mai possibile che appena c’è una partita di calcio qualsiasi, la zona diventa un caos completo. Ma perchè non eliminano lo stadio e lo trasferiscono al posto del velodromo? Zamparini aveva provato, ma non gliel’hanno permesso perchè i non invitati a pranzo erano troppi e quindi i viveri non bastavano per tutti. Quindi meglio restare nel caos che migliorare la situazione. Purtroppo noi siciliani saremo sempre l’africa dell’Italia per colpa di alcune teste… che governano questa terra maledetta da Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *