Tensione Sis-Rfi e licenziamenti | Passante verso lo stop ai lavori - Live Sicilia

Tensione Sis-Rfi e licenziamenti | Passante verso lo stop ai lavori

Il cantiere del passante ferroviario di Palermo

La Sis ha avviato la procedura di recessione dal contratto. Lo spettro di altri ritardi sull'opera.

7 Commenti Condividi

PALERMO – Un nuovo macigno arriva sul passante ferroviario, la linea che dovrebbe collegare la stazione di Palermo Centrale all’Aeroporto Falcone Borsellino. I lavori di raddoppio del binario potrebbero subire un arresto per il recesso del contratto da parte di Sis, azienda che sta eseguendo l’opera, impegnata in una trattativa con Rete Ferroviaria Italiana per rivedere i termini dell’appalto. I sindacati chiedono di “dare priorità al completamento o si rischia un’altra opera incompiuta”.

La contesa tra Rfi e Sis riguarda i costi dei lavori. Secondo le norme, quando un appalto supera di un quinto il suo costo complessivo ci si deve sedere a rinegoziare i termini oppure si ha diritto di recedere dal contratto. L’azienda palermitana ha portato sul tavolo la questione, di cui Livesicilia aveva già scritto, dei cento milioni di euro necessari a completare la fermata di viale Lazio e soprattutto i sessanta metri in vicolo Bernava, dove un problema con le falde acquifere ha causato l’allagamento della galleria e le lesioni di alcuni palazzi. I colloqui vanno avanti da febbraio, quando Sis ha annunciato di voler avviare la procedura per il recesso, e cercano di individuare una soluzione che potrebbe portare all’apertura del tratto tra Notarbartolo e Punta Raisi, con uno stralcio della questione Bernava.

Le cose sembravano comunque procedere nonostante gli intoppi, se ai primi di marzo Rfi poteva annunciare che l’opera è completa all’85 per cento e dichiarare, con tutte le cautele del caso, che i primi treni per Punta Raisi sarebbero potuti tornare a circolare entro la fine dell’estate. E invece venerdì scorso è arrivata la doccia fredda, con la notizia che Sis si prepara a licenziare i 261 dipendenti all’opera sul passante ferroviario. Rfi ha dichiarato in una nota che “suscita perplessità la conferma del licenziamento di 261 lavoratori da parte di Sis, proprio mentre sono ancora in corso interlocuzioni per riattivare la linea per l’aeroporto entro l’estate e definire poi le modalità per proseguire la seconda parte dei lavori”. Netto il rifiuto da parte dei sindacati dei lavoratori edili Fillea-Cgil, Feneal-Uil e Filca-Cisl, che in una nota congiunta hanno sottolineato che “il lavoro c’è e le opere devono continuare per consegnare il passante ferroviario alla città”. Per Paolo D’Anca, segretario Filca-Cisl, “se abbiamo aspettato venti anni per avere un passante ferroviario a metà non possiamo aspettare altri venti anni per completarlo: trovino un accordo e si vada avanti con la chiusura della linea”.

Sulla vicenda i negoziati non sono ancora chiusi: i sindacati hanno inviato una nota alla prefettura, al sindaco di Palermo e all’assessorato regionale alle Infrastrutture per chiedere che venga fatta chiarezza sulla situazione, e si attende il prossimo giro di trattative tra Rfi e Sis, fissato per il prossimo tre maggio a Roma.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Un miliardo duecento milioni di euro per raddoppiare il binario di un trenino per l’aeroporto che 10 anni fa andava benissimo a singolo binario, e più veloce di adesso …. chi ci ha guadagnato in questi 10 anni… quante ville e quanti yacht??

    La nausea. Questi lavori affidatele a ditte estere che sono piu’ serie e professionali

    da la Repubblica.it

    IRREDIMIBILE
    C’ è una parola – irredimibile – che da cinquant’ anni rimbalza fra la letteratura e la cronaca. Una parola diventata la condanna di un popolo e il senso di colpa di un paio di generazioni. Nel “Gattopardo” colorava di cenere il paesaggio, in “Porte aperte” incorniciava nel caos una fila di bancarelle. Corrodendo, sia in Tomasi che in Sciascia, ogni speranza di mutamento che non fosse un rimpiazzo di classi dirigenti: Borbone, Savoia, fascisti, democristiani. Non c’ era già più, Leonardo Sciascia, l’ ultima volta che la Sicilia parve credere che il mondo potesse cambiare con le idee: durante l’ effimera rivolta antimafia degli anni Novanta. Ci fosse stato, avrebbe incrinato falsi miti e distinto l’ autentico dal posticcio. Ma ci ha lasciato in eredità quell’ aggettivo, e l’ onere – titanico – di riportarlo dalla cronaca alla letteratura.

    FABRIZIO LENTINI
    20 novembre 2009

    Tutto ciò è semplicemente disgustoso!
    Ma tutti questi signori che giocano con il denaro pubblico hanno un briciolo di dignità?
    Ora basta, questo significa tenere in ostaggio un’intera città!

    MEGLIO LE DITTE ESTERE!!!!

    La SIS è una ditta estera! Esattamente spagnola! Solo che qui siamo in itaglia!!!

    … stavo spinnando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.